Menu

 

 

 

Giorgio Parma

Giorgio Parma

URL del sito web:

Inumani Primo Contatto

Spesso si sente dire che l’etichetta Marvel Knights, creata dalla Casa delle Idee per permettere la realizzazione di storie più mature, autoriali e per un pubblico adulto, non è all’altezza dei prodotti sfornati dalla sua storica nemesi, la Vertigo della Distinta Concorrenza. Ed effettivamente se si fa un bilancio delle serie realizzate dall’una piuttosto che dall’altra si nota una certa discrepanza di qualità. Eppure ci sono delle belle sorprese e degli ottimi lavori anche in Marvel Knights e in particolare vi parliamo della serie Inhumans scritta nel 1998 da Paul Jenkins, allora astro nascente del fumetto americano, e disegnata meravigliosamente da Jae Lee. Una serie in 12 numeri, ora raccolti in un volumone dalla Panini Comics, che venne accolta con grande plauso di critica e pubblico e vinse ben due Eisner Awards, uno per autore, meritatissimi.
Gli Inumani, seppur apparsi per la prima volta su The Fantastic Four #45 nel 1965, non hanno mai goduto di storie in solitaria di particolare spessore e bellezza, se si escludono appunto questa serie del ’98-’99 e il graphic novel omonimo scritto da Carlos Pacheco su disegni di José Ladrönn; al momento però stanno rivivendo una sorta di rinascita editoriale, lanciatissimi nel Marvel Universe grazie allo scrittore Charles Soule.

inhumans 1

In questa opera in 12 numeri invece abbiamo uno sguardo a tutto tondo sul mondo di questa famiglia di esseri geneticamente superiori agli umani, sulla loro società genocratica, sulla loro vita, sulla loro mentalità e la loro diversità biologica, vero e proprio aspetto dominante della specie.
Una storia incredibilmente profonda, psicologica, a tratti estremamente angosciante e opprimente, riflessiva al punto da diventare interattiva, chiamando in causa direttamente il lettore, ponendogli quesiti, facendolo ragionare sul peso e sull’importanza delle scelte che vengono compiute dai personaggi, coinvolgendolo personalmente e mettendolo in gioco.

Il sipario si apre su Attilan, la leggendaria città degli Inumani, che ha subito numerose delocalizzazioni spaziali, dalla Zona Negativa ad Atlantide, dove si trova all’inizio di questa run. Una città circondata da una barriera potentissima che evita la contaminazione del microclima interno con l’atmosfera inquinata della Terra, e la protegge da attacchi esterni; tuttavia la quiete inumana viene minacciata da un esercito mercenario e da intrighi politici che mirano al vibranio nel sottosuolo della recentemente riemersa Atlantide.
Freccia Nera, il re degli Inumani, dovrà quindi affrontare queste minacce esterne e al contempo fronteggiare quelle interne che vedono suo fratello Maximus alle prese con una rivolta a capo degli Alfa Primitivi, specie creata in laboratorio dal genetista inumano Avadar, con lo scopo di realizzare una razza che liberasse gli Inumani da qualsiasi lavoro fisico. In questo precario equilibrio la goccia che farà traboccare il vaso sarà la trasformazione a seguito di Terrigenesi, processo che risveglia l’abilità genetica dell’Inumano in un essere biologicamente unico e superiore, in un Alfa Primitivo, gettando ombre sulla presunta perfezione genica della specie e mettendo in discussione l’effettiva direzione della loro mutazione, oltre che instillare i germi della non liceità e correttezza etica dello sfruttamento degli Alfa.

inh2

E Jenkins descrive magnificamente questa condizione di metastabilità, di precarietà assoluta, di crisi di certezze e di completa incertezza esistenziale e sociale. Il ritmo narrativo è sapientemente ammaestrato, con lenti, esaustivi e opprimenti periodi di gestazione e sviluppo degli intrecci iniziali che sublimano in rapidi e scattanti momenti risolutivi che rimuovono in modo deciso la non azione generando un climax vibrante e mai scontato.
Ma la vera peculiarità di quest’opera è il grande lavoro di approfondimento e indagine psicologica dei personaggi che lo scrittore porta avanti sin dalla prima pagina. Non ci troviamo davanti, come sempre più spesso accade, a vuoti involucri, marionette bidimensionali che lottano unicamente per la spettacolarità dell’azione; soprattutto gli Inumani vengono analizzati molto attentamente, facendoli interagire, dialogare, mossi dal loro intelletto e dai loro sentimenti, cercando di donargli vita propria, in un lavoro introspettivo mirabile.
Non si sentono forzature narrative in questa storia: Jenkins caratterizza i personaggi comprendendo appieno la loro natura e facendoli agire senza stonature o coercizioni, in completa armonia con il loro essere.

inh3

Molto spesso infatti ci vengono riportati per filo e per segno direttamente i pensieri dei singoli, permettendoci di capire i ragionamenti degli stessi; altre volte invece si sfrutta una voce fuori campo che chiama lo stesso lettore a mettersi in gioco e a rispondere agli interrogativi che gli pone, creando una complicità con il fruitore che porta l’interattività della lettura ad un livello superiore.
E il personaggio chiave dell’intera run, quella su cui più ci si focalizza, è re Freccia Nera. La figura muta di Blackagar Boltagon è la più comunicativa dell’intera opera, grazie soprattutto all’ottimo lavoro di Jae Lee. L’impossibilità di emettere suoni porta lo scrittore ad animarlo e definirlo tramite i suoi pensieri, lasciando all’abilità del disegnatore la comunicatività di un personaggio tormentato da dubbi, paure, responsabilità e doveri asfissianti di chi deve proteggere, accudire e governare un’intera civiltà.

