Menu

 

 

 

np6-6-28

Batman v Superman: Dawn of Justice: recensione

  • Pubblicato in Screen

Il 2016 è l’anno dei confronti ideologici per quanto riguarda i supereroi. La Marvel ci mostra la Guerra Civile tra la fazione di Captain America e quella di Iron Man in Captain America: Civil War, in uscita il 4 maggio, e sempre la Casa delle Idee, ma questa volta sul piccolo schermo, porta alla luce la rivalità tra Punisher e Daredevil, nella seconda stagione dello show Netflix, che vi abbiamo recensito qui. Ma non è finita qui: anche la rivale DC Comics ha pensato di portare al cinema assieme a Warner Bros. l’annoso conflitto tra due dei suoi più importanti personaggi: il vigilante di Gotham Batman e il beniamino di Metropolis, Superman. Una rivalità talmente radicata e intensa da richiedere addirittura un’esplicitazione della stessa già a partire dal titolo (oltre ad essere di sicuro effetto dal punto di vista del marketing).

Due figure nettamente diverse: un alieno coi superpoteri e un miliardario dalle mille risorse, entrambi indispensabili per le loro città, per la difesa dell’intera umanità, ma mossi da due mentalità diverse, dettate soprattutto dal diverso background. Un antagonismo non solo ideologico e filosofico quello che li divide, ma a tratti di natura teologica, esistenziale, essenziale, che trova nel dibattito più che nelle botte da orbi un confronto chiarificatore, anche se queste ultime sono alquanto necessarie per una maggiore comprensione delle rispettive posizioni.

Batman v Superman: Dawn of Justice però si presenta come un film che si prefigge numerosi obiettivi importanti: rappresentare in maniera corretta, approfondita e intelligente la rivalità tra i due personaggi principali, introdurre un nuovo Batman dopo quello nolaniano di Christian Bale, che ha riscosso grandi consensi da pubblica e critica, riabilitare nuovamente la figura di Superman, dopo il non riuscitissimo Man of Steel, introdurre nuovi personaggi come Wonder Woman, Aquaman, The Flash, ma soprattutto, fare da apripista al nuovo DC Extended Universe, la risposta cinematografica al MCU voluto dalla Distinta Concorrenza con l’obiettivo di conquistare una grande fetta di pubblico dei cinecomic e proporre un valido contraltare ai sempre più apprezzati e redditizi film Marvel. E non sempre centra il punto con questi obiettivi.

bvs1

Tuttavia, per quanto concerne la trama, ci è stato chiesto, soprattutto dal regista stesso mediante un videomessaggio iniziale proiettato alla premiere, di evitare di inserire spoiler nella recensione per non togliere la sorpresa ai fan che vorranno andare a vedere la pellicola. Richiesta lecitissima, se non fosse che ad ora pochissimo è stato diffuso da canali ufficiali relativamente alla sinossi, e che distinguere cosa sia spoiler e cosa no con un intreccio così fitto e dinamico, beh non è una cosa semplice. Per evitare quindi qualsivoglia tipo di sorpresa, ci limitiamo a utilizzare i dati forniti dalla trama ufficialmente resa nota.
"Superman, strenuo e potente difensore della città di Metropolis appare sempre più disporre di un potere simile a quello di una divinità. Nel timore che il suo potere possa diventare assoluto e avere ripercussioni negative, il vigilante di Gotham City Batman scende in guerra contro di lui.
Mentre i due sono in lotta, tuttavia, una diversa e più grande minaccia appare all'orizzonte", da Collider, via Wikipedia.

Vi assicuriamo comunque che la trama è lineare, ben chiara fin dal principio ma non per questo scontata, che riserva numerosi plot twist interessanti, con la presenza di scene oniriche, prevalentemente riguardanti Batman, come quella dove si vede la grande Omega di Darkseid, che rimangono forse poco intuibili, spesso superflue e solo confusionarie, ma che crediamo verranno analizzate e spiegate meglio nei futuri capitoli.

