Menu

 

 

Gambit entrerà nel team di X-Men: Red

  • Pubblicato in News

Il team X-Men di Jean Gray vedrà l’aggiunta di Gambit su X-Men: Red #3, in uscita in aprile.
In precedenza, Marvel aveva annunciato che un personaggio molto amato dai fan si sarebbe unito al team della serie. La scelta è caduta, per l’appunto, sul mutante cajun.

"Le cose si sono scaldate con attacchi contro i mutanti in tutto il mondo", ha detto in un comunicato l'editor Mark Paniccia, aggiungendo che "sappiamo che c’è uno dei più potenti villain degli X-Men dietro a tutto questo caos, ma Jean, Nightcrawler, All-New Wolverine e Honey Badger riusciranno a fermare la prossima ondata mortale?". L’arrivo di Gambit potrebbe riequilibrare la bilancia.

Per ora l'identità del villain che la squadra dovrà combattere è sconosciuta, ma l’ingresso del nuovo membro del team, fa pensare che sia possibile scoprire che l'antagonista possa avere una connessione con Gambit.

Ricordiamo che il mutante sarà anche il co-protagonista della miniserie Rogue & Gambit scritta da Kelly Thompson e illustrata da Pere Perez, che debutterà questa settimana negli USA.
Anche Jean Grey sarà protagonista di un’altra avventura: Phoenix Resurrection: The Return of Jean Grey, miniserie di cinque numeri, i cui eventi accadono prima che una rediviva Jean assuma il ruolo di capo in X-Men: Red.

X-Men: Red #1, di Tom Taylor e Mahmud Asrar, uscirà in America il 7 febbraio.

XMRED-CHAREST-CVR-003

(Via CBR)

Leggi tutto...

I supereroi di Mahmud Asrar, intervista all'artista Marvel

Italian/English version

In occasione di Lucca Comics & Games 2017 abbiamo avuto l'occasione di intervistare Mahmud Asrar, artista molto apprezzato della scuderia Marvel Comics, che ha lavorato parecchio su testate corali, X-Men in primis, su cui si appresta proprio a tornare con la nuova serie X-Men Red sui testi di Tom Taylor. Qui di seguito trovare la nostra breve chiacchierata in cui cerchiamo di approfondire la sua conoscenza, il suo stile e come viene percepito il mondo del fumetto in Turchia, suo Paese natale.
In fondo all'intervista trovate la versione in lingua originale della stessa.

Innanzituto, benvenuto su Comicus!
Come ti sei trovato in Italia?

Grazie! In realtà, questa è la terza volta che vengo in Italia. La prima ero a Mantova per il Mantova Comics & Games nel 2015, ma ho visto solamente l'aeroporto e poi la convention. La scorsa volta invece sono venuto in Italia per una vacanza estiva in Costiera Amalfitana e sono stato benissimo. Ora sono a Lucca per la prima volta e mi sto davvero divertendo. È uno show enorme e molto bello, molto interessante. Adoro anche la città.

Partiamo dall'inizio: quando hai deciso di diventare un fumettista?

Non appena mi sono reso conto che qualcuno poteva fare soldi disegnando fumetti! (Ride) Volevo farlo per vivere. Mi è sempre piaciuto disegnare da bambino, ha sempre fatto parte della mia vita e anche i fumetti mi sono sempre piaciuti. Da piccolo li leggevo e ne apprezzavo l'arte e copiavo quello che vedevo, cercando di fare del mio meglio. Dopo un po' mi sono reso conto di come in realtà veniva realizzato un fumetto, che c'erano delle figure professionali dietro, come un artista, uno scrittore, un colorista e tutto e molte altre persone che ci lavorano. E quindi tutto ciò che ho fatto da allora è stato diventare un fumettista.

Sei nato ad Ankara, in Turchia, e hai studiato all'Università Hacettepe. Puoi dirci qualcosa sull'industria dei fumetti in questo Paese? Come viene percepito il mondo dei fumetti in quel paese?

