Menu

 

 

 

Giuseppe Zimbalatti

Giuseppe Zimbalatti

URL del sito web:

Watchmen e Rebirth: The Button comincia a far luce sui misteri

ATTENZIONE: Il seguente articolo contiene spoiler.

Quando nel maggio 2016 erano trapelate le prime tavole di DC Universe: Rebirth, lo speciale di Geoff Johns, Ethan Van Sciver, Ivan Reis e Gary Frank che introduceva all'evento epocale che avrebbe rimodellato la fisionomia dell'Universo DC, l'effetto fu dirompente e inedito: l'universo di Watchmen interagiva direttamente con l'universo "canonico" della casa editrice.
Da allora è stato un susseguirsi di ipotesi, teorie e, fondamentalmente, interrogativi sul ruolo che i personaggi di Watchmen avrebbero avuto da lì in poi, su come si sarebbe concretizzata questa interferenza e su chi ci sia dietro l'anomalia di Flashpoint e del New 52; su quale sia l'identità e le motivazioni di chi ha "rubato" cinque anni alle vite e alla memoria dei personaggi DC.

Eravamo rimasti al misterioso mr. Oz (presumibilmente Ozymandias?) che andava a "fare visita" a un misterioso nuovo Superman, e con Batman che trovava nella Bat-Caverna la spilla del Comico dopo l'irruzione, da un'altra dimensione, di un dimenticato Wally West che, alla disperata ricerca di un appiglio per ritornare alla realtà, ha parlato chiaramente di qualcuno che gli ha rubato l'esistenza.

Ora, ad un anno di distanza, gli interrogativi stanno per avere qualche risposta.
Con The Button, cross-over tra Batman e Flash, che prenderà corpo sui numeri 21 e 22 di entrambe le testate, stiamo per saperne di più.
Il primo numero, scritto da Tom King e disegnato da Jason Fabok, è uscito su Batman #21, il 19 aprile scorso.
Oltra alla spilla del Comico, i riferimenti a Watchmen sono innumerevoli, sia nella storia che nello stile. Tutto il numero è un chiaro omaggio all'opera di Alan Moore e Dave Gibbons.
Ma forti sono i richiami anche a Flashpoint e Crisis on Infinite Earths.
Gli Easter Eggs e i riferimenti sono disseminati per tutto l'albo e, quand'anche non si fosse in grado di riconoscerli per non aver letto le storie di riferimento, si può godere comunque di una storia da leggere tutta d'un fiato.

tb1

tb2

Fanno la loro apparizione infatti una apparentemente delirante Saturn Girl della Legione; Eobard Thawne (l'Anti-Flash) in cerca di vendetta e colui che lo aveva ucciso in Flashpoint, vale a dire Thomas Wayne/Batman.

tb3
Un ruolo importante spetta a un altro oggetto, la maschera dello Psico-Pirata, salvato da Batman dalle grinfie di Bane alla fine di Bane: Conquest.
L'interazione tra la maschera e la spilla del Comico provoca infatti l'apparizione di Thomas Wayne.
Lo Psico-Pirata è un personaggio dai poteri singolari, l'unico a ricordare, dopo Crisis on Infinite Earths, la realtà com'era prima. Sarà interessante scoprire se avrà un ruolo diretto in The Button e, più in generale, in Rebirth, in relazione a Flashpoint e al New 52.

tb4

All'inizio, la prima tavola, inquadra il centro di un campo di hockey, quindi nella seconda vignetta appare la mazza da hockey posta nella stessa posizione della macchia di sangue sulla spilla del Comico, come una lancetta che indica, sul quadrante di un orologio, meno dieci minuti alla mezzanotte.

tb5

Stilisticamente la griglia regolare a nove vignette, tipica di Dave Gibbons in Watchmen, occupa quasi tutto l'albo, eccezion fatta per le prime 2 pagine e per la terza, che è una splash-page.
Il tipo di inquadrature, la dinamica delle sequenze, la scansione del tempo, tutto richiama a Watchmen.

tb6

Batman davanti ai suoi monitor, la maggior parte dei quali con la spilla del Comico in display, richiama una scena analoga con Ozymandias.

tb6

Anti-Flash, dopo aver aggredito Batman e distrutto la lettera del padre, sparisce all'improvviso in un lampo azzurro, che fa pensare ancora una volta a Dr. Manhattan. Quindi riappare, dilaniato, emanando un alone azzurro, e sostenendo di aver visto Dio, prima di sparire di nuovo. Nella sua pupilla è impressa una luce, sempre azzurra.

