Menu

 

 

Scott Snyder mostra la cover di Dark Nights: Metal #1

  • Pubblicato in News

Dopo l'uscita di Dark Days: The Forge e l'annuncio di ben 7 one-shot e un crossover dedicati al prossimo evento DC Comics, Scott Snyder ha twettato la cover di Dark Nights: Metal #1, in uscita il prossimo 16 agosto, realizzata da Greg Capullo.

La potete vedere qui di seguito.

Leggi tutto...

Dark Night: Metal: annunciati 7 one-shot con i Batman malvagi

  • Pubblicato in News

La DC ha annunciato oggi che da settembre partiranno 7 one-shot legati all'evento Dark Nights: Metal in cui vedremo, in ognuno di esso, una versione perversa e corrotta di Batman generata dal Dark Multiverse. La notizia segue all'uscita di Dark Days: The Forge, lo speciale in vendita da questa settimana che pone le basi per Dark Days: The Casting e Dark Nights: Metal, le miniserie di Scott Snyder e Greg Capullo.

Ecco i one-shot e i team creativi annunciati:
20 settembre: Batman: The Red Death #1 di Joshua Williamson & Carmine Di Giandomenico
27 settembre: Batman: The Murder Machine #1 di Frank Tieri & Ricardo Federici
4 ottobre: Batman: The Dawnbreaker #1 di Sam Humphries & Ethan Van Sciver
18 ottobre: Batman: The Drowned #1 di Dan Abnett & Philip Tan
25 ottobre: Batman: The Merciless #1 di Peter J. Tomasi & Francis Manapul
1 novembre: Batman: The Devastator #1 (team creativo non annunciato)
15 novembre: The Batman Who Laughs #1 (team creativo non annunciato) 

Le copertine, che potete vedere nella gallery in basso, rappresentano le sagome delle diverse versioni di Batman, la maggior parte delle quali sovrapposte al logo di un altro eroe (Nightwing, Aquaman, Lanterna Verde, Wonder Woman) e, in un caso, un cattivo (Doomsday). Tuttavia, The Batman Who Laughs #1, un titolo che fa riferimento al film del 1928 che ha contribuito a ispirare la creazione del Joker, non riporta nessun logo - almeno non ancora.

La presenza di questi Batman non sarà limitata ai soli one-shot, infatti ci sarà anche il crossover Gotham Resistance, che partirà il 12 settembre su Teen Titans #12, di Benjamin Percy e Mirka Andolfo, e che continuerà su Nightwing #29 di Tim Seeley e Paul Pelletier per concludersi su Suicide Squad #26 di Rob Williams e Stjepan Sejic.

(Via CBR e Newsarama)

Leggi tutto...

Anteprima di Dark Days: The Forge, primo step del prossimo evento DC Comics

  • Pubblicato in News

Vi abbiamo già parlato ampiamente del prossimo evento DC Comics, il cui fulcro è Dark Nights: Metal, che uscirà ad agosto e il cui prologo in due parti, Dark Days: The Forge e Dark Days: The Casting sta per venire alla luce.
Se di luce si può parlare, visto che in realtà sta per fare il proprio ingresso nell'universo DC la cosa più oscura che ci sia, la materia oscura vera e propria e con essa l'intero multiverso di cui fa parte.

Aquaman, Flash e altri "big" sospettano Batman di celare un terribile mistero che potrebbe minacciare la stessa esistenza del multiverso. È l'inizio di una storia che si ripromette di modificare la cosmologia DC Comics e che ci condurrà verso nuovi misteri che risalgono alle origini di uno dei personaggi storici della DC.

Dark Days: The Forge è in arrivo il prossimo 14 giugno e ha messo al lavoro un team numeroso di scrittori e soprattutto disegnatori: Scott Snyder e James Tynion IV ai testi; Jim Lee, Andy Kubert, John Romita Jr. e altri ai disegni.

In gallery, l'anteprima di Dark Days: The Forge #1.
La cover è di Jim Lee e Scott Williams; le variant sono di Andy Kubert e John Romita Jr.

Leggi tutto...

