Menu

 

 

Panini Comics annuncia il volume da collezione Stan Lee: Marvel Treasury Edition

  • Pubblicato in News

Sulla scia del King-Size Kirby pubblicato lo scorso anno, Panini Comics annuncia sul nuovo Anteprima l'uscita del volume Stan Lee: Marvel Treasury Edition. Il libro di 816 pagine, formato 24x32,5, costerà 120€ e conterrà una selezione di avventure che ripercorreranno la lunga carriera del "Sorridente".

Di seguito, l'elenco completo delle storie presenti nel volume, fra cui diversi inediti:
Captain America Comics (1941) #3, #16, Mystic Comics (1940) #6, Suspense (1949) #29, Black Knight (1955) #1, Millie the Model (1945) #100, Life with Millie (1960) #10, Amazing Adult Fantasy (1961) #9, #11, Incredible Hulk (1962) #1, Amazing Fantasy (1962) #15, Tales to Astonish (1959) #35, Tales of Suspense (1959) #39, Rawhide Kid (1955) #33, Avengers (1963) #1, #15/16, X-Men (1963) #4/5, Sgt. Fury (1968) #8, Fantastic Four (1961) Annual #2-3, Patsy Walker (1945) #119, Daredevil (1964) #7, #47, Strange Tales (1961) #135, Thor (1966) #146/152, #179/181, Silver Surfer (1968) #3, Captain America (1968) #109, Our Love Story (1969) #5, Amazing Spider-Man (1963) #96/98, #365, #634/645, Marvel Premiere (1972) #3, Spider-Man Newspaper Strips 28/02-01/05/1977, Savage She-Hulk (1980) #1, Silver Surfer (1988).

MARVEL A320 fsa7r3-32

Leggi tutto...

Eroi Marvel in bianco e nero: Stan Lee & Jack Kirby – Capitan America: recensione

MGRMM001ISBN 0

Il fumetto popolare italiano è stato principalmente caratterizzato dal bianco e nero; nonostante nelle riviste antologiche il colore fosse spesso presente, in generale le pubblicazioni mensili hanno sempre preferito questa formula. Di conseguenza, il colore rappresentava un’eccezione, un lusso e veniva utilizzato dagli editori per edizioni di pregio o per albi celebrativi. In Giappone vale, all’incirca, la stessa regola. Nei paesi in cui invece il fumetto popolare è a colori (vedi la Francia o gli Stati Uniti) accade l’esatto opposto: è il bianco e nero a dare prestigio a un’edizione, specie quelle con l’obiettivo di mostrare l’arte di uno specifico disegnatore. Il motivo è semplice, l’assenza del colore ci permette di ammirare appieno il tratto di un artista visto che non sempre è lo stesso fumettista ad avere l’ultima parola sulla colorazione.

La collana Eroi Marvel in Bianco e Nero nasce proprio con l’intento di far apprezzare alcuni dei maggiori artisti della Casa delle Idee potendone osservare in maniera più dettagliata il tratto. Bisogna considerare inoltre che non sempre la colorazione ha reso giustizia a determinate opere o tavole e che, specie nei casi di fumetti con qualche decennio alle spalle, le tecniche e lo stile di colorazione sono cambiati.
Si parte, dunque, dal maestro per eccellenza della Marvel: Jack Kirby.

Panini Comics ha selezionato per l’occasione una sequenza di avventure di Capitan America che va da Tales of Suspance 92 a 99 e da Captain America 100 a 104 per un anno esatto pubblicazione che va dall’agosto 1967 all’agosto 1968. In Tales of Suspance, il Capitano divideva la testata con Iron Man ma dal numero 100 i due eroi, grazie all’espansione della Marvel, vivranno le loro avventure in due mensili separati. Questo permise di avere il doppio della pagine a disposizione, infatti le prime avventure raccolte nel volume sono composte da sole 10 tavole dove incredibilmente Stan Lee e Jack kirby riescono a creare intrecci avvincenti e convincenti. Naturalmente, col passaggio alle 20 tavole, le storie avranno un respiro ancora maggiore.

A315 Marvel-23

Il periodo è quello d’oro della Casa delle Idee, Lee & Kirby sono nel pieno della loro forma e la avventure di Capitan America, personaggio creato dallo stesso Kirby insieme a Joe Simon a inizio anni’40, mostrano lo stesso smalto e la stessa formula (supereroi con superproblemi) delle altre serie. Steve Rogers è un uomo fuori dal tempo, rimasto ibernato per 20 anni. Si innamora dell’Agente 13 (Sharon Carter), di cui ignora l’identità, ma le loro attività ostacolano il loro amore tanto che, schiacciato dai suoi stessi doveri da Capitan America e dalle responsabilità, Steve decide di appendere il costume al chiodo, seppur per poco. Le minacce, infatti, di Modock, del Teschio Rosso e del Dormiente non gli danno alternativa se non quella di essere sempre in prima linea.
Vicende avvincenti e divertenti ancora oggi, da classico del fumetto degno delle migliori opere del duo.

