Menu

 

 

Justice League: Superman ritorna in due immagini, nuovo trailer internazionale

  • Pubblicato in Screen

Avevamo lasciato Superman al suo funerale, alla fine di Batman v Superman: Dawn of Justice, con solo una manciata di terra che si sollevava dal suo feretro a coltivare la speranza in un ritorno dell'Uomo d'Acciaio.

Dopodiché Supes era stato pressoché assente da tutto il marketing promozionale di Warner Bros. per Justice League: nel trailer ufficiale e nei poster precedentemente diffusi, apparivano gli altri 5 membri del supergruppo DC, ma non l'Uomo d'Acciaio.

È finalmente adesso apparso un nuovo scatto in cui Superman è al centro del gruppo, affiancato da Wonder Woman, con Batman e Flash alla loro destra e Aquaman e Cyborg alla loro sinistra.

C-ICyX2XYAAY50M

L'immagine sarebbe stata pubblicata inizialmente dal sito Rubies, una compagnia che vende costumi con licenza ufficiale DC Comics, che l'ha pubblicataper promuovere il nuovo costume basato su quello del film.
Si è quindi diffusa rapidamente tra i fan e i siti di informazione.

justiceleaguewithsupes-768x408

Oltre a questa immagine, un'altra è apparsa nel nuovo sito del film, jointheleague.dccomics.com, con un link "First Look" che rimanda all'altro sito ufficiale, justiceleaguethemovie.com. Anche in questo caso, Superman è schierato in prima linea con la League.

È stato diffuso anche un nuovo trailer internazionale, che potete vedere qui:

Justice League troveremo per la prima volta nella stessa pellicola Jason Momoa (Aquaman), Ray Fisher (Cyborg), Ezra Miller (Flash), assieme a Ben Affleck (Batman), Henry Cavill (Superman) e Gal Gadot (Wonder Woman). Alla regia ritroviamo Zack Snyder e la data ufficiale di uscita è il 17 novembre 2017.

Leggi tutto...

Il trailer di Krypton, la serie DC in onda su SyFy

  • Pubblicato in Screen

È stato diffuso il primo trailer di Krypton, la serie Syfy incentrato sul pianeta di Superman e della Casa di El duecento anni prima della sua distruzione. Potete vederlo qui di seguito:

Scritto da David S. Goyer (Man of Steel) e Ian Goldberg (C'era una volta), la serie avrà Damian Kindler (Il mistero di Sleepy Hollow) come showrunner e produttore esecutivo insieme a Goyer.
Colm McCarthy (Doctor Who/Sherlock) dirigerà il pilota.

Leggi tutto...

Una vittoria di misura per Scott Snyder e Jim Lee, la recensione di Superman Unchained

La RW Lion ripropone in volume la maxi-serie Superman Unchained (già presentata nello spillato mensile Superman L'uomo d'acciaio) ed è come ritrovarsi a guardare una partita del Barcellona: un team di fuoriclasse che porteranno sempre a casa il risultato, lasciando in chi guarda una grande, seppur ovvia e inevitabile, ammirazione. La DC Comics è infatti andata sul sicuro affidando questa avventura de l'Uomo d'Acciaio alle mani del golden boy Scott Snyder e del campione Jim Lee. Quest'ultimo in particolare dimostra ancora una volta di poter dare lezioni ad almeno due generazioni di cartoonist, quanto a freschezza e spettacolarità: tavole dal respiro epico e magniloquente, in cui il tratto preciso e affascinante del disegnatore originario di Seul dà forma a scene di grande impatto visivo in un florilegio di dinamismo e cura del dettaglio.

supermanunchained-1

Molto bello e spettacolare da vedere dicevamo, a volte si ha la sensazione che si voglia colpire più l'occhio del lettore che accompagnarlo visivamente lungo lo svolgersi della narrazione. Le splash-page e le tavole inusuali non si sbilanciano però mai nei confronti di quelle dal taglio più tradizionale e cinematografico. A questo proposito, se Lee è il centravanti, Snyder qui svolge il ruolo del regista-fantasista, compiendo due scelte molto semplici e intelligenti. In primo luogo imposta una trama molto classica: c'è Superman che deve salvare il mondo da un'invasione aliena, confrontarsi con un villain simil-Doomsday, litigare con il Generale Lane, fare i conti con Luthor, farsi aiutare da Lois. Snyder qui è uomo d'ordine che riesce a garantire l'equilibrio fra i momenti più “fisici”, i flashback riflessivo-esistenziali, i dialoghi necessari per le spiegazioni e le tavole mute (in particolare del finale). La scelta di riservare le didascalie principali alle voce narrante di Superman che dialoga con se stesso, infonde poi  alla narrazione un afflato molto più umano e empatico, che avvicina il lettore.