inh4

Questo ciclo di storie è una sorta di racconto di formazione dai toni shakespeariani per tutti i personaggi che lo popolano, per un’intera società; tutti dovranno “evolvere” per far fronte ai pericoli che si porranno sul loro cammino.
Ed è nella parte grafica che si accentua tutto quanto fatto da Jenkins a livello di trama. Il titanismo, l’incertezza, la paura, l’ansia e il dolore vengono perfettamente messi su tavola dall’eccezionale abilità artistica di Lee che con il suo tratto marcato e scuro, dominato da un nero denso e morbosamente attraente, incupisce ancora di più l’atmosfera, rendendola ancora più claustrofobica e soffocante. Con uno stile spesso inquietante e realistico fino all’estremo, la tavola non è accessorio ma forza motrice essenziale dell’intera opera, fusa indissolubilmente alla narrazione.

Edizione Panini cartonata di grande formato che rende al meglio le pagine illustrate dell’artista e dona il pregio meritato alla storia, con una piacevole gallery finale di artwork e studi preparatori delle tavole. Immancabile nelle librerie di chi vuole storie Marvel autoriali o semplicemente di grande bellezza.

Pacific Rim: Tales of the Drift: annunciato il fumetto tratto dal film

Vi avevamo già detto che del franchise di Pacific Rim, che ha preso vita con un kolossal cinematografico diretto da Guillermo del Toro nel 2013, ne avremmo sentito parlare per molto. Infatti non solo verrà realizzata una trilogia per il grande schermo, di cui è in uscita il secondo capitolo il 7 aprile 2017, ma ci saranno anche una serie anime in 13 episodi e un fumetto che colmeranno i vuoti narrativi tra una pellicola e un'altra.

E la Legendary Pictures ha rivelato il titolo del comics basato sui personaggi della serie che uscirà a novembre 2015 in 4 numeri. Si intitolerà Pacific Rim: Tales of the Drift e sarà scritta da Joshua Fialkov (Elk’s Run, The Bunker) su disegni di Marcos Marz (Batman Confidential) con una storia ideata dal creatore della serie Travis Beacham.

"Dopo il graphic novel best-seller Pacific Rim: Tales from Year Zero, Legendary ci riporta in prima linea in un campo di battaglia sterminato con Pacific Rim: Tales From the Drift, la nuova serie a fumetti ufficiale presentata dal regista Guillermo del Toro e dallo sceneggiatore Travis Beacham. Preparatevi a combattere contro nuovi Kaiju in questa emozionante continuazione dell'universo di Pacific Rim".

pacrimtfd

Warren Ellis rivela di star lavorando ad un progetto per la Marvel

Giornalmente ormai la Marvel annuncia mini serie legate a Secret Wars, il maxievento che ridefinirà l'intero universo narrativo; ultimamente però sono state rese note due serie che prenderanno il via dopo questo crossover: si tratta di Uncanny Inhumans, qui potete trovare maggiori dettagli, e All-New, All-Different Avengers, di cui ieri vi abbiamo mostrato il cast completo di personaggi.

Recentemente però Warren Ellis (Planetary, Hellblazer, Global Frequency, Moon Knight) ha anticipato sulla sua pagina Tumblr di essere al lavoro su di una serie per la Marvel Comics di cui però non rivela altri dettagli.
Alla domanda di una fan che chiede se l'autore fosse interessato a realizzare una run di Daredevil dopo quella di Mark Waid risponde così:

"Lo sta scrivendo lui adesso? Scusami ma non leggo più quella serie da molti anni.

Io semplicemente scelgo un progetto Marvel dal parco di offerte che mi propongono, quindi non mi scervello tanto sulla serie che mi piacerebbe fare. Loro vengono da me quando vogliono che io lavori per loro e mi fanno offerte relativamente alle proprietà intellettuali di cui dispongono. (Comunque ho già selezionato e cominciato il mio progetto per la Marvel di quest'anno)".

Che si tratti di una terza serie post-Secret Wars non ancora annunciata? La Marvel non commenta ancora queste indiscrezioni.
Ricordiamo che recentemente Ellis ha lavorato per la Casa delle Idee su serie come Moon Knight per Marvel Now! e prima ancora su Secret Avengers e Thunderbolts.

Naruto: lo spin-off partirà il 27 aprile

Naruto Gaiden: Nanadaime Hokage to Akairo no Hanatsuzuki (Naruto Spinoff: The Seventh Hokage and the Scarlet Spring Month), questo il titolo della miniserie spinoff, di cui vi abbiamo già parlato, tratta dall'opera madre di Masashi Kishimoto, inizierà il 27 aprile su Weekly Shonen Jump, la rivista principe di casa Shueisha.

L'immagine promozionale riporta la scritta "Notizia importante: La storia entra in una nuova generazione..." facendo riferimento molto probabilmente al fatto che vedremo come protagonisti i figli degli shinobi della serie originale.

CBAok8oVAAA2otT.jpg large

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.