Menu

 

 

 

Giorgio Parma

Giorgio Parma

URL del sito web:

Justice League: i problemi del reshooting, tra spese elevate, impegni delle star e i baffi di Henry Cavill

La notizia dell'abbandono delle riprese di Justice League da parte di Zack Snyder a seguito di un grave lutto personale  ha causato non pochi problemi alla Warner Bros.. Per concludere il progetto è stato infatti chiamato Joss Whedon, precedentemente al lavoro sui cinecomic dei Marvel Studios con i quali non si è lasciato proprio in ottimi rapporti. Whedon ha richiamato gli attori principali per tutta una campagna di reshooting protrattasi per ormai due mesi tra Londra e Los Angeles.

Il costo di questa nuova produzione si aggira, secondo fonti di Variety che riporta nel dettaglio tutti i problemi che ruotano attorno a questa vicenda, si aggira attorno ai 25 milioni di dollari: uno sproposito se si considerano altri tipi di film che hanno subito questa sorte, tra cui i recenti Star Wars: Rogue One, Suicide Squad e World War Z, in cui genere i costi si aggirano fra i 6 e i 10 milioni.

Il problema principale, oltre il budget, è sicuramente il mettere insieme tutti gli impegni delle diverse star della pellicola. Se Ben Affleck e Gal Gadot al momento sono impegnati in questa unica produzione, Henry Cavill sta girando attualmente Mission Impossible 6, per cui deve assolutamente mantenere un bel paio di baffi che ovviamente su Superman non starebbero bene, e questo provocherà spese aggiuntive per la Warner che in fase di post-produzione dovrà rimuoverli con gli effetti speciali.
Anche Ezra Miller, con il sequel di Fantastic Beasts and Where to Find Them deve alternarsi sui diversi set, che per fortuna, si fa per dire, sono della stessa Warner e quindi le trattative interne sono molto più blande.

In tutto questo, le scene che Whedon sta girando per aggiungere più dialoghi e interazioni tra i personaggi, non gli varranno neanche il credito di co-regista, anche se non è da escludere una menzione come produttore o come sceneggiatore.
Staremo a vedere come risulterà il prodotto finale, sul quale la major sta investendo tantissimo.

Treasure Chest: il ritorno dell'avventura umoristica nella nuova antologia di Dayjob Studio, intervista

La scorsa settimana vi abbiamo parlato di un progetto interessante e tutto italiano, l'antologia Treasure Chest del Dayjob Studio, il collettivo composto da Federico Chemello, Maurizio Furini, Riccardo Gamba e Alberto Massaggia. Questo corposo volume di più di 350 pagine e in uscita a Lucca Comics, raccoglierà storie inedite di numerosi artisti e autori italiani, ben 31, che si ispireranno alla tradizione comica e avventurosa delle opere di Akira Toriyama per sviluppare nuovi mondi e nuove narrazioni divertenti.
Abbiamo quindi contattato i membri del collettivo per realizzare un'intervista che permettesse di approfondire la lavorazione dietro a quest'opera e apprendere diverse novità a riguardo. Trovate tutto qui di seguito, assieme a tre tavole in esclusiva realizzate, in ordine di apparizione, da Alberto Massaggia, Albhey Longo e Ruben Curto.

Cominciamo con la classica domanda di rito: come è nato questo Treasure Chest?

Una notte Federico si è letteralmente sognato questo volume, il giorno dopo ne ha parlato al resto del Dayjob Studio e ci è sembrata subito una buona idea, così abbiamo iniziato a pensare a come realizzarla.

Come autoproduzione, questo volume di quasi 400 pagine e 31 autori è una sfida importante, un'iniziativa di certo coraggiosa. Cosa vi ha spinti a imbarcarvi in questo lavoro?

