Menu

 

 

 

nintendo-sw

La prima immagine di Black Lightning, il nuovo serial DC targato The CW

  • Pubblicato in Screen

Con il pilot attualmente in produzione ad Atlanta, è stato diffuso la prima immagine ufficiale di Cress Williams come Black Lightning nell'omonimo serial The CW tratto dal fumetto DC Comics. Potete vedere la foto qui di seguito.

BLACK LIGHTNING First-Look

Il pilot di Black Lightning di è stato scritto dalla coppia Salim e Mara Brock Aki inizialmente per la Fox, ma si è poi deciso di spostare sulla The CW tale prodotto, sebbene ad ora sembrerebbe che non siano previsti crossover e introduzioni nell'universo televisivo già condiviso dalle altre serie. Nel cast Cress Williams (Jefferson Pierce/Black Lightning), China Anne McCain (Jennifer Pierce/Fulmine) e Nafessa Williams (Anissa Pierce/Thunder). Berlanti Productions e WBTV produrranno il serial. Ricordiamo che il personaggio di Black Lightning è stato creato nel 1977 da Tony Isabella e Trevor Von Eeden rappresentando così il primo supereroe afroamericano di spicco della DC facendo parte anche della Justice League.

Leggi tutto...

Love is Love: raccolti 165 mila dollari per le vittime di Orlando

  • Pubblicato in News

Vi abbiamo già parlato di Love is Love, l'antologia a fumetti realizzata da IDW Publishing in collaborazione con DC Comics dedicata alle vittime della strage di Orlando, avvenuta in America nella notte tra l'11 e il 12 giugno 2016. L'opera è giunta attualmente alla sua quarta ristampa, arrivando a raccogliere più di 165 mila dollari che, mediante Equality Florida, sono stati versati nelle casse di  OneOrlando Fund, il fondo dedicato alle vittime e alle famiglie colpite dalla tragedia. Una quinta ristampa è prevista per il futuro permetterà di devolvere i ricavati ad associazioni LGBTQA.

Marc Andreyko ha ideato e curato la pubblicazione, aiutato da IDW e DC nel raccogliere l'aiuto di colleghi disposti a prestare il loro talento per una causa umanitaria. A contribuire a quest'opera si sono fatti avanti autori e artisti di grande impatto nel mondo del fumetto come Grant Morrison, Gail Simone, Jim Lee, Paul Dini, Amanda Conner, Scott Snyder, Tom King, Brian Michael Bendis, Steve Orlando, Cat Staggs, Kieron Gillen, Mark Millar, Marguerite Bennett, Phil Jimenez, David Mack, Brad Meltzer, Taran Killam, Patton Oswalt, Damon Lindelof, Morgan Spurlock e Matt Bomer.

“Le parole non bastano per esprimere quello che proviamo per questo gesto di incredibile generosità che la nostra comunità ha ricevuto” ha dichiarato il sindaco di Orland Buddy Dyer. “Le persone da tutto il mondo continuano a donare al fondo OneOrlando per fornire soccorso e cure alle vittime e alle famiglie dei sopravvissuti”.
 
“Sono spiazzato dalla risposta che ha ricevuto Love is Love” ha aggiunto Marc Andreyko. “Non avrei mai pensato che queto progetto avrebbe potuto non solo permettere di raccogliere tanti fondi, ma anche toccare così tante vite in tutto il mondo. In un periodo di forte divisione e grandi difficoltà come questo, vedere l'amore di persone di tutte le etnie, di ogni credo, orientamento sessuale e nazionalità, traboccare a supporto di vittime dell'odio mostra come ci sia del bene in questo mondo. Dobbiamo solo continuare a combattere e l'amore potrà trionfare”.

Leggi tutto...