Ed è nel confronto tra divinità e uomo, tra figura messianica e vigilante, tra speranza e perseveranza che la sceneggiatura di Zack Snyder trova il suo centro. Prima dell'azione, prima della lotta, lo scontro viene presentato dal punto di vista dialettico, mediatico, con scelte accurate e drastiche che ci permettono di comprendere il punto di vista di entrambi i protagonisti, di come loro vedono il mondo e di come il mondo vede loro stessi. Il regista mette in piedi una recita che pone in primo piano il confronto ideologico e solo dopo introduce la collisione fisica tra le due forze in gioco, tra la potenza sovrumana e l'astuzia umana. Certo che però una battutina ogni tanto poteva anche permettersela, giusto per staccare un po' dai toni tetri e funerei, per vitalizzare un pochino la scena, senza necessariamente esagerare e snaturare la pellicola.

bvs2

La regia di Snyder è cupa, dark, con giochi di luce studiati e tipici della sua produzione cinematografica, con tonalità scure alternate a bianchi mai purissimi ma nettamente contrastanti col resto della scena, donando alle inquadrature un'atmosfera tormentata, lungi dalla quiete e dalla serenità, che fa presagire un'evoluzione nefasta e non positiva della trama. La cifra stilistica del regista viene mantenuta, con ampi e imprevisti colpi di scena, affrontati con il classico stile un po' "tamarro", mi si permetta il termine, pomposo, esplosivo, altamente enfatico, che può piacere o meno, ma di certo rende bene in un film come questo. Ci sono poi diverse inquadrature veramente eccezionali, di fortissimo impatto, evocative, quasi bibliche, sempre accompagnate da dei filtri cupi che rendono il tutto ancora più sovrannaturale, mistico ed affascinante, dando vita ad uno scontro cromatico e ideologico molto notturno.

Se vogliamo analizzare meglio la figura di Superman, non possiamo non evidenziare come la sua esistenza non sottomessa, non regolamentata possa essere vista sotto una luce salvifica come sotto una cupa rivelazione dell'impotenza umana verso ciò che è più grande di lei. Il kryptoniano è una prova tangibile della crisi delle ideologie antropocentriche, che mette in discussione la sicurezza, tutto sommato confortante, che l'umanità sia la massima minaccia di sé stessa. L'insondabilità delle sue capacità e l'apparente incapacità di comprenderle, di dominarle, di fronteggiarle, crea fenomeni sociali e psicologici antitetici: venerazione e disprezzo.
E nella resa del personaggio, Henry Cavill ben si presta a questo ruolo, donando un adeguato peso espressivo e una buona caratterizzazione nei limiti del possibile, considerando comunque che stiamo parlando di uno dei personaggi più iconici e difficili da impersonare.

bvs3

Il suo rivale, almeno su carta, è un Batman che ha alle spalle una ventina d'anni di lotta contro il crimine di Gotham, una figura carismatica e decisa, con un tragico passato caratterizzato da enorme sofferenza, non solo per la morte dei genitori, ma anche per quella di Robin, come si vede anche dalle foto emerse in rete, ma di cui non viene accennato nulla. Meno Cavaliere Oscuro di quello di Nolan ma più esperto, più preparato, più action, oltre che più anziano. Una figura a tratti horrorirfica, almeno nella sua prima apparizione, più brutale e violenta, protagonista di scene d'azione molto coinvolgenti e ben coreografate, molto simili a quelle dei videogiochi della serie Batman: Arkham dei Rocksteady Studios.
Questa nuova incarnazione di Batman è poi affiancata da un Alfred (Jeremy Irons) che più che un padre, come visto in Nolan, è un amico di vecchia data, un compagno di battaglia, che si improvvisa meccanico, ingegnere, fisico e pilota all'occorrenza, forse esagerando un pochino.
L'interpretazione di Ben Affleck, alla faccia di chi addirittura firmava petizioni per farlo rimuovere dal ruolo, è calzante e di buon livello. Ne esce un Batman diverso da quello che finora abbiamo visto sul grande schermo, così come ne esce un diverso Bruce Wayne, il che in questo caso non si traduce in una nota di demerito.