È una domanda interessante. Quando ero bambino, durante tutti gli anni '70 i genitori leggevano fumetti e come quasi tutti avevano fumetti nelle loro case, tutti ne erano entrati in contatto. Per lo più fumetti italiani, in particolare i fumetti western: Zagor era molto popolare. Io sono entrato in contatto con i fumetti perché mia madre è austriaca e mi portava diversi tipi di fumetti dall'Europa e continuavo a leggerli e guardarli. In Turchia da sempre i fumetti umoristici sono molto popolari e hanno sempre avuto un forte pubblico e continuano ad avercelo. Per lo più si tratta di fumetto umoristico, ma ci sono anche diverse storie e fumetti veri e proprio e sono anche piuttosto popolari. Oltre a questo, molti fumetti sono per lo più opere tradotte, soprattutto dall'Italia e dall'America, per non parlare dei manga, naturalmente.
Intorno agli anni '90, i lettori di fumetti sono calati, ma ultimamente, probabilmente negli ultimi dieci anni, il mercato è cresciuto e sono stati pubblicati molti fumetti. Ora ci sono anche molti graphic novel turchi, anche alcune serie a fumetti, e ci sono un sacco di cose interessanti che escono, il che è mi fa molto piacere. È bello vedere il fumetto diffondersi e crescere di nuovo.

Durante la tua ora di studente, hai fondato con Yildiray Cinar l'impronta indipendente Capa Cizgiroman Grubu, creando due personaggi chiamati Vasak e Glittergirl. Com'è iniziato questo progetto? Qual è il suo stato aggiornato?

A partire dal 1997, con così tante fanzine in giro, abbiamo deciso di fare anche noi le nostre storie ma con personaggi turchi perché nessuno lo stava facendo: abbiamo iniziato solo per divertimento e per noi stessi e per imparare come funzionavano queste cose. Abbiamo creato molti personaggi e diverse storie, alcune ispirate a personaggi americani, altre dalla mitologia turca e così via. Un po' più tardi ho creato il personaggio di Vasak. Penso che sia stato il primo personaggio che ho creato insieme a Yildiray Cinar, ed è stato anche qualcosa che ho scritto e questo mi ha permesso di ricavarne una grande esperienza.
Glittergirl invece è nato assieme ad Hakan Tacal, un nostro amico, che stava scrivendo quelle storie ed è probabilmente la cosa più conosciuta che ho fatto in Turchia perché è stata anche una delle ultime novità ed è stata pubblicata ampiamente.

Ora abbiamo tutti i nostri impegni, io sono entrato nel mondo dei fumetti mainstream e non ho tempo per fare altro. Stiamo cercando di tenere il passo con i nostri programmi, Yildiray sta facendo le sue cose e Hakan è anche un architetto, quindi è impegnato con il suo lavoro, ma sta scrivendo anche delle graphic novel, cercando di pubblicare qualcosa ogni anno. Ma sfortunatamente non possiamo fare qualcosa insieme: abbiamo dei piani e speriamo di fare di più, ma vedremo.

all new x men 34 cover by mahmudasrar-d7vaete

Quali artisti ti hanno influenzato di più?

Questa è una domanda senza fine. Ma ci sono alcuni nomi che sono stati molto importanti per la mia crescita personale. Penso che il primo artista che mi ha ispirato di più sia John Buscema, sono stato molto colpito dal suo Conan e l'ho adorato. E in seguito John Byrne, specialmente negli anni '90, sono stato influenzato da lui come chiunque, immagino. E poi Adam Hughes è stato una grande fonte d'ispirazione e lo è ancora. E di recente la maggior parte dell'ispirazione viene da Olivier Coipel, ma potremmo dire che sono influenzato da così tante cose diverse e da tanti artisti diversi tra cui anche Mike Mignola e Frank Miller. Fondamentalmente tutto ciò che è mi piace viene da me assorbito, in qualche modo.

Una caratteristica peculiare della tua arte è la tua capacità di usare il linguaggio del corpo che dà quella particolare scintilla ai tuoi disegni. Come ottieni questo effetto? Quanto studi la postura del corpo e l'espressione data da ogni gesto? Come sei riuscito a costruire questo tipo di stile?

Mi piace molto catturare piccole sfumature e posture ed è qualcosa di veramente difficile da fare, penso. Ed è quello che cerco di ottenere, voglio dire, semplicemente non voglio disegnare un personaggio statico. Provo ad aggiungere un qualcosa anche piccolo ma che lo rende più credibile, anche se il disegno potrebbe non essere così realistico. Cerco di mantenere un aspetto naturalistico in esso. Sfortunatamente non faccio troppi disegni dal vivo ultimamente, anche se provo a farli il più possibile perché penso che mi aiutino molto a catturare quelle piccole cose. E ogni volta che voglio fare qualcosa di più specifico cerco di fare foto di riferimento di me o di mia moglie e questo mi aiuta molto.

Hai lavorato con molti personaggi di supereroi sia per Marvel che per DC e poi hai creato con Jay Faerber la tua serie di supereroi Dinamo 5 per Image Comics. Che cosa è con te e i supereroi?