Lo sbarco in America di Morrison, la recensione di Animal Man 1

Nel 1982 un giovane sceneggiatore inglese di nome Alan Moore aveva concepito, sulle pagine della rivista Warrior, un revival di Marvelman, vecchio personaggio della Silver Age inglese modellato sull’americano Captain Marvel della Fawcett Comics, poi passato nel catalogo della DC col nome di Shazam. Inconsapevolmente o meno, lo scrittore di Northampton aveva dato il via al cosiddetto periodo revisionista del fumetto supereroistico, che culminerà anni dopo ne Il Ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller e in Watchmen dello stesso Moore. La storia del fumetto americano prende una piega decisiva, che ne segna i futuri sviluppi, quando Len Wein, autore classico della Marvel e DC degli anni ’70 e allora editor-in chief di quest’ultima, chiama Moore al capezzale di un personaggio di sua creazione, Swamp Thing, la cui serie era sull’orlo della cancellazione. Fin dalla sua prima storia, Lezione di anatomia, che è tanto un titolo quanto una dichiarazione di intenti, Moore infonde alla serie della Cosa della Palude una qualità letteraria e un lirismo fino ad allora sconosciuti al fumetto americano mainstream, fatta eccezione per alcuni precursori come Don McGregor. Ma soprattutto, colpisce la visione critica nei confronti dell’american way of life fornita da un autore europeo. È esattamente quello che chiede una nuova generazione di lettori, cresciuta abbastanza da contestare, oltre ai genitori, anche le figure istituzionali ed ingessate del comicdom americano.
Il successo di critica e pubblico dei lavori di Moore è tale che i vertici della DC organizzano un tour in terra d’Albione alla ricerca di nuovi talenti, in grado di tirare a lustro qualche altro vecchio personaggio del proprio catalogo. La spedizione, capitanata dal presidente Jehnette Kahn, l’editor Karen Berger, futura responsabile della creazione della linea Vertigo, e il veterano Dick Giordano raccoglierà frutti prelibati nelle persone di giovani autori che di li a pochi anni diventeranno nomi di riferimento del settore come Neil Gaiman, Peter Milligan, Jamie Delano e, ovviamente, Grant Morrison.

animalman-1

È il 1987 e Morrison è l’autore di fumetti iconoclasti e provocatori come Zenith, il giovane supereroe creato per la rivista 2000 A.D., che preferisce le pagine dei rotocalchi o un’apparizione a Top of the Pops piuttosto che combattere per il bene comune. L’approccio del giovane Morrison al fumetto, contraddistinto da venature punk e anti-tatcheriane, è paragonabile al grido di Sid Vicious che fa consapevolmente scempio della classica My Way di Frank Sinatra. Esattamente il tipo di sensibilità che porterà con se nella sua prima avventura americana, Animal Man. La narrazione che Morrison stesso fa di quel viaggio in treno che lo porta dalla natia e per molti aspetti provinciale Glasgow fino a Londra per incontrare la dirigenza DC è entrato nella mitologia dei “dietro le quinte” della storia del fumetto, e lo immaginiamo simile al tragitto che Jimmy Somerville dei Bronski Beat compie nel videoclip della coeva Smalltown Boy mentre si allontana, per sempre, da una ristretta dimensione di provincia. Durante il viaggio Morrison pensa su quale personaggio del catalogo DC incentrare una proposta, e dai suoi ricordi di bambino avido lettore di fumetti americani emerge il personaggio di Animal Man, apparso per la prima volta sull’antologica Adventure Comics, character dalle caratteristiche al limite del ridicolo di cui Morrison può essere moderatamente certo di essere uno dei pochi a serbarne memoria. Il funzionamento dei poteri del buon Buddy Baker, infatti, è molto semplice: assorbire le capacità di qualsiasi animale si trovi nelle vicinanze. Il lancio della nuova serie di Animal Man è quindi a rischio zero, salvo che per la reputazione di Morrison e la possibilità futura di ritagliarsi un posto al sole nell’industria del fumetto americano: in caso di insuccesso, l’alter-ego di Buddy Baker sarebbe semplicemente tornato nel dimenticatoio da cui l’autore scozzese l’aveva prelevato. Per fortuna di Morrison, della DC e dei lettori, nulla di tutto questo accadde.

