×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: media/k2/galleries/64228

Menu

 

 

 

Una storia di rivalsa sociale contro la Mafia, la recensione di The Passenger

Quando il senso di giustizia sociale ti ribolle in corpo è facile che ti penetri fin dentro ai sogni. È il caso del regista e sceneggiatore televisivo e cinematografico Carlo Carlei che, probabilmente per riequilibrare torti e ingiustizie che provengono dalla cronaca, sogna e tramuta in racconto una sorta di rivalsa sociale e morale nei confronti delle vittime della mafia, delle persone comuni, dei giudici e delle forze dell’ordine che cercano di combatterla. Possibile che oggi, a 25 anni di distanza, ancora non si conosca la verità dietro gli attentati di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e sulla famosa agenda rossa? Possibile che la spirale di violenza generata dai mafiosi e dai vuoti di potere debba ripetersi sempre con lo stesso copione che miete vittime innocenti? Possibile che non si possa fermare questo circolo vizioso?

the-passenger-1

The Passenger è dunque l’interruzione del ciclo, un racconto di rivalsa e speranza, il cazzotto con cui l’eroe tramortisce il nemico a fine film e ti fa uscire dalla sala soddisfatto. La vicenda è ambientata nella Palermo dei giorni nostri dove un atleta americano, tale James Sutton, è in luna di miele con la moglie. Durante una sosta in Autogrill, un latitante in fuga, l’anziano Don Masino Caligiuri, ormai alla fine del suo ciclo di potere, braccato sia dai suoi nemici che dalle forze dell’ordine, tenta un ultimo quanto disperato colpo di coda per riprendere il comando. Costringe, con pistola alla tempia, il novello sposo a fargli da autista minacciando l’uccisione della giovane moglie rapita, intanto, dal nipote del boss. Inizierà così una notte di totale follia e paura fra i bassifondi della città siciliana in un viaggio, anche introspettivo, nella cultura mafiosa, nella sua mentalità e nei suoi segreti.

the-passenger-2

A sceneggiare il soggetto di Carlei troviamo Marco Rizzo, autore già all’opera in vari testi dal forte impegno sociale relativi alla mafia e a chi cerca di combatterla, come Peppino Impastato. In questo caso parliamo di una storia che parte solamente dai fatti di cronaca realmente accaduti e che propone, con un’ampia componente hard boiled, un’ipotetica quadratura del cerchio delle vicende mafiose siciliane. Nel presentare la figura di Don Masino, il suo passato, il suo modus operandi e la sua filosofia, Rizzo propone infatti una chiave di lettura precisa e reale di quel determinato mondo. Insomma, trattasi si di fiction, ma assolutamente plausibile e, volendo, didattica nel suo essere così dettagliata e precisa. L’autore è abile sia nel portare avanti l’intreccio narrativo, che avrà una svolta in conseguenza a un colpo di scena del tutto inaspettato, sia nel tratteggiare i profili dei personaggi e nel costruire quel mondo sporco, oscuro e pieno di contraddizioni evidenti per chi non lo vive dall’interno. Caligiuri è un boss vecchio della vecchia mafia, con i suoi codici e le sue usanze, legato alla propria famiglia e a chi gli è fedele, spietato con chi lo ha tradito. Durante i viaggi in auto scopriamo anche il suo passato, la sua giovinezza, alcuni episodi chiave che lo hanno reso l’uomo che è. Ma durante questa notte, ne scopriamo anche le debolezze, sia fisiche che umane: tuttavia, è bene ricordarlo, non ci può essere alcuna immedesimazione da parte del lettore.

the-passenger-3

Ancora una volta, accanto a Rizzo troviamo Lelio Bonaccorso in un binomio quanto mai affiatato. L’artista traduce in disegni la sceneggiatura grazie al suo tratto sintetico ed espressivo capace di donare grande spessore emotivo ai personaggi nelle scene in cui vengono messi in evidenza i differenti mondi e valori dei due protagonisti e grande dinamismo nelle scene d’azione. Le tavole ripropongono il fascino della Palermo notturna buia e misteriosa grazie a una gabbia sempre varia e funzionale.
La colorazione digitale, supervisionata dallo stesso disegnatore, è ottima con i suoi toni scuri, giochi d’ombra e sfumature varie, tuttavia non è forse la più adatta ad abbinarsi allo stile di Bonaccorso privandone di naturalezza. Non è un caso se, in tal senso, le tavole migliori sono quelle seppia relative al passato dei personaggi.

The Passenger verrà presto trasposto al cinema, intanto possiamo gustarci l'opera che Tunuè propone in un elegante cartonato con carta lucida che rende giustizia al lavoro degli autori.

Dati del volume

  • Editore: Tunué
  • Autori: Soggetto di Carlo Carlei, sceneggiatura di Marco Rizzo, disegni di Lelio Bonaccorso
  • Genere: Thriller
  • Formato: 18x27, C, col., 176 pp
  • Prezzo: 19,90€
  • ISBN: 978-8867902118
  • Voto della redazione: 8

Galleria immagini

{gallery}64228{/gallery}
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.