Menu

 

 

Il disegno di Spider-Woman che Milo Manara regala a Frank Cho riaccende le polemiche

  • Pubblicato in News

Vi ricordate la polemica sulla cover di Milo Manara per Spider-Woman? La posizione sexy della protagonista aveva suscitato un polverone in America, ma vari artisti avevano mostrato la loro solidarietà al nostro connazionale Manara. Fra queste persone c'era Frank Cho, che realizzò una sua versione di Spider-Woman a sostegno del disegnatore italiano, utilizzando poi la posa per numerosi personaggi. I due si sono incontrati a Lucca Comics & Games 2016 e hanno ricordato questo particolare momento in una conferenza, parlando di censura e molto altro. Manara ha regalato, dunque, un'illustrazione a Cho, che, a sua volta, ha riacceso le polemiche.

Lucca2016ManaraSW-768x1047

L'editor, e attivista femminista Donna Dickens (HitFixHarpy e BuzzFeed) ha pubblicato il seguente post su Twitter:

Molti autori ed editor, oltre che semplici lettori, hanno commentato il disegno e la risposto alla critica censura/rappresentazione della donna. Anche vari siti internazionali hanno rilanciato la discussione a riguardo, come BleedingCool, The Mary Sue e Movie Pilot.

Addirittura, l'artista brasiliana Ana Koehler, membro di Lady's Comics ha raffigurato Cho e Manara nelle stesse posizioni in cui i due hanno disegnato Spider-Woman.

14601110 1246072915414379 105558791192755325 n

14906882 1246072908747713 8807814415907384410 n

Insomma, la tematica è calda, come dimostra proprio il recente caso di Cho su Wonder Woman o quello di Scott Campbell sulla nuova "Iron Man". Voi cosa ne pensate?

Leggi tutto...

Come i cinesi aggirano la censura per Death Note e i manga vietati

  • Pubblicato in News

Via avevamo già parlato in un precedente articolo di alcuni manga la cui vendita era stata vietata in diversi paesi del mondo. Tra questi avevamo segnalato la posizione di Death Note, manga scritto da Tsugumi Ōba e disegnato da Takeshi Obata, la cui diffusione è stata bloccata in Cina. La stessa sorte è toccata anche ad altri 37 manga finiti nella stretta maglia della censura del Governo Centrale di Pechino. 

Nonostante questo divieto, però, sui social media cinesi il topic dedicato all'opera di Ōba è uno dei più diffusi. Post contenenti l'hashtag #DeathNote sono stati letti oltre 100 milioni di volte su Weibo, così come sono centinaia di migliaia le conversazioni. Continuando a scorrere anche in altri social possiamo trovare sia commenti circa la versione cinematografica del manga ma anche come condividere immagini o aggirare la censura.

Lo scorso mese di aprile Pechino ha annunciato che ci sarebbe stato un giro di vite sui siti con materiale "violento" o "pornografico", e veniva richiesto a quelli che trasmettono programmi televisivi e film stranieri una licenza. Bisogna "proteggere il sano sviluppo dei giovani", sono state le parole dell'Ufficiale del Ministero della Cultura, Liu Qiang, all'agenzia ufficiale Xinhua.

Jonathan Clements, autore di Anime: A History, ha dichiarato alla BBC Trending radio di non essere sorpreso da questo provvedimento. "Le autorità cinesi sono solite mantenere un certo grado di permeabilità nei loro divieti. Non si vuole rendere al 100% irreperibile il materiale in questione, quanto rendere la reperibilità più difficile alle persone che ne sono realmente interessate. Un divieto come questo, dunque, vuole semplicemente limitare l'accesso casuale a quei contenuti".

Le autorità cinesi e i media giapponesi sono stati in conflitto per decenni. Ma Clements è convinto che grazie a manga ed anime il clima possa allentarsi. "Se parli con un gruppo di giovani cinesi ti renderai conto che nelle loro conversazioni trovi soventi richiami a spettacoli giapponesi. Non li guardano attraverso canali legali, sebbene ci sia un interesse generale su questo materiale, il che alimenta un certo rispetto sottotraccia per la cultura nipponica".

(Via BBC)

Leggi tutto...

Sette manga la cui vendita è stata vietata nel mondo

  • Pubblicato in Focus

Continuiamo a segnalarvi bizzarre operazioni di censura nei confronti della nona arte, e questa volta ci spostiamo in diversi punti della Terra per conoscere le motivazioni dietro il divieto imposto a sette titoli tra i più famosi manga.

7) Ultraman
Lo scorso anno, in Malesia, è stato vietato Ultraman: The Ultra Power presumibilmente per l'utilizzo della parola "Allah". Il nome del Dio mussulmano è utilizzato in una maniera che potrebbe risultare eretica quando il supereroe viene paragonato alla divinità. Il Dipartimento di Stato dell'Home Ministry ha dichiarato "Ultraman è idolatrata da molti bambini e paragonarlo ad Allah confonde i giovani mussulmani e compromette il loro destino". Possedere una copia di questo manga potrebbe essere punita con una pena di 3 anni di galera e/o una multa da 6.100 dollari.