In primo luogo la voglia di vedere il volume finito, può sembrare una risposta semplicistica ma crediamo che sia alla radice di moltissime autoproduzioni, sicuramente delle nostre.
In secondo luogo l'abbiamo vista come un'ottima opportunità per collaborare con vari autori che ci piacciono molto, anche se all'inizio non pensavamo così tanti!

All’interno del Dayjob Studio, come vi siete suddivisi il lavoro? Come è stato organizzato il tutto?

Federico ha gettato le basi per il progetto generale, dopodiché abbiamo discusso insieme su chi contattare e ognuno ha scritto ad alcuni degli autori che volevamo coinvolgere.
Una volta formata la squadra abbiamo iniziato a seguire una manciata di storie (e relativi autori) a testa come editor, Federico continua a supervisionare il progetto nel complesso e Alberto si occupa della grafica del volume.

Preview Alberto MassaggiaParteciperete anche voi a questa antologia e in che ruoli?

Parteciperemo anche noi e in maniera massiccia, oltre al lavoro di organizzazione ed editing siamo presenti come autori in 6 delle 21 storie, un paio disegnate da Alberto e Riccardo e le restanti disegnate da altri autori ma scritte da varie combinazioni di Maurizio, Federico e Riccardo.
In origine pensavamo di lavorare a meno storie, poi però hanno accettato di partecipare più disegnatori di quanti ce ne aspettassimo ed erano tutte persone con cui volevamo collaborare, così ci siamo rimboccati le maniche.

Il vostro volume è ispirato alle storie brevi e in generale alla produzione più esuberante e spensierata di un mangaka come Akira Toriyama, conosciuto ai più per la saga di Dragon Ball, ma autore di più ampio spettro. Qual è il vostro legame con l’autore e in particolare con questa sua produzione “secondaria”, se si considera la vastissima diffusione che hanno subito le sue opere principali?

Toriyama lo adoriamo, pensiamo che sia uno degli autori più importanti degli ultimi decenni e che abbia influenzato l'immaginario di lettori, spettatori e altri autori di fumetti come pochissimi altri hanno saputo fare.
Di solito però, come dici tu, è ricordato soprattutto per Dragon Ball; in particolare Dragon Ball Z ha influenzato infiniti altri shonen manga e non è difficile oggi ritrovare quel tipo di spirito in moltissimi fumetti in giro.
Altro discorso per le sue cose più buffe, come Dr. Slump & Arale o le sue storie brevi, secondo noi ugualmente fantastiche ma molto meno celebrate.
Sono fumetti purissimi, divertenti e fantasiosi per il gusto di essere divertenti e fantasiosi, senza nessuna pretesa ma allo stesso tempo estremamente vitali nella loro abbondanza di personaggi buffi e situazioni improbabili.

Preview Albhey Longo

Parlateci delle diverse storie che saranno raccolte nell'opera, per quanto potete, si sottintende. Come saranno sviluppate? Potete anticiparci qualcosa a riguardo?

Più di tutto ci interessa far capire che il nostro obiettivo non è nel modo più assoluto quello di scimmiottare Toriyama, e che si tratta di un'ispirazione tematica più che stilistica.
Volevamo provare a confrontarci con quel tipo di atmosfere e di immaginario, aspettatevi quindi storie molto leggere ed esplosive popolate da ragazzini, alieni, mostri giganti, robot umanoidi, combattenti, animali antropomorfi, cacciatori di taglie e di tesori, vecchi rincoglioniti e quant'altro.
Inoltre tutte le storie sono lunghe tra le 10 e le 20 pagine, volevamo evitare le storie cortissime che a volte si trovano nelle antologie ma tendono spesso a darci poca soddisfazione come lettori.

Come è avvenuta la selezione degli autori? Li avete contattati di persona secondo un vostro progetto artistico oppure avete indetto un’open call? Ci sono delle storie che sono state realizzate da team artistici: sono stati formati da voi o vi sono stati proposti?

