Menu

 

 

 

One Piece, un manga da record

Che l'opera di Eiichiro Oda, One Piece, abbia avuto un successo clamoroso non lo scopriamo di certo oggi. Partito nel 1997 sulle pagine della rivista settimanale giapponese Shonen Jump della Shueisha, il manga ha raggiunto 789 capitoli pubblicati e ispirato diverse serie animate, film, video games, light novel e prodotto tonnellate di merchandise.

Adesso, a sancire ulteriormente la grande influenza e diffusione che Monkey D. Rufy e la sua ciurma esercita ancora sui giovani di tutto il mondo, ecco giungere un importante riconoscimento. Si stima che a dicembre 2014 siano state pubblicate ben 320 milioni di copie in tutto il mondo dell'opera di Oda. Ciò ha permesso a One Piece di entrare nel Guinness dei Primati per "il maggior numero di copie pubblicate di una serie a fumetti da un singolo autore".

Per l'occasione è stata realizzata un'illustrazione di Rufy per celebrare il record e nella giornata odierna, con una cerimonia in Giappone, sarà conferito il riconoscimento di questo Guinness, ritirato dall'editor di Shonen Jump, Yoshihisa Heishi, in nome di Oda.

Queste, invece, le parole dell'autore diffuse insieme all'illustrazione: "Grazie per questo riconoscimento del Guinness World Record. I manga sono un modo divertente per passare il tempo, ma quando ricevo lettere in cui mi dico che 'grazie a One Piece ho conosciuto nuova gente' o 'grazie a One Piece ho trovato l'amore' sono davvero felice. Vivo questo record di numeri come la possibilità di portare lo stesso numero di persone a conoscersi. Non dimentico gli artisti che mi hanno preceduto in questo ambiente, i colleghi con i quali collaboro, i miei lettori, e da adesso in poi voglio continuare a disegnare un'opera che farà rimpiangere questo record".

one-piece-record

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.