Menu

 

 

 

coconino25-big

Tetris. Incastri internazionali

Non bisogna essere dei cultori del retrogaming per conoscere e apprezzare Tetris, uno dei giochi più famosi e venduti della storia dei videogame. Questo non solo perché ancora oggi la sua prima versione per il pubblico, uscita nel 1984, è godibile come all’epoca, ma perché nuove release ufficiali continuano a uscire per le più disparate piattaforme. E tutti, almeno una volta nella vita, hanno giocato a una sua versione o a uno dei suoi innumerevoli cloni.

Le motivazioni del successo di Tetris sono molteplici: dalla semplicità all’immediatezza del gioco, fino a ragioni più complesse ben illustrate nel nuovo libro di Box Brown. La dipendenza che il gioco crea è tanta che Nintendo stessa lo scelse come killer-application da allegare al neonato Game Boy nel 1989.  Un successo così immenso e trasversale da meritarsi un’esposizione permanente al Museo di Arte Moderna di New York.

TETRIS 54-62 HR-1

Brown, già autore di André The Giant (che vi abbiamo recensito qui), perfettamente a suo agio nel narrare biografie e a trattare miti generazionali, dà vita a un racconto di estremo interesse, sia per il suo intreccio, sia per il fatto che si tratta di eventi realmente accaduti e di certo non noti a tutti. Nel raccontare la storia del Tetris l’autore parte dal 1984, anno in cui l’informatico russo Aleksej Pazhitnov inizia il suo sviluppo basandosi su alcuni giochi da tavolo. Il successo è tale che il gioco inizia a girare da floppy a floppy per le università russe fino ad arrivare in Ucraina dove verrà notato da Robert Stein, proprietario dell’Andromeda Software che lo farà conoscere poi al resto del mondo. L’intreccio che inizia da questo punto in poi diventa complesso e ricco in quanto Pazhitnov è generalmente poco interessato all’aspetto economico, anche perché nella Russia comunista è lo stesso stato a impostare e determinare le trattative economiche. Inoltre, i soggetti in gara per accaparrarsi il gioco inizieranno ad aumentare e la situazione inizierà a sfuggire di mano ai più fra accordi siglati e non siglati, settori di mercato da coprire (il contratto principale con Stein, infatti, prevedeva solo gli home pc e non le console e i portatili), processi e intricate situazioni politiche.

TETRIS 54-62 HR-2 copia

Box Brown riesce a far convergere tutti i vari elementi della storia, dallo sviluppo del videogame, agli aspetti sociali, a quelli politici, nonché interessanti digressioni sul ruolo del gioco e sul suo sviluppo e sulla storia della Nintendo. La sceneggiatura si attiene ai fatti ma riesce ad avere un’ottima componente romanzata che rende piacevole la lettura, oltre che interessante. In effetti, leggere Tetris è appagante sia sul piano dell’intrattenimento che su quello dell’apprendimento.

TETRIS 54-62 HR-3 copia

Lo stile grafico di Brown è molto cartoonesco con linee molto tondeggianti. Le tavole sono molto varie nella loro composizione ma altrettanto essenziali per quello che mostrano, l’artista non indugia nell’illustrare una gran mole di dettagli, gli sfondi sono spesso spogli, tutto ciò che non serve non viene mostrato perché sarebbe un’inutile distrazione. A dare vivacità al tutto ci pensa la tricromia che vede nel giallo una piacevole e funzionale aggiunta al bianco e al nero consueti.
L’edizione Panini 9L viene presentata in un comodo e maneggevole brossurato dal prezzo invitante. Tetris è un’opera caldamente consigliata agli appassionati di videogame e non solo. Un regalo natalizio perfetto, vista anche la recente ondata di revival anni ’80 con opere sul periodo e operazioni nostalgia come la versione mini dell’originale NES proposta da Nintendo (e andata a ruba).

Dati del volume

  • Editore: Panini Comics
  • Autori: Testi e disegni di Box Brown
  • Formato: 15,4x21,6, B. con alette, 256 pp.
  • Prezzo: 15€
  • ISBN: 978-8891223791
  • Voto della redazione: 8
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.