Menu

 

 

 

La Nave di Teseo acquista Baldini & Castoldi, storico editore di Linus

Dopo l'alleanza editoriale stretta con la novella Oblomov Edizioni fondata recentemente da Igort, la casa editrice La Nave di Teseo ha acquisito il 95% dello storico marchio milanese Baldini & Castoldi, ricapitalizzando con risorse proprie l'editore, tra le altre cose, della rivista Linus, come apprendiamo dal Corriere della Sera.

"L’energia della nostra casa editrice è e vuole essere contagiosa. Sono particolarmente lieta che La nave di Teseo, e i suoi illuminati e colti azionisti, abbiano raccolto la sfida di restituire un attore così importante come Baldini & Castoldi — per storia, catalogo, autori, “Linus” — alla pienezza della vita editoriale italiana", ha dichiarato Elisabetta Sgarbi, direttore generale ed editoriale de La nave di Teseo e ora anche di Baldini & Castoldi. Il 5% residuo rimane in mano a Filippo Vannuccini mentre viene meno il contributo dell'altro socio Michele Dalai.

"Vorrei che gli autori si sentissero a casa propria. Nello spirito che ha guidato sin qui La nave di Teseo — aggiunge — centrali saranno i libri e gli autori, che troveranno nella nuova Baldini & Castoldi attenzione, cura e gioia per questo difficile e straordinario mestiere di editore. Questa acquisizione è molto importante per allargare il catalogo di quello che ormai è diventato un gruppo di case editrici. Entro l’anno dovremmo arrivare a coprire l’1 per cento del mercato. Nel rispetto delle rispettive identità, inoltre, l’offerta di narrativa e saggistica letteraria de La nave di Teseo, dopo essersi estesa con Oblomov nel mondo della graphic novel, si espande ora nella varia, che vorremmo arricchire, grazie a Baldini & Castoldi", ha aggiunto.

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.