Menu

 

 

Anteprima de Il Grande Diabolik "La morte in pugno"

  • Pubblicato in News

Uscirà a fine aprile il nuovo numero de Il grande Diabolik dal titolo "La morte in pugno". Qui di seguito trovate tutti i dettagli mentre, nella gallery in basso, potete leggere alcune tavole d'anteprima.

"Il Grande Diabolik in edicola a fine aprile con una storia davvero speciale

LA MORTE IN PUGNO

Un’avventura tutta da leggere con Diabolik impegnato a portare a termine un’indagine nell’affascinante mondo del pugilato:
per la prima volta lo vedremo affrontare rivali a suon di pugni tra citazioni per veri appassionati della sua storia editoriale e dei colpi segreti della “nobile arte”.

A fine aprile torna in edicola il Grande Diabolik con “La morte in pugno”, una storia di 170 pagine a fumetti scritta da Mario Gomboli e Tito Faraci (autore anche della sceneggiatura) e disegnata da Giuseppe Palumbo.Le matite di prologo e epilogo sono firmate da Sergio Zaniboni: l’ultimo suo contributo alla diabolika saga, a cui collaborava dal 1969.

Diabolik è da poco tempo a Clerville. Deve ancora scoprire molte cose della città e, soprattutto, dei suoi lati oscuri. E così, casualmente, entra in contatto con una palestra di pugilato e con l’ex campione di boxe che la gestisce. Una figura carismatica ma ambigua, che raccoglie attorno a sé giovani sbandati, piccoli criminali in cerca di riscatto. Forse. Perché Diabolik scopre che dietro quei guantoni, quei sacchi da allenamento potrebbe nascondersi un segreto legato alla criminalità locale. E vuole vederci chiaro, vuole svelare quei segreti e approfittarne, e per questo frequenta la palestra. Per la prima volta in vita sua affronta un avversario a suon di pugni. Per la prima volta in vita sua si trova nel ruolo di insegnate di arti marziali. Ma quando approfondisce il rapporto con quello strano pugile, la realtà gli riserva non poche sorprese. Drammatiche e pericolose.

Il protagonista della storia è un pugile chiamato Big Bolt. Nome non casuale, scelto per rendere omaggio al primo personaggio a fumetti pubblicato dalla Casa Editrice Astorina, nell’estate del 1961. Da qualche anno il pugilato era diventato uno sport molto seguito, le Olimpiadi di Roma del 1960 avevano portato alla ribalta Nino Benvenuti, vincitore della medaglia d’oro nella categoria superwelter, trasformandolo in una vera star. L’Astorina acquisì i diritti per pubblicare in Italia le avventure di Big-Ben Bolt, un campione di pugilato protagonista di una serie di strisce quotidiane apparse negli Stati Uniti a partire dal 1950, disegnate da John Cullen Murphy. E all’interno dell’albo numero 18 (novembre 1962) di Big-Ben troviamo la pubblicità della nuova testata: Diabolik. Dopo Big-Ben, nessun altro personaggio a fumetti affiancherà mai Diabolik nelle pubblicazioni Astorina. Fino alla recente apparizione di DK... ma questa è un’“altra” storia.

Speciale il Grande Diabolik 1/2018
La morte in pugno

Soggetto: Mario Gomboli e Tito Faraci
Sceneggiatura: Tito Faraci
Disegni: Giuseppe Palumbo
Disegni di prologo e epilogo: Sergio e Paolo Zaniboni
Copertina: Giuseppe Palumbo
Colori di copertina: Luca Bulgheroni
196 pagine, formato 16,5 x 21,0 cm, € 5,40

Da fine aprile in tutte le edicole"

Leggi tutto...

Diabolik: anteprima esclusiva dell'inedito di febbario 2018 intitolato L'esca

  • Pubblicato in News

Vi presentiamo, in esclusiva, 7 tavole dall'inedito di Diabolik intitolato "L'esca" e in uscita il prossimo 1° febbraio. Di seguito trovate sinossi e dati mentre, nella gallery in basso, le tavole.

"La caccia serrata a Stefano Solez continua in un lontano paese dell’Est, ma qui un terzo, anomalo elemento è entrato in gioco. Impossibile prevedere come questo potrà interferire nei piani di Ginko e Diabolik.
Perché abbiamo camuffato il personaggio in copertina?
Perché è un volto già noto ai nostri lettori e la sua comparsa, nelle ultime pagine del numero di gennaio, è un colpo di scena che non volevamo rovinare."

Soggetto: M. Gomboli e T. Faraci
Sceneggiatura: T. Faraci
Disegni: E. Barison
Copertina: M. Buffagni

Leggi tutto...

Fenomenologia di Diabolik, recensione: alla scoperta del mondo del Re del Terrore

COVER-Fenomenologia-di-Diabolik-low-res-RGB-per-web

Quando nel 1962 Angela e Luciana Giussani portano in edicola il primo numero di Diabolik, difficilmente avrebbero immaginato di dar vita non solo a uno dei personaggio più amati e longevi del fumetto italiano ma, addirittura, a un fenomeno culturale. L’idea era quella di creare un tascabile ideale da leggere nei viaggi che i pendolari affrontavano in treno ogni mattina, un fumetto rivolto agli adulti ispirato ai romanzi d’appendice francese stile Fantômas di Marcel Allain e Pierre Souvestre. Il resto è storia nota: Diabolik diventa un vero e proprio caso editoriale e di costume, dando vita a un intero genere, il fumetto nero, e una serie infinita di epigoni con la "K". Generando, inoltre, proteste da parte di numerose associazioni nell’Italia puritana degli anni ’60.

