Menu

 

 

Frank Miller vuole esplorare le origini ebraiche di Superman

Nel corso degli anni, Frank Miller ha trattato tematiche complesse nei suoi fumetti. Ora, il noto artista ha dichiarato che vuole affrontare uno delle più antiche, ma spesso trascurate, origin-story di tutto il settore: la radice ebraica di Superman.

In un'intervista a Inverse, rilasciata durante il New York Comic Con, Miller spera un giorno di riportare Superman alla Seconda Guerra Mondiale, l'epoca in cui è stato creato.

"Ha una storia nella Seconda Guerra Mondiale, e mi piacerebbe metterlo di nuovo lì", ha dichiarato l'autore. "Superman ha bisogno di confrontarsi con le sue radici ebraiche, e mi piacerebbe scriverne. Mi piacerebbe vedere la sua faccia in un campo di sterminio."

Superman è stato creato da Jerry Siegel e Joe Shuster nel 1938, ed è considerato come una risposta diretta alla reclusione atroce, alla tortura e all'uccisione degli ebrei da parte del Terzo Reich, prima e durante la guerra. A quel tempo, i parallelismi erano così evidente che, nel 1940, che il ministro della propaganda del Terzo Reich Joseph Goebbels denunciò pubblicamente Superman e Siegel.

Segni di patrimonio ebraico di Superman sono stati in gran parte allontanati nel corso degli anni, sostituiti, a volte, con immagini cristiane. Tuttavia, Superman gode di un'origine decisamente ebraica, fin dal suo nome, Kal-El, che suona simile a "voce di Dio" in ebraico, e alla nave con cui sfugge alla morte dal pianeta Krypton, che ha una somiglianza con la stella di Betlemme.

Vedremo se Miller riuscirà a realizzare questo suo nuovo progetto.

(Via CBR)

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.