Abbiamo discusso tra di noi su chi fossero le persone adatte al progetto e le abbiamo selezionate tra chi aveva già fatto fumetti con i toni giusti (o il giusto look, nel caso dei disegnatori), così da minimizzare i rischi di trovarci con storie fuori tema.
Speravamo di arrivare a una ventina di autori in totale, ma abbiamo trovato molto più entusiasmo di quanto ci aspettassimo e quasi tutti quelli che abbiamo invitato hanno deciso di partecipare, così alla fine siamo più di 30.
Nel caso delle storie realizzate da più persone, a volte la proposta è nata dagli autori stessi e a volte siamo stati noi a suggerire le collaborazioni.

Preview Ruben Curto

Gli artisti e gli autori coinvolti sono molto diversi tra loro come cifra stilistica, anche se si potrebbe identificare un filone di continuità che è l’adesione a un gusto pop prevalente. Avete fornito delle direttive particolari per queste storie, degli aspetti da includere o dei parametri a cui attenersi? O avete lasciato completa libertà artistica?

Da un punto di vista visivo abbiamo lasciato totale libertà artistica. Come dicevamo prima, non volevamo scimmiottare Toriyama e quindi era essenziale che nessuno snaturasse il suo stile di disegno per imitarlo.
Dal punto di vista dei contenuti abbiamo dato alcune direttive molto essenziali:

Dev'esserci un protagonista con un obiettivo chiaro

La storia deve risolversi in massima parte a pugni*

I personaggi devono prendersi in giro o insultarsi almeno un po' a vicenda

Vietato prendersi sul serio


*Potrebbe sembrare una regola un po' draconiana ma riguardando con attenzione le storie brevi di Toriyama ci siamo accorti di come praticamente tutte si risolvessero a pugni, anche quelle sul mal di denti o sugli inseguimenti in macchina.

Qual è stata la sfida più difficile incontrata nella realizzazione di questo progetto?

Finora sorprendentemente nessuna, dovremmo preoccuparci?
Forse è perché l'anno scorso in questo periodo eravamo alle prese con Hotline Miami: Wildlife [qui la nostra recensione], che oltre alla coordinazione tra gli autori necessitava di un confronto continuo con varie realtà come Devolver Digital, Humble Bundle e Dennaton Games (3 fusi orari diversi), ma organizzare quest'antologia in confronto è stato relativamente semplice.

Come sarà l’edizione da voi proposta? Ci saranno editoriali, prefazioni o postfazioni particolari? Vi atterrete ad una produzione più vicina al modello giapponese oppure sarà un prodotto più tipicamente occidentale? A livello di formato, cura editoriale, prezzo, caratteristiche tecniche varie…

Il volume sarà un brossurato di 16,8 x 24 cm con alette, sarà in bianco e nero e tutti gli autori presenti parteciperanno alle storie tranne Walter Baiamonte (che ha realizzato la copertina) e Capitan Artiglio (che realizzerà due illustrazioni che faranno da cornice al volume, all'inizio e alla fine).
Ci sarà - salvo disastri - un'introduzione di un autore che ammiriamo molto ma per ora ci teniamo la sorpresa, il prezzo invece è ancora da stabilire di preciso ma sarà qualcosa meno di 20€.

A quale target è diretta quest'opera?

A chiunque sappia apprezzare i fumetti spensierati e fantasiosi e abbia più di 10/11 anni, giusto perché ci sono un po' di battute ammiccanti qua e là che erano inevitabili visto il materiale di riferimento.

Cosa vi rende più fieri di questo prodotto?

Senza dubbio la squadra fantastica di autori che abbiamo riunito.

Avete già in mente di replicare con un progetto simile prossimamente o è ancora troppo presto per parlarne?

Più che troppo presto per parlarne è troppo presto per decidere, di sicuro l'idea di produrre altre antologie ci piace ma vedremo come va Treasure Chest e ci penseremo verso la fine dell'anno.