Come ho già detto, sono stato influenzato da molti fumetti diversi, fumetti occidentali ed europei. Ma penso che i fumetti di supereroi siano quelli che ho letto maggiormente e che mi sono piaciuti di più. Ho sempre voluto farlo e finalmente sono riuscito a fare i supereroi. Non so perché, ma ho sempre fattodelle serie corali, a partire da Dinamo 5 e molti titoli X-Men, ed è stata una cosa abbastanza impegnativa, con tutti quei personaggi.

Hai lavorato con molti personaggi nella tua carriera, sia per la Marvel che per la DC. C'è qualche personaggio con cui vorresti lavorare?

Ad essere onesti, sono stato molto fortunato ad aver disegnato molti personaggi che mi piacciono molto. Ad esempio sono stato un fan di Wolverine e l'ho disegnato, anche se brevemente prima che morisse, su Wolverine e gli X-Men. Mi piacciono molto Tempesta e Jean Gray, ad esempio, e quest'ultima l'ho disegnata in molte situazioni come nell'Universo Ultimate o la sua giovane versione su All-New X-Men. Quindi ho coperto molti di questi personaggi.
Una cosa che ho sempre voluto fare è Thor e recentemente l'ho fatto con Jason Aaron: è stata un'esperienza incredibile, e mi piacerebbe tornarci sopra. E poi, come tutti, mi piacerebbe fare Batman.

Puoi dire qualcosa sui tuoi prossimi progetti? Qualcosa su cui stai lavorando in questo momento, forse un progetto proprietario di un creatore?

Sì, ma è ancora segreto al momento. È un progetto Marvel, sono ancora a contratto con la Marvel. Spero che verrà annunciato presto.
[Il progetto citato è X-Men Red sui testi di Tom Taylor. Qui potete trovare la nostra news a riguardo].

MTUxMDYwNDYxNw



English version

First of all, welcome to Comicus!
How do you find it here? Have you ever been to Italy before?

Thank you! Actually, this is the third time in Italy. The first time I was in Mantova for Mantova Comics&Games in 2015, but I just saw the airport and then the convention. Last day I came to Italy for a summer holiday in the Amalfi region and I had a great time. Now I am in Lucca for the first time and I'm really enjoying it. It's a very huge and good show, very interesting, and I love the town too.

Let's start from the beginning: when did you decide to become a comic book artist?

As soon I realized that someone could make money by drawing comics! (laughing) I wanted to do this for a living. I've always liked drawing as a kid, it was a part of my life all the time and I liked comics as well. I would read them and enjoy the art and I would copy what I would see and trying to do what I could. After some point I realized how actually people are doing this, that there is an artist, a writer, a colorist and everything and these people are doing it all the time and this is actually a professional job. And so everything I did since then was to become a comic book artist.

You were born in Ankara, Turkey, and you studied there at the Hacettepe University. Can you tell us something about the Turkish comic book industry? How is it felt the comic book world in that country?

It's an interesting thing, I mean. When I was a kid, everybody's parents in the '70s would read comics, like almost everyone had comics in their houses, everybody was exposed to them. Mostly italian comics, especially the western comics: Zagor was very popular. I was exposed to comics because my mother is Austrian and she would bring me different kinds of comics from Europe and I would be looking at them and reading them. In Turkey forever the humour comics have been really popular and always had a strong readership and still do. It's mostly humour, but there are also comic books and stories as well and they are very popular. Besides that, there are comic books that are mostly translated especially from Italy and America and manga of course.
Around the '90s, the comic books readership was wavering, but lately, probably in the last ten years, it has been growing and there have been a lot of comics published. Now there are also a lot of Turkish graphic novels popping up as well, also series, and there are a lot of interesting things coming out which is also nice. It's nice to see it spreading and growing again.

During your student time, you founded with Yildiray Cinar the independent imprint Capa Cizgiroman Grubu, creating two characters called Vasak and Glittergirl. How did this project start? What's its status up to date?

With so many fanzines starting from probably 1997, we decided to do our own with Turkish characters because nobody was doing it, and we started just for fun and for ourselves and to learn the thing. We created a lot of characters and all kind of things, some inspired by American characters, other by Turkish mythology and so on. A bit later on I did the Vasak story. I think it is the first character that I created along Yildiray Cinar, and it was also something that I wrote and I had a great experience with it.
Glittergirl was something that Hakan Tacal, a friend of us, was writing and it is probably the most known thing that I have done in Turkey because it was one of the latest things and it has been published as well widely.