supermanunchained-2

In secondo luogo Snyder decide di puntare fin da subito, per valorizzare il tratto e lo stile di Lee, su scene d'azione quasi senza sosta o comunque su un ritmo sostenuto in cui non cala mai la tensione: all'interno di questo quadro così ipercinetico, viene costruita, numero dopo numero, con discrezione, una riflessione generale sull'essere Superman ed esercitare il potere: come decidere da che parte stare? Chi ci dice che sia quella giusta? Come si usa un potere così immenso? Si potrebbe fare in modo diverso? Queste sono alcune delle domande  a cui prova a rispondere Snyder fra una scazzottata e l'altra. Si ri-afferma ancora una volta, quando si parla di Superman, il valore della libertà del gesto eroico, una libertà morale che – significativo a questo proposito il ruolo della Fortezza della Solitudine – che viene difesa strenuamente dall'ultimo figlio di Krypton, anche e forse soprattutto nelle vesti di Clark Kent. Questi sono certamente spunti interessanti che però, nell'economia della storia, risultano forse un po' troppo sacrificati rispetto alle scelte più spettacolari e “comode”. Intendiamoci, Snyder fa tutto bene, ma sembra soffrire – e non è il primo – il confronto con il mito stesso di Superman: troppe cose da maneggiare, troppa urgenza di mettere ogni elemento al suo posto, troppa paura di rompere schemi ampiamente collaudati.

supermanunchained-3

Superman Unchained aggiunge poco e non dice niente che non sia stato già detto sinora rispetto all'Uomo d'Acciaio, collocandosi nella categoria di un ottimo prodotto, ma di puro intrattenimento e nulla più. E il difetto maggiore di quest'opera è forse questo: la squadra Snyder/Lee, costruita per vincere, senz'altro vince, ma è una vittoria che non sorprende come si sperava.

Leggi tutto...

Superman 1 -2 (116-117)

Grazie a Convergence e il one-shot di Rinascita, i lettori delle avventure di Superman hanno iniziato a familiarizzare con due eventi dalla grande portata narrativa e legati tra loro: le avventure del kryptoniano eroe che hanno iniziato a leggere con il reebot New 52, cinque anni fa, erano le avventure di un altro Superman e questo Superman ora è morto. Ma di chi sono, dunque, le storie contenute in questo primo albo di Rinascita? Comunque di una vecchia conoscenza per i lettori, il Superman di cui hanno letto dal 1985 fino al 2011 e, precisamente, si tratta dell’Uomo d’acciaio tra l’evento Crisi sulle Terre Infinite e l’inizio di New 52.

Peter Tomasi e Pat Gleason, alla sceneggiatura, introducono questo familiarmente sconosciuto Clark Kent, sposato con Lois Lane e con figlio, che accetta, con non poche reticenze, di ereditare il mantello del Superman deceduto, ufficiando la sua presenza come eroe, dopo gli anni passati ad agire, raramente, nell’ombra. Il racconto vira fortemente sui toni intimisti lasciando l’azione fuori dalla lettura e concentrandosi sulle emozioni e le intenzioni dei protagonisti. L’intera storia ruota attorno al perno della morte: da eroe, Clark Kent, vuole scongiurarla, da essere umano, Lois Lane, vuole rispettarla, ma entrambi sono bisognosi di accettare il cammino che gli si profila davanti. Una sceneggiatura sobria, con l’obiettivo di introdurre il nuovo status quo delle avventure dell’eroe kryptoniano, che si interroga, attraverso i due personaggi, sul valore del sacrifico, non necessariamente come “sacrificio ultimo”, ma come frutto di scelte altruistiche che possono, o meno, condurre a strade a volte inaspettate, a volte necessarie. Le matite di Doug Mahnke restituiscono con grande maestria e tecnica l’approccio quasi distaccato, filosoficamente raziocinante della sceneggiatura, attraverso le granitiche figure che popolano le vignette del racconto.

superman-1

Il piccolo Jon è il protagonista e la voce narrante del secondo numero: cosa vuol dire vivere con i superpoteri accanto ad un padre che, dopo anni, ha deciso di intraprendere la vita superoistica? Jon ancora non sa come usare i suoi poteri, cosa vuol dire celarli al mondo e quali possono essere le conseguenze del loro utilizzo senza la supervisione di chi, come lui, ha già affrontato tali questioni. Il conflitto generazione padre-figlio è alle porte e preannuncia una sotto-trama che, se sviluppata nelle prossime uscite, potrebbe dare un'inedita versione di Superman, alle prese con le proprie questioni irrisolte legate alla sua adolescenza. Tomasi e Gleason scelgono solo di introdurre tale questione, rendendo Jon un protagonista con un ruolo, probabilmente, determinante nelle avventure dell’Uomo d’Acciaio. Le matite di Mick Gray assolvono al loro dovere di illustrare il racconto dal punto di vista del piccolo Jon: la figura imponente del padre, per lui punto di riferimento, è scultorea e granitica, anche nel momento del conflitto, mentre un tratto maggiormente cartoonesco si presta per la raffigurazione del giovanissimo ragazzo.