Diabolik è anche il primo protagonista negativo del fumetto mondiale, un ladro e un assassino, e anche se il suo carattere e il tono delle sue avventure si è mitigato nel tempo, resta un antieroe unico. Diabolik, infatti, di cui non conosciamo nemmeno il reale nome, visto che è ignoto allo stesso protagonista, in ognuno del suoi 850 albi (più speciali) si prodiga per effettuare un incredibile colpo, ai danni di ricchi o nobili, o di malavitosi. Naturalmente, ogni colpo prevede sfide da affrontare al limite dell’impossibile che Diabolik, insieme alla fidata e fedele Eva Kant, co-protagonista a tutti gli effetti della serie, dovrà superare. Ma cosa spinge Diabolik a effettuare colpi su colpi? Non certo la cupidigia, come spiegato da Andrea Carlo Cappi nel saggio Fenomenologia di Diabolik, edito da Edizioni NPE.

Fenomenologia-di-Diabolik-pg 6

In quest’agile libro di circa 100 pagine, Cappi, scrittore nonché autore di alcuni romanzi su Diabolik, parla della creatura delle sorelle Giussani non per tracciare la sua vita editoriale, parlando di storie e autori, ma analizzando tutta una serie di aspetti fondamentali nella definizione del personaggio, spiegandone anche aspetti legati alla psicologia e proponendo riflessioni interessanti. Un esempio, sull’economia. Siamo sicuri che lo stato di Clerville non debba addirittura ringraziare Diabolik piuttosto che dargli la caccia? I suoi furti, infatti, colpiscono fondi che sarebbero altrimenti rimasti fermi chiusi in una cassaforte, o addirittura si tratta di denaro sporco della mafia. Inoltre, i soldi che spende per le sue attrezzature o quelli che servono per riparare i danni da lui provocati, tengono viva l’economia di Clerville.
Altra considerazione: Diabolik fa colpi milionari, ma possiamo considerarlo un semplice benestante, non un "ricco". In effetti, il Re del Terrore non conduce una vita sfarzosa e i soldi dei suoi bottini servono a finanziare i suoi nuovi colpi. Da questo si evince che Diabolik ruba per una costante sfida con se stesso, e non per la ricchezza in sé.

Negli 11 capitoli del volume, più uno zero di presentazione, si affrontano questi temi e molti altri, come l’origine letteraria del personaggio, la geografia della serie, le declinazioni cinematografiche e animate realizzate e molto altro. Fenomenologia di Diabolik è dunque una lettura veloce e interessante anche per chi il personaggio lo segue da anni e un ottimo modo per comprenderne il suo mondo da parte di chi invece lo conosce poco.

Leggi tutto...

Diabolik festeggia le 850 uscite, ecco l'anteprima di Sulle tracce di Eva

  • Pubblicato in News

In occasione dell'uscita di Diabolik 850, in uscita il 1° dicembre, vi proponiamo un'anteprima dell'albo nella gllery in basso, anticipata dal comunicato di presentazione.

"DIABOLIK festeggia il n. 850 con una storia davvero speciale in edicola da 1 dicembre

Per festeggiare il numero 850 della serie regolare, Diabolik ed Eva hanno voluto prendersi una vacanza dal clima invernale di Clerville e dai mille colpi in cui sono, da sempre, coinvolti. Nei loro piani c'era infatti una vacanza di tutto relax nei mari del Sud, ma una banda di sanguinari pirati ha in serbo per loro progetti del tutto diversi.

Dal primo dicembre sarà in edicola il numero 850 “Sulle tracce di Eva”. Tra gli autori del soggetto (assieme a Mario Gomboli e ad Andrea Pasini) ritroviamo una storica firma della testata: Patricia Martinelli, direttrice di Diabolik negli anni '90 e sceneggiatrice di innumerevoli avventure del "maledetto criminale". 

I disegni sono stati affidati, matite e chine, al copertinista della serie Matteo Buffagni alla sua seconda prova su Diabolik come disegnatore completo; la prima è stata in occasione dell'albo che celebrava i 50 anni dall'incontro tra Altea e l'ispettore Ginko. Buffagni presta al Re del Terrore il suo stile da artista internazionale (Ultimate Iron Man, The Punisher, DareDevil per la Marvel, tra gli altri) un tratto duro e inusuale per un'avventura di Diabolik tesa, diversa dal solito, ma sempre mozzafiato.

SULLE TRACCE DI EVA
Soggetto: Patricia Martinelli, Mario Gomboli, Andrea Pasini.
Sceneggiatura: Andrea Pasini, Rosalia Finocchiaro.
Disegni: Matteo Buffagni.
In edicola dal primo dicembre."

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.