Se questa impronta sarà mantenuta anche nei successivi capitoli del cross-over lo sapremo presto. Questo primo numero svela alcune cose, ma gli interrogativi restano tutti aperti e, se possibile, se ne aggiungono altri.

I capitoli su Flash sono scritti da Joshua Williamson e disegnati da Howard Porter. Flash #21 è in uscita il 26 aprile prossimo.

Non ci resta che attendere gli sviluppi e godere di questa lettura.

(Via CBR (1), CBR (2), Comicvine)

Fox: in arrivo nel 2018 New Mutants, Deadpool 2 e Dark Phoenix. Dal 2020 i sequel di Avatar

Boxoffice.com ha reso noto, mediante un tweet, che 20th Century Fox ha confermato le date di uscita di tre nuovi film sugli X-Men per il 2018.

- Il 13 aprile uscirà The New Mutants; scritto e diretto da Josh Boone, sarà incentrato su una classe di mutanti adolescenti.
- Il 1° giugno sarà il turno di Deadpool 2, scritto da Drew Goddard, Rhett Reese e Paul Wernick, e diretto da David Leitch. Ritroveremo il "mercenario chiacchierone"/Ryan Reynolds qui affiancato da Cable/Josh Brolin e Domino/Zazie Beetz.
- Infine, il 2 novembre, uscirà Dark Phoenix, di Simon Kinberg, con Sophie Turner nei panni di Jean Grey, che racconterà la saga della Fenice Nera dopo il tentativo non perfettamente riuscito di X-Men: The Last Stand.
Tye Sheridan e Alexandra Shipp dovrebbero essere ancora Ciclope e Tempesta, mentre per gli altri membri del cast della precedente trilogia, in scadenza di contratto, non ci sono ancora certezze.

Boxoffice ha anche twittato le date di ben 4 sequel di Avatar, dal 18 dicembre 2020 per Avatar 2, spingendosi fino al 2025 per Avatar 5:

Primo sguardo a Secret Warriors #1

Esce il prossimo 10 maggio il primo numero della nuova serie Marvel Secret Warriors, scritto da Matthew Rosenberg e disegnato da Javier Garron.

Inserito negli eventi ResurrXion e Secret Empire, Secret Warriors vedrà protagonista un ampio team di giovani Inumani come Quake, Ms. Marvel, Moon Girl (con Devil Dinosaur), Inferno e Karnak cui si uniranno anche altri personaggi.

In questo primo numero, i giovani Inumani, assemblati da Daisy Johnson/Quake, sfideranno l'Impero Segreto e Capitan America che si è rivelato un agente dell'Hydra.

Di seguito, potete ammirare un'anteprima non letterata di Secret Warriors #1.

La cover è di Tradd Moore. Le variant sono di David Nakayama e Robbi Rodriguez. La Hip-Hop variant è di Marco D'Alfonso.

La DC presenta Dark Matter e annuncia l'uscita di sei nuovi titoli

"Forgiata dal metallo". Dopo Dark Days e Dark Nights, arriva Dark Matter, il terzo step dell'inizio della "nuova era degli Eroi DC Comics".

Il Co-Editore DC Comics Dan DiDio ha presentato ieri l'iniziativa durante il Diamond Comics Distibutors'Retail Summit a Chicago.

Come tiene a precisare Didio, Dark Matter "non è un evento, un mondo o un universo", è un banner, ovvero uno slogan che ha molto a che fare con la "materia" presente nelle storie e sotto cui si articolerà la nascita di 6 nuove testate, nuovi titoli e nuovi eroi.
È inquadrato e scaturisce direttamente dall'evento di agosto Dark Nights, di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa, che, a sua volta, seguirà l'uscita in luglio di Dark Days: The Forge #1 e Dark Days: The Casting #1, di cui vi avevamo parlato il mese scorso.
Eventi che vedranno impegnati i maggiori artisti attualmente in forza alla DC: Scott Snyder, Greg Capullo, James Tynion IV, Andy Kubert, Jim Lee, John Romita Jr.

Novità e continuità col passato. Grandi promesse dal team creativo, con Jim Lee che ha parlato di storie ambientate nell'universo DC, ma con una sensibilità diversa e l'influenza di action, sci-fi, horror.
Dan DiDio ha fatto riferimento al classico storytelling del supereroe che però emergerà con fantasiose nuove opportunità creative, più grandi di qualsiasi cosa vista su uno schermo cinematografico.
Se "Rebirth è stato pensato per i lettori di vecchia data, Dark Matter è pensato per conquistarne di nuovi".

darkmatter2

- Dark Matter prenderà il via pertanto in agosto, "forgiata dal metallo" di Dark Nights: Metal, di Snyder e Capullo. Una storia che "apre mondi forgiati da incubi". Qui saranno introdotti e presentati i personaggi e le storie delle altre 5 testate.

