Menu

 

 

 

Prime tavole del rilancio di Dastardly & Muttley di Garth Ennis per la DC Comics

Tra le serie volute dalla DC Comics per il lancio della nuova etichetta basata sui personaggi creati da Hanna-Barbera, oltre ai Flintstones e a Scooby Doo, tra le altre, troviamo anche Dastardly & Muttley, l'ultima produzione a debuttare in ordine cronologico. Ad occuparsi di questo brand è stato chiamata niente meno che Garth Ennis, che sui disegni di Mauricet ha dato vita a qualcosa di veramente bizzarro nel primo numero della serie, uscito settimana scorsa.

Il concetto alla base di questa nuova versione del franchise è semplice: creare una serie che mantenga gli stilemi caratteristici dello sfortunato duo villain, compreso il look cartoonesco, calando però il tutto in un mondo realistico e attuale. Ovviamente senza lasciarsi sfuggire l'occasione di mescolare opportunamente horror surreale e un divertente senso dello humour o, perché no, "horror divertente e humour surreale", come aggiunge divertito lo stesso Ennis.

"Ci sono diverse cose piuttosto sgradevoli in queste storie, ma non credo che si arrivi mai a qualcosa di veramente terrificante. Ad un certo punto verremo a conoscenza di una certa spiegazione sovrannaturale di tutta questa follia, ma mi sono assicurato che rimanga un alone di incertezza, del tipo 'forse sì, forse no'", ha sottolineato lo scrittore.

Sì perché in questa serie si alterneranno scene e vicende prettamente da cartoon ad ambientazioni, dialoghi, personaggi e situazioni di stampo realistico, come potete vedere nelle tavole che trovate nella gallery in basso.
"Diciamo che la componente cartoonesca è sempre in background", ha specificato Ennis, che firma così una delle serie più folli di questo rilancio "maturo" delle iconiche proprietà Hanna-Barbera.

(Via Newsarama)

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.