animalman-2

Alan Moore aveva dimostrato, nel suo ciclo di Swamp Thing, che il fumetto mainstream poteva essere un contenitore di tematiche adulte e attuali, come quelle a sfondo ecologiche e ambientaliste. Morrison segue la scia del Bardo di Northampton, scegliendo un personaggio così naif da prestarsi ad essere l’avatar dell’impegno civile del Morrison di quel momento. Emergono nettamente, nella prima sequenza di storie ospitate dal volume con cui RW Lion ripropone al pubblico questo fondamentale ciclo, le posizioni dell’autore contro la vivisezione, in un momento in cui Morrison sta per diventare vegetariano, scelta che viene fatta propria anche dall’eroe protagonista, identificazione tra scrittore e il suo personaggio di cui si contano pochi precedenti. Meat is Murder, cantano in quegli anni gli Smiths e il loro leader Morrissey, ispirazione fondamentale nella carriera di Morrison che sarà evidente anche in prove successive. Ritroviamo molte delle esperienze della vita di Morrison nell’esistenza quotidiana di Buddy Baker, outsider che vive in una villetta di periferia con moglie e figli, lontano dalle metropoli in cui agiscono gli altri eroi del DC Universe, tra vicini annoiati perennemente collocati su una sdraio a bordo piscina o alle prese con qualche barbecue. Come Moore prima, l’autore scozzese comincia presto la decostruzione non solo del fumetto supereroistico mainstream, ma dello stesso stile di vita americano, basato su una violenza innata che si annida anche un luoghi apparentemente insospettabili e tranquilli. È il caso del rischiato stupro della moglie di Buddy, colpevole solo di essersi avventurata nel parco vicino alla sua abitazione, da parte di un gruppo di violenti cacciatori, situazione salvata solamente dall’intervento del vicino.

animalman-3

Se le prime quattro storie costituiscono un corpus a parte, in cui Morrison, attraverso didascalie poetiche ed ispirate, tenta di imitare il lirismo tipico di Moore e si prodiga a favore della difesa dei diritti degli animali, nel quinto episodio, Il Vangelo del Coyote, l’autore opera una svolta verso un surrealismo meta-narrativo che sarà il tratto caratteristico di tutta la sua produzione successiva. Trovate come quella del coyote dei cartoni animati giunto per caso nella nostra dimensione che si immola cristologicamente per la salvezza del mondo possono esistere solamente nel mondo morrisoniano: d’altronde parliamo dell’autore che, nella successiva Doom Patrol, farà scontrare il gruppo protagonista contro una “confraternita” di cultori del dadaismo. Già in questo volume troviamo tracce del Morrison che sarà, lisergico e citazionista, colto e surrealista. Dove trovare, peraltro, un alieno di Thanagar (il pianeta da cui proviene Hawkman) che minaccia la terra con una bomba modellata sulla teoria dei frattali, citando inoltre l'esoterista Alesteir Crowley, altro "nume tutelare" dell'autore? Il tutto inserito nel contesto del DC Universe del 1987. Siamo in era pre-Vertigo e le testate DC rivolte ad un pubblico maturo vivono ancora nello stesso universo di Batman, Superman e soci. Ecco quindi apparire Martian Manhunter, che recluta Animal Man per la Justice League, il villain Mirror Master e lo stesso Uomo d’Acciaio in un rapido cameo. Uno scenario composito nel quale Buddy Baker sembra aggirarsi spaesato e attraversato da un persistente senso di inadeguatezza.

animalman-4

Se leggendario è il peso avuto da queste storie nella storia del fumetto americano,  lo è altrettanto l’imperizia grafica del suo disegnatore, Chas Truog. Narra la leggenda che Truog sia stato scelto proprio per le sue scarse capacità, in modo che i suoi non eccelsi disegni non distogliessero il lettore dai testi di Morrison. E il caso divenne paradigmatico di come a volte pessimi disegni non solo non pregiudicano un ottimo script, anzi lo esaltano. In alcune episodi, per fortuna, Truog viene sostituito dal buon Tom Grummett, veterano della DC conosciuto per il suo lavoro su Teen Titans e Superman.
Riletto a 30 anni dalla sua uscita, Animal Man non ha perso nulla di quella carica iconoclasta e detonante che investì il fumetto americano, sconvolgendolo per sempre.

Leggi tutto...

La DC annuncia Dark Days, il nuovo evento epocale che coinvolge i suoi maggiori artisti

  • Pubblicato in News

Dark Days: The Forge #1 e Dark Days: The Casting #1, questi sono i titoli dei due speciali che la DC Comics lancerà questa estate e che faranno da preludio a un nuovo evento che "aprirà nuovi orizzonti nella linea editoriale dei fumetti DC". Scott Snyder e James Tynion IV si occuperanno dei testi mentre Andy Kubert, Jim Lee e John Romita Jr. delle matite.

