Menu

 

 

Sergio Bonelli Editore presenta l'Atlante di Dragonero

Sul proprio sito, Sergio Bonelli Editore ha presentato l'Atlante di Dragonero, presentato in anteprima a Napoli Comicon e, successivamente, disponibile in libreria (24x33cm, 48 pagine, 16€).
Di seguito trovate tutti i dettagli e un'anteprima diffusa dall'editore.

"Prima della creazione della Gilda dei Cartografi e della classificazione generale dei rilevamenti topografici, da parte della dinastia imperiale erondariana, la realizzazione delle mappe geografiche era affidata ai commerci dei mercanti, ai rilievi dei corpi militari e alle note di semplici viaggiatori che registravano nei loro diari di viaggio luoghi e percorsi, spesso con approssimazioni tali da rendere quelle mappe di scarsa utilità.

Grazie all'impulso dato dalla pace imperiale, attorno al quarto secolo dell'era erondariana si impose una cartografia più scientifica con il calcolo preciso della latitudine e con quello, più difficoltoso, della longitudine. Furono realizzate le prime carte nautiche con la misurazione del fondale costiero, la segnalazione dei punti cospicui, un reticolato di riferimento e la tracciatura delle rotte sicure per agevolare la navigazione. Il continente dell'Erondár - grazie anche allo sviluppo delle rete stradale e al fiorire del commercio - fu infine mappato con precisione, dalla barriera artificiale del Vallo fino a quella naturale dell'immenso deserto del Vhâcondàr, fatta eccezione per le impervie catene montuose e le vaste foreste inesplorate al suo interno.

Ciò che si estendeva a nord del Vallo e a sud del Vhâcondàr non rientrava nella cartografia ufficiale e la sua mappatura rimase affidata all'iniziativa personale degli avventurosi mercanti che si spingevano fino ai leggendari Regni Meridionali e degli impavidi navigatori che sfidavano le insidie del mare aperto. Le sole raffigurazioni che offrono una visione d'insieme del mondo conosciuto sono le copie di un'antichissima incisione su lastra d'oro puro, forse appartenuta alla civiltà perduta degli Ubiqui, di cui esiste un solo esemplare originale, conservato nel monastero destiniano di Theïkókanóna, la cui traduzione - per forza di cose, sommaria e incompleta - ha assorbito l'energia di generazioni di monaci. Le rare copie di questa mappa primordiale sono gelosamente custodite nelle biblioteche dell'ordine e una di esse - la Charte Gnosthe Pankósme - viene presentata per la prima volta in questo Atlante."

 

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.