Menu

 

 

 

Gennaro Costanzo

Gennaro Costanzo

Follow me on Twitter

URL del sito web:

Il Giornalino 37 (anno 89)

Se esistesse un premio alla resistenza, alla tenacia e alla costanza fumettistica, Il Giornalino ne sarebbe il sicuro vincitore.
Dopo la scomparsa nel 1995 del Corriere dei Piccoli, il settimanale edito da Edizioni San Paolo è la rivista a fumetti più antica d'Italia e continua imperterrita la sua vita editoriale. E anche se per festeggiare il suo 90° compleanno dovremo attendere il 2014, il direttore Stefano Gorla ha deciso di giocare d'anticipo ed effettuare un restyling già da ora.

Sfogliando Il Giornalino 37 dell'anno 89, saltano subito all'occhio i nuovi contenuti e la nuova grafica, che sostituisce quella comunque fresca e recente in auge fino allo scorso numero.
Addentrandoci nella lettura, assistiamo a una decisa virata verso una direzione già intrapresa da tempo: l'abbassamento del target a cui la rivista si rivolge. Il cambio del sottotitolo da "la settimana formato ragazzi" a "la settimana dei lettori curiosi" ci fa entrare fin da subito in quest'ottica.
Storicamente Il Giornalino, pur rivolgendosi ai più giovani, era una rivista che si lasciava leggere e amare anche da un pubblico più in là con gli anni. Basterebbe citare i maestri del fumetto che vi hanno trovato ospitalità o l'accuratezza dell'apparato redazionale.
La prima sterzata in tal senso avvenne nel 2003 quando un primo restyling ne modificò radicalmente la struttura dopo anni in cui era rimasta immutata.  Il nuovo Giornalino prevedeva meno pagine e meno fumetti. La riduzione di quest'ultimi, pur rivolti a un target non troppo lontano dalla precedente incarnazione, lo rendeva di sicuro meno appetibile a un pubblico più maturo, meno interessato alla parte redazionale pensata per i più giovani. Nonostante questo, sono gli anni in cui licenze esterne, come quella di Spider-Man, hanno mantenuto alto l'interesse da parte degli appassionati di fumetto.

Col tempo, ulteriori restyling e cambiamenti hanno fatto sì che la rivista fosse sempre più pensata per un pubblico under 12, seppur fumetti interessanti e trasversali sono tutt'oggi ancora presenti.
È però difficile che una testata di 68 pagine, di cui solo 27 dedicate ai fumetti, possa catturare l'attenzione degli appassionati del genere ed è evidente come il fulcro della stessa non siano più quest'ultimi come in passato (ormai lontano).
Tuttavia, la scelta effettuata da Gorla è da difendere: sfogliando e leggendo Il Giornalino, è necessario immedesimarsi in un ragazzo di 7-11 anni, sono loro a doverne godere. Ci si trova così davanti a una rivista curata nel minimo dettaglio, ricca di spunti, racconti e articoli (a scopo didattico o di intrattenimento) pensati per i più giovani. E ragionando sull'attuale panorama fumettistico, una realtà del genere è assolutamente necessaria.
Un tempo i lettori di quell'età potevano godere di una vasta scelta di "giornalini", primo fra tutti il Corriere dei Piccoli, lettura imprescindibile, per poi passare a leggere il Giornalino non appena si cresceva un po'. Ora, quel vuoto lasciato non solo dal Corrierino ma dalle tante riviste scomparse, è colmato proprio dal settimanale paolino.
D'altro canto, i post-adolescenti troveranno presto pane per i loro denti. È ammirevole infatti l'intenzione di Stefano Gorla di creare un parco di riviste per lettori di ogni età: oltre alle varie G Baby per i prescolari, prossimamente esordirà Super G, una sorta di Giornalino del passato, rivolto non solo agli over 12 ma anche a tutti gli appassionati di fumetti.

In chiusura, è doveroso spendere qualche parola sui fumetti presenti in questo numero.
Da tempo ormai, probabilmente per ridurre i costi, le pagine a loro dedicate sono per la maggior parte occupate da produzioni non italiane. In questo caso Il Castello dei Gatti (di Loïc Jouannigot) e Cèdric di Raoul Cauvin e Laudec. Il primo dei due è la terza parte, per di più muta, di un racconto lungo, scelta curiosa in quanto con un rilancio sarebbe stato preferibile non inserire storie già in corso.
Come novità, che per questo conquista anche l'onore della copertina, troviamo la serie Tennis Academy di Demetrio Bargellini e Angela Allegretti, fumetto a puntate dedicato al giovane Tommy che sogna di diventare un grande tennista.
Le restanti storie di Ippo (Stefano Frassetto), Fra Tino (Athos), Bau & Woof (Fabrizio Lo Bianco e Claudio Stassi) e Le incredibili avventure di Capitano G (Marcello Toninelli) sono tutte brevi.
La qualità dei fumetti resta quella di sempre, dunque mediamente buona, e i personaggi ruoteranno di numero in numero (nel prossimo sarà presente, per esempio, lo storico Pinky di Massimo Mattioli).
È naturale che la sezione fumetti così com'è risulti un po' povera per spingere i fuori taget a comprare la rivista, ciononostante Il Giornalino rimane una delle istituzioni del nostro fumetto e l'ideale per avvicinare i giovani al mondo delle nuvole parlanti.