- A settembre uscirà Sideways, di Dan DiDio e Justin Jordan con i disegni di Kenneth Rocafort. Un'adolescente liceale, cambiata dagli eventi di Dark Nights: Metal, entra in contatto con la Dark Matter (Materia Oscura) e potrà teleportarsi nella Dimensione Oscura. Ma ogni volta che lo farà si avvicinerà un po' di più a soccombere al fascino del suo potere e alle sue origini oscure.

- A settembre arriverà anche The Silencer, di Dan Abnett e John Romita Jr., che avrà come protagonista Honor Guest, la più letale assassina del pianeta che ha deciso di cambiare vita e diventare una persona normale e tranquilla, lontano da morte e distruzione. Ma quando la sua vecchia vita torna a tormentarla, Honor deve rinunciare alla sua identità "civile" e proteggere la sua famiglia come The Silencer.
Il fatto che Silencer sia una donna "non è un elemento di diversità, ma è un nuovo personaggio", ha detto Romita che, prendendo ad esempio il tema della diversità adottato in casa Marvel, ha fatto notare come fare di Francine Castle il nuovo Punitore possa mettere in dubbio l'integrità della storia agli occhi dei lettori, cosa che non succede se l'artista si pone l'obiettivo di creare qualcosa di totalmente nuovo.

- A ottobre uscirà poi Immortal Men di James Tynion IV e Jim Lee: nati all'alba dei tempi, cinque fratelli scoprono che la vita eterna comporta la guerra eterna. Quando le forze del male muovono verso il mondo moderno, loro operano dalle ombre reclutando un'elite contro coloro che cercano di portare l'Armageddon. Sono l'unica speranza dell'umanità.

- Sempre ad ottobre vedrà la luce Damage, di Robert Venditti e Tony S. Daniel. Ethan Avery è una recluta che viene trasformato in quella che dovrebbe essere l'arma definitiva: per il tempo di un'ora, si potrà trasformare in un terribile mostro. Ma se riesce a domarlo, potrà fare più bene di quanto si sarebbe mai aspettato.

- A dicembre sarà infine il turno di New Challengers, di Scott Snyder e Andy Kubert, con protagonisti gli Esploratori dell'Ignoto. Si tratta di un ritorno, con nuovo cast, nuove missioni, ma restando in contatto con le storie e la grandezza dei personaggi originali, impegnati a sfuggire alla morte andando incontro ai grandi misteri, meraviglie e terrori dell'universo.

L'idea alla base di Dark Matter è quella di dare maggiore peso e importanza nelle scelte ai disegnatori, che hanno partecipato tanto quanto gli scrittori al progetto creativo.
"Coinvolgimento" e "collaborazione" sono i termini più ricorrenti nelle dichiarazioni degli artisti impegnati.
Nel video pubblicato dal canale YouTube di DC Entertainment, potete ascoltare le parole dei creatori che hanno lavorato a Dark Matter:

"Ciò che amo di Dark Matter" - ha detto Jim Lee - "è il ritorno al portare alla ribalta sia lo scrittore che il disegnatore".
"Al nostro 'talent summit' abbiamo messo insieme alcuni dei nostri creatori, scrittori e artisti chiave, ci siamo seduti a un tavolo e abbiamo parlato di cosa fosse andato perso nei comics, di cosa potevamo fare per creare qualcosa di diverso e che magari i lettori di questa generazione non avevano ancora visto"

Per Greg Capullo Dark Nights: Metal "aprirà le porte" ai lettori che non si sarebbero mai aspettati. Tipo quanto si vede nel promo da lui realizzato, Batman con in mano due asce da guerra "questo è il genere di cose folli che vedremo" ha aggiunto.

Sullo stesso tema, ieri John Romita Jr è stato più incisivo "La gente ha l'impressione che gli scrittori siano gli "dei" di questo processo: non lo sono. In realtà è un'idea che mi offende. L'idea che gli artisti non possano influire sulle decisioni è folle, così come lo è per uno scrittore. Si tratta invece di 'collaborazione'."
E non risparmia una frecciata alla Marvel, dicendo che la sua sensazione riguardo alla riluttanza della Casa delle Idee a promuovere i fumetti realizzati attorno alla figura del disegnatore, è che questo dipenda soprattutto dal rifiuto della casa editrice di pagare un artista dal nome "più costoso". "Le loro vendite stanno rispecchiando questo".

Di seguito, alcuni sketch, promo, banner e cover di Dark Matter.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.