6) Pokémon
Nel 2001 in Arabia Saudita le autorità religiose hanno promosso una fatwa contro il franchise dei Pokemon in quanto promotore del gioco d'azzardo e contenitore di simboli "sionisti" e cristiani. All'epoca del divieto si era in piena Pokémon-mania, che portò anche alcuni dissensi da parte di gruppi religiosi in Messico e negli Stati Uniti.

5) Death Note
Il governo di Pechino ha vietato la diffusione del manga Death Note in quanto lo riteneva una "pubblicazione illegale e terrificante". Per tutelare la "salute fisica e mentale" dei propri studenti, in Cina anche altri manga horror sono stati vietati. Diversi Death Note sono stati ritrovati, durante la pubblicazione dell'opera, negli U.S.A. Un genitore del New Mexico ha chiesto di bandire il manga dal loro distretto scolastico, ma la sua richiesta è stata respinta. Stessa richiesta anche in Russia è stata recapitata a Vladmir Putin.

4) Barefoot Gen
In totale sono 13 le richieste pervenute ai governi locali in Giappone per richiedere il ritiro dalle scuole e librerie del manga Barefoot Gen. Violenza, utilizzo di linguaggio dispregiativo nei confronti dei deboli, oltre al sospetto di nazionalismo, sono le cause poste alla base delle motivazioni per l'esclusione dai distretti di Osaka, Matsue e Hiroshima.

3) Dragon Ball
In una scuola pubblica del Maryland, la Wicomico County Public School, un membro del consiglio della contea ha chiesto che il celebre manga Dragon Ball venisse vietato nelle scuole elementari e medie a causa dei suoi "contenuti sessuali", in particolare per le scene che spingono alla "nudità, al contatto tra bambini ed alle allusioni sessuali tra adulti e bambini". Nel 1999, un genitore, dopo aver acquistato al figlio al figlio di quattro anni Dragon Ball Z, definì il manga "porno softcore" e la serie fu immediatamente rimossa da tutti i negozi a stelle e strisce.

2) Manga, 60 Years Of Japanese Comics
Il libro di Paul Gravett sulla storia dei manga è stato rimosso dalle librerie della contea di San Bernardino in quanto al suo interno erano contenute "un paio di scene disegnate, una in particolare, che mostrano sesso insieme ad un grosso criceto, le quali non si adattano agli standard di decoro della nostra comunità".

1) Welcome to Sugar Pot
È stato uno dei primi manga ad essere vietato dopo l'approvazione dell'ordinanza "Per lo sviluppo sano della gioventù di Tokio" che conteneva le "pubblicazioni nocive" al suo interno. Altri obiettivi di questa ordinanza furono My Wife Is an Elementary Student (la cui pubblicazione è proseguita on-line con l'aiuto del mangaka Ken Akamatsu), Aki Sora, To Love-Ru -Trouble- Darkness e Yosuga no Sora. Bisogna capire ora se altre opere subiranno la stessa sorte visto l'evento olimpico che sbarcherà in Giappone nel 2020.

(Via animenewsnetwork)

Leggi tutto...

Russia: rimosso Maus dalle librerie

  • Pubblicato in News

La notizia ha quasi dell'incredibile, ma purtroppo è vera e ci lascia senza parole. Dagli scaffali delle librerie di Mosca, ma anche da molti negozi on-line, è stato rimosso il graphic novel Maus di Art Spiegelman, vincitore tra l'altro di un premio Pulitzer, a seguito di una legge di quattro mesi fa con la quale si vietava ogni possibile propaganda di ideologie filo naziste.

Il volume in questione, pubblicato in Russia nel 2013 e che ha venduto più di 10.000 copie, riporta una svastica in copertina e a causa della presenza di questo simbolo ne è stata vietata l'esposizione all'interno delle librerie. La legge vuole epurare lo nazione da ogni simbolo legato al regime di Hitler, visto anche la ricorrenza del 70esimo anniversario della vittoria contro le truppe tedesche il prossimo 9 maggio.

Non è la disposizione in sé a far discutere, quanto l'accostamento dell'opera di Spiegelman alla propaganda nazista. Chiunque abbia letto Maus, o né ha anche solo sentito parlare, sa che il graphic novel è un racconto fortemente anti-fascista che evidenzia e condanna gli orrori dei campi di concentramento e del nazismo più in generale.

Il clamore che subito è rimbalzato in rete ha spinto un portavoce del Presidente russo Vladimir V. Putin a suggerire un approccio più controllato nei confronti della direttiva di legge. "Non ci esprimiamo in merito a questa situazione, ma è chiaro che tutto ha bisogno di esser trattato con modo".

(Via CBR)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.