Logo
Stampa questa pagina

Jessica Jones: The Pulse 1-2, recensione: l'ingresso di Jessica nel Marvel Universe

Jessica Jones: The Pulse 1-2, recensione: l'ingresso di Jessica nel Marvel Universe

thep

Nella seconda metà degli anni ’90 la Marvel sprofonda in una crisi che la porta quasi sull’orlo del fallimento. In realtà è un periodo abbastanza critico per l’intero fumetto americano dopo le cifre da capogiro di inizio decennio e il successivo crollo del sistema. Fortunatamente, la Casa delle Idee si riprende grazie a una serie di iniziative editoriali, ben prima di essere provvidenzialmente acquisita dalla Disney nel 2009. Anche dal punto di vista creativo il nuovo millennio aveva portato una ventata di freschezza. Il presidente Bill Jemas impose una continuity meno serrata e più libertà creativa fra le serie, lanciò le etichette Ultimate e Marvel Knights, quest’ultima diretta dal disegnatore Joe Quesada, promosso poi al ruolo di Editor in Chief, che contribuirà a portare grandi e giovani autori alla corte della Marvel. Fu proprio in questo periodo che venne lanciata l’etichetta Max che presentava fumetti per un pubblico adulto, spesso slegati dalla continuity. Qui, il giovane Brian Michael Bendis, salito alla ribalta grazie alla sua Ultimate Spider-Man disegnata da Mark Bagley, lanciò nel 2001 Alias, una serie che aveva per protagonista un personaggio inedito: Jessica Jones.

the-pulse-1

Disegnata da Michael Gaydos, la testata con un colpo di ret-con inseriva nell’universo Marvel questo nuovo personaggio, ex supereroina dal passato tormentato che aveva appeso il costume al chiodo e aperto un’agenzia investigativa che dava appunto il titolo alla serie. Alias fu un vero successo di critica e pubblico e rese popolare il personaggio di Jessica Jones. Non essendo necessariamente collegato alla continuity, la Marvel sentì la necessità di inserire a pieno titolo Jessica nel suo universo narrativo e fu così che nel 2004 lanciò la serie The Pulse, serializzata per la prima volta in Italia sul quindicinale dell’Uomo Ragno e riproposta ora in due volume da Panini Comics nella collana da libreria Jessica Jones.

the-pulse-2

Abbandonate le atmosfere Max, ritroviamo l’ex eroina nel pieno del Marvel Universe, fidanzata con Luke Cage e impiegata come una sorta di analista nel settimanale del Daily Bugle intitolato, per l’appunto, The Pulse. Pur avendo Jessica Jones come suo fulcro, la serie è corale e dà ampio spazio alla redazione del Bugle, non solo J. Jonah Jameson e Robbie Robertson, ma soprattutto il cronista Ben Urich. Naturalmente, un ruolo rilevante avrà anche Luke Cage, qui come fidanzato di Jessica e padre della loro futura bambina. In più, faranno la comparsa tutta una serie di supereroi a partire da Spider-Man fino ai Vendicatori al completo.

The Pulse, dunque, è una serie pienamente inserita nelle vicende dell’universo Marvel e che mostra anche fondamentali nodi di continuity (come la cattura di Norman Osborn come Goblin, ad esempio) e le cui trame partono spesso da eventi dell’epoca impostati su altre serie (vedi la mini Secret Wars). Essendo un settimanale dedicato ai supereroi, The Pulse ci mostra anche tematiche relative al lavoro e al ruolo dei giornalisti e della stampa in generale con riflessioni interessanti e mai banali, mostrando quasi un dietro le quinte dell’universo Marvel. Punto focale, come sottolineato in precedenza, è la vita di Jessica Jones, le sue vicende private e i suoi dubbi esistenziali in particolari sulla sua maternità.

the-pulse-3

Al fianco di Bendis, nei vari story-arc, si alternano vari disegnatori a partire da Mark Bagley, passando per Brent Anderson, Michael Lark fino al co-creatore del personaggio Michael Gaydos che chiude la serie composta da 14 albi. In coda, troviamo l’annual disegnato da Olivier Coipel che completa, dunque, un cast di disegnatori assolutamente eterogeneo e con una varietà di stile completamente differente tra loro.

The Pulse non è una serie al livello di Alias, che all’epoca fu una vera sorpresa, ma è un’ottima testata, con situazioni e sviluppi interessanti, scritta da un Bendis in quello che è sicuramente il suo periodo migliore come sceneggiatore. Il suo merito principale è stato quella di inserire con successo e in maniera credibile Jessica Jones nell’universo Marvel e vale sicuramente la pena di recuperarla se si ama il personaggio.

Dati del volume

  • Editore: Panini Comics
  • Autori: Testi di Brian Michael Bendis, disegni di Mark Bagley, Brent Anderson, Michael Lark, Michael Gaydos e Olivier Coipel
  • Genere: Supereroistico
  • Formato: 17x26, 160/192 pp., C., col.
  • Prezzo: 16€ cad.
  • ISBN: 978-8891229946
  • Voto della redazione: 8
Comicus.it © 2000-2017. Tutti i diritti riservati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.