superman-2

Se questo numero riparte da 1, non lo fa Action Comics che prosegue con la numerazione pur allacciandosi alla “rinascita” di Superman. La figura di Doomsday è maggiormente presente, dopotutto, ai testi, troviamo il deus ex machina dietro La Morte di Superman (1992), Dan Jurgens.
Meno intimista e più d’azione, il “nuovo” Superman deve prendere una posizione definitiva tra il rimanere nascosto o prendere il posto dell’Uomo d’Acciaio. Durante una rapina ad una banca, consapevoli della morte dell’eroe, i quattro rapinatori non si aspettano la presenza dello stemma della famiglia El e si aspettano ancora meno che ad indossarlo è Lex Luthor, in armatura rosso-blu che pubblicamente si proclama come erede di Superman. La sceneggiatura di Jurgens si concentra sullo scontro identitario tra i due protagonisti, l’uno che dubita dell’altro. Lo scontro fisico è anche sul piano ideologico: chi deve ereditare il “mantello” di Superman? Quali sono le motivazioni dietro Lex Luthor? Risposte destinate a rimanere insolute per l’arrivo di un personaggio ben noto ad entrambi. Il racconto è ricco di colpi di scena e il punto di vista a cui il lettore aderisce e quello della moglie Lois Lane e del figlio Jon che guardano in diretta lo scontro tra Lex e Superman: tante le domande, molti i dubbi, diverse le cose che sorprendono e i testi di Jurgens concedono poco spazio alla risoluzione narrativa in favore di un crescendo misto di ansia e curiosità che rende avido il lettore in attesa di conoscere il prosieguo del racconto.
Per la storia, prepotentemente virata sull’action supereroistico, i protagonisti muscolari sono disegnati con un tratto felicemente poco pulito da Patrick Zircher, che concentra la sua attenzione, e quella dell’eroe kryptioniano, sul “fantasma” Doomsday: l’ultimo, devastante, scontro con l’alieno era costato molto caro a questo Superman.

superman-1

Il terzo racconto degli albi della “rinascita” di Superman, vede come protagonista un personaggio che sembra essere agli antipodi rispetto all’Uomo d’Acciaio: Kong Kenan, bulletto adolescente, di Shanghai, scapestrato, irriverente, pronto a mettersi in mostra. Mentre vessa, come d’abitudine, il suo compagno di scuola Luo Lixin, l’arrivo del supercattivo Condor Blu scatena in lui qualcosa di inaspettato: lancia una lattina al criminale che stava tentando di rapire Luo, facendogli perdere la presa e costringendolo alla ritirata. Il gesto eroico non passa inosservato e Kang viene subito intercettato da Laney Lang, giornalista di Primetime Shangai. Ma la giovane reporter non è l’unica ad averlo notato: pronto a farlo diventare un eroe, nell’ombra, agisce il Ministero dell’Autonomia. L’aria che si respira nella sceneggiatura di Gene Luen Yang è quella del dejavù: oltre l’assonanza dei nomi dei protagonisti, le “strizzate d’occhio” al lettore di Superman sono disseminate ovunque, ma quello che leggiamo è una sorta di remake-reboot cinese delle avventure di Superman. La genesi del protagonista non potrebbe essere più differente: orfano alieno Superman, padre assente per Kong, principe kryptoniano il primo, bullo di periferia cinese il secondo, identità segreta per l’Uomo d’Acciaio, vanto per il neo Super-Man (fondamentale la presenza del trattino). Eppure entrambi accomunati dal bisogno inconscio ed irrefrenabile di aiutare il prossimo. Il racconto non riesce, comunque, a convincere del tutto: il voluto “tarocco” made in china risulta essere troppo stucchevole nel voler rimandare ai personaggi originari e il protagonista non ha ancora la complessità per reggere l’intera narrazione. I disegni di Viktor Bogdanovich non aiutano lo svolgimento: forse troppo “canonici”, non osano con sperimentazioni grafiche che avrebbero, forse, accresciuto il valore del “gioco” iconico, a tratti parodico, che la sceneggiatura tenta di conferire al racconto. Dopotutto, siamo all’inizio delle avventure di Super-Man, e bisogna attendere che il terreno si stabilizzi.

Con il difficile compito di non ripartire, ma di raccogliere le fila editoriali di Superman, questo primo albo riesce nell’intento di porsi tra ponte tra gli assidui lettori dell’Uomo d’Acciaio e i prossimi sviluppi narrativi, ma anche come incipit per i nuovi lettori, ricostruendo il passato dell’eroe necessario alla comprensione di ciò che avverrà.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.