Now we all are doing our things now, like I'm in the mainstream comics and I have no time to do anything else. We are trying to keep up with our schedules, Yildiray is doing his own things and Hakan is also an architect, so he is busy with his work, but he is very enthusiastic and he is doing also graphic novels, trying to do something almost every year. But unfortunately we can't do something all together: we have plans and we hope to do more, but we will see.

wolverine and the x men 11 cover by mahmudasrar-d7ysl8a

What artists did influence you the most?

This is an endless question. But there are few names that have been very important for me growing up. I think the first artist who inspired me the most is John Buscema, I was exposed to his Conan work and I really loved it. And later on John Byrne, especially in the '90s, I was influenced by him like anyone I guess. And then Adam Hughes was a big inspiration and still is. And recently most of inspiration comes from Olivier Coipel, but I would say that I'm inspired by so many different things and so many different artists including Mike Mignola, Frank Miller. Basically anything that is good for me I probably absorb something from it.

One excellent feature of your art is your ability using the body language that gives that peculiar spark in your drawings. How do you get this effect? How much do you study the body posture and the expression given by each gesture? How did you manage to build this kind of style?

I really like to capture small nuances and postures and it is something really hard to do, I think. And that is what I try to achieve, I mean, I just don't want to draw a character standing still. I try to add a small thing that makes it more believable, even though the drawing may be not so realistic. I try to keep a naturalistic look in it. Unfortunately I don't do too many live drawings lately, although I try to do them as much as I can because I think it really helps me a lot in capturing those small things. And whenever I wanna do something more specific I try to take reference pictures of me or maybe my wife and that helps me a lot.

You worked with a lot of superhero characters both for Marvel and DC and then you created with Jay Faerber your own superhero series Dinamo 5 for Image Comics. What is with you and superheroes?

As I already said, I was exposed to lot of different comics, western and European comics as well. But I think that superhero comics were the ones that I read most and enjoyed most. I wanted to do that and I ended up doing superheroes. I don't know why but I have always done team books, starting from Dinamo 5 and a lot of X-Men titles, and it has been a quite challenging thing, with all those characters.

You worked with a lot of characters in your carreer, both for Marvel and DC. Is there any character you would like to work with?

To be honest, I have been very lucky to have drawn a lot of characters that I really like. For example I have been a fan of Wolverine and I have drawn him very briefly before he died on Wolverine and the X-Men. I really like Storm and Jean Grey for example, and I've drawn her in many situations like in the Ultimate Universe, or as her young self in All-New X-Men. So I've got most of them covered.
One thing that I've always wanted to do is Thor and just recently I did it with Jason Aaron and that was amazing, a great experience, and I would like to return to hopefully. And then, as everyone, I would like to do Batman.

Can you say something about your next projects? Something you are working on right now, maybe a creator owned project?

Yes, but it's still secret at the moment. It is a Marvel project, I'm still on the contract with Marvel. I hope it will be announced soon.
[The series he is talking about is X-Men Red written by Tom Taylor. Here you can find more information].

056d7f92e404d3e462a9c3a62e150dc0--comic-book-artists-geek-art

Leggi tutto...

Svelati i membri del team di X-Men: Red

  • Pubblicato in News

Qualche giorno fa, vi abbiamo parlato di X-Men: Red, la nuova serie Marvel che vede Jean Grey a capo di un nuovo gruppo mutante. Scritta da Tom Taylor e disegnata da Mahmud Asrar, con le cover di Travis Charest, la testata farà il suo debutto a febbraio.

La Marvel, ora, ha svelato i membri del team che affiancheranno la leader Jean, ovvero: Gentle, Namor, Nightcrawler, la 'all-new' Wolverine, sua sorella Gabby, e il misterioso Trinary. Nel primo arco, anche un altro eroe si unirà alla squadra.

Annunciate anche le variant cover del #1 che saranno realizzate da Rob Liefeld, Skottie Young, Phil Jimenez e John Tyler Christopher.

MTUxMDYwNDYxNw

Leggi tutto...

La Marvel annuncia X-Men: Red, nuova serie mutante con Jean Grey

  • Pubblicato in News

La Marvel ha annunciato una nuova serie mutante: X-Men: Red. Scritta da Tom Taylor e disegnata da Mahmud Asrar, con le cover di Travis Charest, la testata farà il suo debutto a febbraio.

X-Men: Red sarà incentrata su un team guidato da Jean Grey dopo il suo ritorno in Phoenix: Resurrection. Al momento non ci sono altre informazioni a riguardo. Di seguito, potete vedere il video con l'annuncio.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.