La novità di questa edizione, naturalmente, è da ricercare nel bianco e nero. Una scelta che, a nostro modo di vedere, esalta ancora di più l’opera. Confrontando, infatti, le stesse storie con quelle proposte in una recente ristampa a colori possiamo notare come la colorazione  (nuova, ma rispettosa dello stile dell’epoca) caratterizzata da tinte sature e contrasti netti, sottrae molto alle matite di Kirby che qui invece possono essere ammirate in tutto il loro splendore. Della bellezza e della potenza del tratto di Kirby, ne abbiamo parlato spesso in passato: l’artista è uno degli autori più influenti della storia del fumetto, il suo tratto pop, i suoi eroi dalle pose plastiche, il sense of wonder che riesce a tramandare, lo hanno portato nell’Olimpo del fumetto per sempre.
L’edizione Panini Comics, con sovraccoperta in pvc, rende giustizia al tutto grazie la suo formato 18,3X27,7 e a una confezione ben curata con carta ruvida di pregio. Un volume godibile per tutti e consigliato ai fan del Re.

Leggi tutto...

Panini Comics: un volume in bianco e nero per lo Spider-Man di Lee & Romita

  • Pubblicato in News

Dopo l'esordio di qualche settimana fa con il Capitan America di Jack Kirby, e dopo che è stato annunciato anche il Civil War di Mark Millar e Steve McNiven, Panini Comics ha annunciato sul catalogo Anteprima che il prossimo volume della collana Eroi Marvel in Bianco e Nero sarà dedicato allo Spider-Man di Stan Lee e John Romita Sr.

Il tomo, che contiene fra le altre storie Amazing Spider-Man #50, proporrà le storie dei due autori per la prima volt ain Italia in una versione non a colori per poter ammirare al meglio il tratto di Romita Sr.

Di seguito trovate tutti i dettagli del volume.

MARVEL A319-33

Leggi tutto...

La cover scartata di Spider-Man di Steve Ditko per Amazing Fantasy #15

  • Pubblicato in Focus

In edicola trovate, in questi giorni, il primo numero della collana Marvel Legends che propone la ristampa di Amazing Fantasy #15 e una targhetta in metallo della sua storica copertina disegnata da Jack Kirby su chine di Steve Ditko. Come noto, l’albo contiene la prima apparizione di Spider-Man ad opera di Stan Lee e Ditko. Quel numero, secondo Lee, doveva essere la nuova incarnazione della rivista che proponeva storie brevi in pieno stile “Ai confini della realtà”. Tuttavia, l’editore Martin Goodman, non era convinto dell’idea di un eroe che possedeva poteri di ragno e dunque chiuse lo stesso la testata nonostante avesse dato inizialmente l’ok a Lee. I due fumettisti stavano, nel frattempo, lavorando ad altre storie di Spider-Man che riutilizzarono quando Goodman vide i sorprendenti dati di vendita di Amazing Fantasy #15 e decise dunque di lanciare una nuova testata dedicata all’Uomo Ragno: The Amazing Spider-Man.

cover-of-amazing-fantasy-15

Inizialmente, Stan Lee aveva pensato di sviluppare il personaggio di Spider-Man con Jack Kirby, ma il suo stile troppo enfatico non convinceva lo scrittore che così decise di affidarsi a Ditko ripartendo da zero. La versione di Ditko era quella di un ragazzo comune, che si discostava di molto dalla classica figura e dalla rappresentazione stereotipata dell’eroe. Peter Parker era un adolescente come tanti e questo determinò il successo del personaggio. Anche quando indossava il costume, Spider-Man non assumeva le pose classiche degli eroi e il suo fisico era più asciutto e meno muscoloso rispetto a quello dei suoi colleghi.

Ditko realizzò, naturalmente, la cover per Amazing Fantasy #15, ma Goodman la scartò. Il motivo era proprio dovuto al tipo di rappresentazione dell’eroe così distante da quella classica. Per questo motivo, l’editore affidò la copertina a Kirby. Se confrontiamo le due cover – di seguito potete vedere la copertina di Ditko colorata e riutilizzata come variant per Amazing Spider-Man #700 – possiamo vedere come siano simili nell’idea, ovvero vediamo il nostro eroe volteggiare fra i palazzi con la sua ragnatela, con un ladro appena catturato sotto il suo braccio. Quello che rende differenti i due disegni è l’impostazione della figura: non solo lo Spider-Man disegnato da Ditko è meno possente, la sua posa meno epica e molto più naturale, ma "vola" basso, quasi a contatto con le persone. L’inquadratura è dall’alto, il che contribuisce a rendere meno enfatico il tutto.
La cover di Kirby ribalta tutta la scena, dunque. La posa di Spider-Man è più eroica, la visuale è dal basso verso l’alto, la stessa figura è più possente e in una posa più plastica.

Amazing Spider-Man Vol 1 700 Steve Ditko Variant

Kirby disegnerà anche la cover di The Amazing Spider-Man #1, solo dal numero successivo l’editore darà via libera alla versione del personaggio di Ditko che ne curerà, dunque, anche le cover fino al suo storico addio. Emblematiche sono, se confrontate, le due cover qui di seguito della diversa visione dell'eroe data dai due artisti.

Amazing Spider-Man Vol 1 1 Amazing Spider-Man Vol 1 2

Nella gallery in basso trovate la versione originale a matita della cover scartata di Ditko.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.