Iron Man 3: recensione Blu-ray

ironman3 blurayIron Man 3, il film record della Marvel (secondo solo a The Avengers) capace di raccogliere ben oltre un miliardo e 200 milioni di dollari in tutto il mondo, e classificandosi al 5° posto come maggior incasso di sempre, esce in home video in DVD e Blu-ray Disc e Blu-ray 3D.
La versione ad alta definizione, ci propone la pellicola che vede Tony Stark/Iron Man, interpretato dal sempre brillante Robert Downey Jr., affrontare la minaccia terroristica del Mandarino. Ma, dietro questa minaccia si nasconde qualcosa di ben diverso e in effetti il film sembra voler inviatre a una riflessione sull'utilizzo strumentale del terrore.

Pellicola ad alto tasso di spettacolarità, la trama si svolge dopo gli eventi di The Avengers, con un Tony molto provato e in preda ad attacchi di panico. Ma sarà più l'uomo che l'armatura, alla fine, a risolvere il tutto e a salvare il mondo. Proprio per il voler metter al centro l'uomo più che la sua maschera, in certi passaggi Iron Man 3 assomiglia più ad uno spy-movie che ad un film di super-eroi, con Downey Jr. che sembra scimmiottare James Bond.

Per un giudizio più completo, vi rimandiamo alla nostra recensione (ad opera di Francesco Amorosino) fatta all'uscita al cinema. Qui possiamo dire che questo terzo atto della saga risulta un buon action-movie, di sicuro migliore del precedente ma un gradino sotto al primo (finora) insuperabile capitolo.

Rivolgendo la nostra attenzione al Blu-ray, numerosi sono i contenuti speciali. Oltre ad un'anteprima su Thor: The Dark World, già vista in rete, la parte da leone la fanno due documentari: "Iron Man 3 senza maschera" e "Analizzare la scena: l'attacco all'Air Force One".
Per quanto riguarda il primo contributo, assistiamo ad un classico ma molto interessante dietro le quinte della realizzazione, con commenti dello staff tecnico e degli attori.
"Analizzare la scena: l'attacco all'Air Force One" invece, ci mostra la realizzazione di una delle scene più spettacolari del film: il salvataggio in caduta libera da parte di Iron Man dell'equipaggiò dell'aereo presidenziale sotto attacco. Una scena girata dal vivo e solo dopo lavorata al computer.
Altri contenuti sono dei classici di queste edizioni: il commento audio, ad opera di Shane Black e Drew Pearce, e le scene eliminate ed estese (nonché gli errori) davvero interessanti e divertenti da vedere.

Il piatto forte però è dato dal bel corto Agente Carter che ci mostra, come dopo gli avvenimenti di Capitan America: The First Avengers, Peggy Carter (Hayley Atwell) sia diventata capo dello S.H.I.E.L.D.
Un lavoro delizioso e dal gusto retrò (è ambientato nel dopoguerra) e che, stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe dare il via ad una serie TV dedicata al personaggio.

Di seguito, le caratteristiche del Blu-ray: 

Data di uscita: 28 agosto 2013
Genere: Azione
Durata del film: 135 minuti circa
Formato film: 2.40:1 – 16X9
Lingue in DTS Digital Surround 5.1: Italiano, Spagnolo      
Lingue in DTS HDMA 7.1: Inglese
Lingue in Dolby Digital 5.1: Turco
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Inglese per non udenti, Danese, Finlandese, Islandese, Norvegese, Portoghese, Spagnolo, Svedese, Turco

CONTENUTI SPECIALI  BLU-RAY
•   Cortometraggio Marvel: Agente Carter
•   Iron Man 3 senza maschera
•   Analizzare la scena: l’attacco all’Air Force One
•   Scene eliminate ed estese
•   Errori
•   Un esclusivo dietro le quinte – Thor: The Dark Word
•   Commenti Audio

Serie TV per l'Agente Carter

Deadline rivela un nuovo potenziale progetto televisivo legato al Marvel Universe.

Dopo Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D., il personaggio di Peggy Carter (apparso nel primo film di Capitan America e nel cortometraggio Agent Carter) potrebbe essere protagonista di un serial in solitaria. Nei panni della protagonista dovrebbe ritornare Hayley Atwell.

Ad ogni modo, il progetto sarebbe in una fase iniziale e si starebbe cercando uno sceneggiatore. Di sicuro ne sapremo qualcosa di più più in là.
Restate sintonizzati su Comicus per ulteriori aggiornamenti sul progetto.

Thor: The Dark World: nuovi character poster

Sono stati diffusi due nuovi character poster di Thor: The Dark World con Lady Sif e Jane Foster. Li potete vedere di seguito.

THM SIF ITALY rgb THM JANE ITALY rgb

Interpretato da Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Natalie Portman, Christopher Eccleston e Anthony Hopkins e diretto da Alan Taylor, Thor: The Dark World sarà nelle sale l'8 novembre 2013, il 20 in Italia.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.