Ringraziamo i ragazzi del Dayjob Studio per la disponibilità e aver risposto alle nostre domande. Potete seguire gli aggiornamenti sul progetto sulla pagina Facebook ufficiale del collettivo, e di certo noi vi terremo aggiornati sui futuri sviluppi di questo progetto estremamente interessante.

SDCC17: il primo trailer di Ready Player One, il film di Steven Spielberg dal romanzo di Ernest Cline

Di seguito potete vedere il primo trailer ufficiale della pellicola Ready Player One, prodotta da Warner Bros. su regia di Steven Spielberg, che adatta per il grande schermo il romanzo del 2010 omonimo di Ernest Cline, in Italia noto solo come Player One. Il film, in uscita il 30 marzo 2018 nelle sale americane, ha per protagonista Tye Sheridan.

SDCC17: trailer per le nuove stagioni di Arrow, The Flash, Supergirl, Legends of Tomorrow, Gotham e altre novità

Dal San Diego Comic-Con piovono trailer e informazioni sulle nuove stagioni delle principali serie basate su proprietà DC Comics come Arrow, The Flash, Supergirl e Legends of Tomorrow per la The CW e un teaser della quarta stagione per Gotham della 20th Century Fox. Trovate tutto qui sotto.

Riguardo a queste serie sono anche state rese note alcune informazioni sul cast delle prossime stagioni.

Nella sesta stagione di Arrow vedremo il ritorno di David Nykl, mentore/nemesi di Oliver Queen, e in aggiunta Michael Emerson (Lost) entrerà nel cast in un ruolo ricorrente ancora avvolto nel mistero.
La serie ricomincerà il 12 ottobre su The CW.
Nella quarta stagione di The Flash invece il villain sarà The Thinker, il Pensatore, e sarà interpretato da Neil Sandilands; si aggiungono al cast anche Danny Trejo nel ruolo di Breacher, un cacciatore di taglie di Terra-19 e padre di Gypsy (Jessica Camacho), e Kim Engelbrecht nel ruolo di The Mechanic, ossia il braccio destro del Pensatore.
La serie ricomincerà il 10 ottobre su The CW.
Nella terza stagione di DC's Legends of Tomorrow vedremo invece il ritorno come guest star di Wentworth Miller (Captain Cold) e Arthur Darvill (Rip Hunter), e di Neal McDonough nei panni del villain Damien Darhk.
La serie ripartirà il 10 ottobre su The CW.
Nella terza stagione di Supergirl invece entrano nel cast Adrian Pasdar (Morgan Edge), uno spietato capitalista che non si fermerà davanti a nulla, Carl Lumbly (M’yrnn J’onzz), il padre di J’onn J’onnz, ossia Martian Manhunter (David Harewood), Yael Grobglas (Psi), un villain in grado di controllare la mente delle persone, e Emma Tremblay (Ruby), una giovane e intelligente ragazzina pazza di Supergirl.
Supergirl tornerà il 9 ottobre su The CW.

The CW ha anche svelato alcune novità sulla suo nuova serie Black Lightning che debutterà nella midseason autunnale. Due sono i nuovi ingressi nel cast: James Remar (Peter Gambi), amico di lunga data, mentore e padre spirituale del protagonista Jefferson Pierce, e Damon Gupton (Ispettore Henderson). Di seguito trovate il trailer della serie.

Lasciando da parte gli eroi DC, anche Riverdale ha avuto la sua parte al Comic-Con, dove è stato presentato il trailer della seconda stagione, sempre su The CW. Nel video anche gli errori della prima stagione.

Infine, per quanto riguarda la terza stagione di Lucifer della Fox, apprendiamo la notizia dell'ingresso nel cast di Tom Welling, il Clark Kent della serie Smalville, nel ruolo di Marcus Pierce, un poliziotto che al contempo presenta tratti opposti a quelli di Lucifer ma anche molte similitudini, tra cui il fascino, che porteranno i due a scontrarsi per conquistare Decker.

(Via SHH)

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.