Dark Nights: Metal, Scott Snyder introduce la materia oscura nella cosmologia DC Comics

  • Pubblicato in News

Nel corso di due lunghe interviste, con CBR e con Newsarama, Scott Snyder ha parlato approfonditamente di Dark Nights: Metal, l'evento centrale dell'estate DC Comics di cui è autore, accompagnato alle matite da Greg Capullo, col quale è andato così a ricostituire il "dinamico duo" della fortunata run di 51 numeri su Batman.
La sintonia e l'intesa con il disegnatore sono per Snyder il principale ingrediente di Metal, che rappresenta un po' la summa del lavoro dei due creatori in questi anni, e spera di riuscire a trasmettere ai lettori il loro entusiasmo nel realizzarlo.

L'autore sembra proprio non stare nella pelle in attesa dell'uscita dell'albo che si ripromette di modificare in maniera incisiva la cosmologia DC Comics, e rivela alcuni particolari interessanti che cercheremo di riportare nei loro passaggi fondamentali.

Cominciamo dal titolo. Il termine "Dark", presente anche nei due tie-in Dark Days e nel successivo Dark Matter, si riferisce letteralmente alla materia oscura, ossia quella parte di materia di cui l'universo è costituito per il 90% della propria massa e che però i nostri sensi non riescono a percepire, se non per i suoi effetti gravitazionali.
L'idea a Snyder è venuta guardando il documentario di astronomia e astrofisica Cosmos e scoprendo che "la stragrande maggioranza del nostro universo è costituita essenzialmente da materia oscura ed energia oscura". Da qui l'idea di applicare la stessa formazione anche all'Universo DC. Il Multiverso di Grant Morrison immerso in un oceano di materia oscura, un vaso di Pandora dalle infinite possibilità, un nuovo reame nella cosmologia DC, il Multiverso Oscuro.

dark-nights-metal-spread

Lo spirito della storia, dice Snyder, "sarà tutto tranne che dark", ma vedremo battaglie in armatura, dinosauri, robot e inattesi team-up tra i vari personaggi DC. 
Aspettiamoci una storia bizzarra, dal tono fuori di testa, come se "Frazetta e Jack Kirby avessero avuto un bambino da una colonna sonora heavy metal" dice Snyder. "Voglio nella stessa storia un dragone, un robot gigante e voglio vedere i nostri personaggi agire in maniera straordinaria in tutto questo".

Il termine "Metal", invece, sembrerebbe decisamente riferirsi al metallo NHT di Hawkman. Infatti, nonostante Batman sia stato utilizzato un po' come front-man nelle anticipazioni dell'evento, non si tratta in realtà di un evento Batman-centrico. Certo, il Cavaliere Oscuro giocherà un ruolo importante, da play-maker, ma saranno la Justice League e tutti gli altri personaggi DC ad essere protagonisti, anche quelli scomparsi da un po' di tempo o che ultimamente erano stati messi un po' da parte, soprattutto Hawkman e il suo metallo NTH.
Hawkman è il personaggio su cui Snyder avrebbe voluto lavorare finita la run su Batman. "Ero davvero affascinato dalla malleabilità e dal mistero del metallo NTH. Ti permette di reincarnarti all'infinito, o di volare, o di guarire, ti dà super-forza e ti può permettere di ottenere i poteri mistici di Doctor Fate".

La Justice League scoprirà l'esistenza di questo oceano di materia oscura, nel quale è immerso l'intero Multiverso DC. Uno dei suoi membri accidentalmente aprirà un varco verso il Multiverso Oscuro, dal quale arriverà una spaventosa invasione.
"Voglio sorprendere le persone. Non credo che sarà quello che voi pensiate che sia." Non una versione spaventosa dell'universo DC, ma "qualcosa di molto più ampio e differente" puntualizza Snyder.

"Il metallo NHT fa parte del nostro universo? Si tratta di qualcosa che conduce energia da qualche altra parte? È la chiave per sbloccare un intero nuovo reame della cosmologia DC?". "È un elemento che mi permette di esplorare un mistero che mi riporta alle origini del DC Universe, attraverso alcune grandi storie cui ci saranno riferimenti e allo stesso tempo verso nuovi territori ancora inesplorati, interi nuovi reami del DCU che stiamo costruendo da zero ma che hanno corollari nel mondo reale".