Snyder descrive il progetto come qualcosa di epico e il punto di arrivo di una storia che porta avanti, tramite tracce ed easter egg fin da quando ha iniziato la sua gestione di Batman. "Questo è un mistero che inizia letteralmente agli albori dell'uomo e si estende su generazioni di eroi e cattivi e alla fine porta a enormi rivelazioni sul passato, presente e futuro della cosmologia DC. Non potrei essere più eccitato per Dark Days. È il preludio all'evento che abbiamo sviluppato per anni", ha dichiarato lo sceneggiatore.

"Stiamo prendendo tutto l'ethos e l'entusiasmo del lavoro che Scott ha fatto con Batman per estenderlo a tutto il DC Universe", ha aggiunto Tynion IV. "La dimensione e la portata di ciò che stiamo cercando di fare con Dark Days può essere realizzata solo dal meglio del meglio. Andy, Jim e John sono leggende. Tutti noi in questo progetto stanno spingendo l'un l'altro e ogni concetto alle estreme conseguenze."

La DC, inoltre, vuole con Kubert, Lee e Romita Jr., vuole portare agli rtisti alla ribalta del processo di narrazione." A partire da Dark Days, questo team creativo collaborerà a "sviluppare nuove idee e personaggi, arricchendo ulteriormente l'Universo DC."

"Lavorare con Scott e James per Darl Days è il culmine delle grandi idee e di brainstorming senza fine che sono venuti fuori da un recente vertice creativo", ha spiegato Lee, naturalmente anche co-editore della DC. "È stato tremendamente divertente avere coetanei come Andy Kubert e JrJr. insieme ad alcuni dei nostri migliori scrittori. Strategicamente, Dan (DiDio) ed io abbiamo parlato a lungo di portare gli artisti al tavolo nella genesi dei grandi eventi. Il vertice creativo è stato proprio questo, e il livello di collaborazione è stato veramente stimolante ed elettrizzante. Non vediamo l'ora di mostrare Dark Days ai fan DC".

La DC non ha svelato ulteriori dettagli sulla trama degli speciali e dell'evento in generale, tuttavia in precedenti dichiarazioni, Snyder aveva dichiarato che sarà un qualcosa di "molto Batman-centrico, e molto rock n 'roll." E, in un'altra occasione: Greg (Capullo) chiama questa nostra storia un'opera heavy metal incentrata su Batman. Sarà una grande storia epica sul personaggio, con armature fiammeggianti e un'incredibile chiave di volta per quanto abbiamo realizzato con lui. È già tutto progettato. Sono appena stato a Burbank per guardare il tutto con Geoff Johns. È stato fantastico. È stato uno degli story meeting più belli della mia carriera. Ne abbiamo parlato per qualche giorno, e Johns ha dato una sistemata ai punti più deboli. È stato davvero generoso e ci ha dato una grande mano”.

“La cosa più importante, quello che mi piacerebbe davvero che facessimo per i fan, è il realizzare un evento che sia diverso da quanto visto finora. Adoro gli eventi della DC. Sono davvero fuori di testa e magnifici, ma di solito si riferiscono alla continuity, o sono completamente riferiti a quella che è la linea narrativa in quel momento. Le storie migliori di Geoff sono state davvero fantastiche, ma credo che Crisis, per esempio, sia strettamente collegata con quello che deve essere fatto della linea narrativa. Per questo evento voglio qualcosa di diverso. Voglio che nasca direttamente dalle storie che stiamo raccontando ora, creando nuovo materiale e dando a tutti un posto che permetta di scrivere le storie che sia in accordo con le storie che stanno scrivendo nelle loro testate; qualcosa che sembri molto moderno e differente, ma soprattutto divertente. Non voglio che sia qualcosa di tetro. Non voglio che sia qualcosa che veda i supereroi discutere su qualcosa o scontrarsi fra di loro. Voglio che sia una celebrazione enorme e folle. Voglio dinosauri e laser. Ci sarà da divertirsi”.

Insomma, non ci resta che attendere. Intanto, ecco la prima immagine diffusa di Dark Days: The Forge #1, in uscita il 14 giugno. Dark Days: The Casting #1 uscirà invece il 12 luglio.

DDays Forge 1

(Via Newsarama)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.