"Si tratta di esplorazione, si tratta dei modi in cui i nostri eroi ci danno coraggio ad andare avanti nel buio ed esplorare sia la nostra stessa natura sia il mondo fisico che ci circonda. Non vedo l'ora che la gente lo veda".
"Stiamo giocando con la cosmologia messa su dai miei scrittori e disegnatori preferiti attraverso tanti eventi e tante storie DC".

Dark Nights: Metal, sarà preceduto da due storie con le quali non c'è vera soluzione di continuità. "Dark Days: The Forge e Dark Days: The Casting saranno un preludio a Dark Nights: Metal, una sorta di Metal #0. Ne è autore James Tynion, su soggetto di entrambi"  - dice Snyder, che aggiunge - "Ci saranno tre linee narrative, una focalizzata su Hawkman, una su Batman e una non voglio rivelarla. Tre storie i cui elementi di mistero condurranno a ritroso nel tempo fino alle origini del DC Universe e forniranno elementi che confluiranno in Metal e negli albi "Dark Matter", integrandoli nel DCU."

In The Forge e The Casting la storia ha elementi che affondano le radici nell'intera run di Snyder e Capullo e in quella di Tom King e un ruolo da protagonista lo avrà quella versione del Joker. "Ciò che Batman realizza è che questo mistero è qualcosa che è stato preparato per lui a sua insaputa nel corso di questi anni".
"Avevamo bisogno di un personaggio capace di dire "Sono sempre stato qui con te dall'inizio, e lascia che ti mostri qualcosa che tu non vuoi vedere. Quel personaggio è il Joker, nessun altro sarebbe stato adatto a quel ruolo. Farà un'apparizione e avrà un ruolo-chiave che credo sorprenderà veramente i lettori".
"Per la prima volta, Batman scoprirà un mistero che non vorrà risolvere oltre un certo punto, perché avrà paura di ciò che sta per scoprire".

Altro argomento trattato, i rapporti tra Metal e Rebirth. "Geoff (Johns) ha fatto un grande lavoro" - dice Snyder - "Se Rebirth recupera i personaggi storici e ristabilisce la legacy, onorando alcuni dei grandi classici DC, noi siamo una specie di "fratello cattivo" che crea cose nuove e folli."
Infatti Dark Matter proporrà nuovi personaggi e la reinvenzione di altri già esistenti, come i Challengers.
"Cerchiamo di fare cose rischiose e diverse, e lo facciamo per ringraziare i lettori, perché quando le cose vanno bene credo che sia il momento di rimettersi in gioco e rischiare". "Metal è un po' come il 'gemello strano' di Rebirth"

Ci saranno elementi di congiunzione con tutte le serie più importanti, dalla run di Tom King su Batman a quella di James Tynion su Detective Comics; dalla serie di Green Lanterns al Superman di Pete Tomasi, fino a The Button.
Ci sarà "l'essenza delle origini stesse del DC Universe e cose che sono veramente, veramente nuove".
Coordinazione con gli altri filoni narrativi in atto, collegamenti senza conflitti o contraddizioni e senza troppe interferenze. "Abbiamo lavorato duramente per consentirci vicendevolmente ampi spazi, e allo stesso tempo assicurarci di non essere isolati e che le storie fossero tutte parte di un grande piano".

Quindi conclude Snyder "Il nostro obiettivo è quello di offrirvi le migliori e più grandi storie che possiamo, senza mai farle sembrare un modo per fare cassa, o una correzione in corsa per adeguarci al momento positivo che stiamo attraversando."
Si tratta piuttosto di essere additivi, celebrativi, di realizzare una grande, nuova storia che sia audace e che cambi davvero le cose in modo da darci nuove opportunità per ulteriori nuove storie". Senza dover uccidere qualcuno, senza che un personaggio debba morire solo per aumentare l'appeal della storia.

Per Snyder i lettori "vogliono sentire che, come azienda, ci sia una pianificazione, che tu sappia cosa stai facendo e che tu abbia delineato una storia su cui procedere in maniera coordinata". "Ciò che posso promettere è che abbiamo un grande piano molto, molto serio."
"Non sarei qui a parlare di cose di cui non sono orgoglioso". "Sono molto eccitato non solo per quello che è stato Rebirth, ma per i piani a venire, per l'estate, l'autunno, l'inverno e oltre. È un buon momento.

In gallery, alcune tavole e sketch di Greg Capullo per Dark Nights: Metal, via Newsarama.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.