Lo scontro fisico milleriano tra i due eroi, che vedremo dopo la metà della pellicola, è tecnicamente eccellente, molto ben strutturato, anche nelle ragioni stesse della lotta. Alcune scene prendono direttamente spunto dai due pilastri della narrativa a fumetto che vedono riportato uno scontro simile, ossia il ciclo de Il Cavaliere Oscuro di Frank Miller.

bvs4

Passando poi a Wonder Woman, al suo debutto sul grande schermo con il volto della splendida Gal Gadot, il personaggio ha sicuramente forte impatto visivo e narrativo, anche se non si riesce a comprendere appieno. Il suo essere indomita, risoluta e indipendente rende la figura criptica e misteriosa ma a tratti la fa apparire scontrosa, a tratti sbruffona e prepotente, il che nasconde chiaramente qualcosa, come un abbandono della razza umana al suo destino segnato da qualche tragico evento che verrà di certo chiarito in futuro con il film in solitaria dell'eroina, ma così di primo acchito stona e non fa scattare quell'empatia che forse avrebbe potuto creare se fosse stata più approfondita e non inserita prevalentemente solo all'occorrenza, come accaduto, dandole magari anche qualche battuta in più sul copione. Se ne deduce ben poco di questo personaggio, se non la schiacciante forza in combattimento e il fascino ammaliante.

Altra sorpresa è il Lex Luthor di Jesse Eisenberg, vero deus ex machina della pellicola che dimostra di avere troppo carattere e follia sin dalle prime battute. Una versione un po' squilibrata del personaggio, mentalmente instabile e altalenante, segnato da un passato di abusi, capace di azioni riprovevoli per portare a termine i suoi piani e senza scrupoli di alcun tipo, totalmente indifferente alla vita degli esseri umani, desideroso di potere oltre ogni limite, ma che risulta un po' troppo sopra le righe, un po' insensatamente eccessiva in alcuni punti.
L'interpretazione dell'attore che propone una variante stile Joker del villain non è forse delle più azzeccate.

bvs5

Passando invece ai cameo di Flash, Cyborg e Aquaman, risultano pressoché inutili all'economia della storia, soprattutto per quanto riguarda gli ultimi due, che vengono solamente accennati, con l'unico scopo di introdurli nell'universo, senza mostrare troppo allo spettatore. Al termine della pellicola si getteranno comunque le basi per un'unione degli eroi contro possibili future minacce.

Come facilmente comprensibile dalle immagini e dai trailer del film, il nemico finale è Doomsday, un mostro creato nella pellicola da Luthor, anche se preferiamo non svelarvi come, né altre informazioni a riguardo. Gli effetti speciali qui come nelle altre parti del film, sono allo stato dell'arte, sempre ben amalgamati e fluidamente inglobati nelle riprese, anche se con la figura di Doomsday il lavoro non è stato dei migliori, sembra sempre il solito Abominio senz'anima che puzza di CG lontano un miglio.

La colonna sonora di Hans Zimmer sebbene sia di alto livello compositivo, non presenta un main theme che rimane fortemente impresso nella mente dello spettatore, sebbene la struttura corale, con forti ispirazioni religiose e sacrali, rendono ancora più mistica l'esperienza della visione, sottolineando ulteriormente la scelta stilistica del regista, restando però un'opera non proprio eccellente. Da segnalare l'associazione di un particolare strumento musicale a ogni partecipante dello scontro finale, che globalmente dona un effetto di carica non secondario agli stessi effetti visivi. Il sonoro poi, che abbiamo potuto apprezzare con l'impianto Dolby Atmos del Cinema Arcadia di Melzo, è veramente sconvolgente e di ottima fattura, ben mixato e adatto alle scene rappresentate.

bvs6

Giudizio misto quello che diamo su questa prova di Snyder e della DC in generale, su questo Batman v Superman, che rimane comunque un buon film, che rende giustizia ad alcuni personaggi, meno ad altri, ma eccede sotto molti punti di vista, mettendo troppa carne al fuoco e focalizzando poco gli obiettivi, proponendo, è vero, una sapiente dose di azione ben amalgamata e alternata a confronti più dibattimentali, più ideologici, che non risulta quasi mai scontata ma a volte eccessiva, riservando però numerosi cliffhanger e colpi di scena. Vi consigliamo di andare a vedere questo primo capitolo per farvi un'idea di quello che sarà la nuova serie di cinecomic targati DC Comics e Warner Bros. che comincia bene, sia chiaro, ma di certo non con un film perfetto, fornendo comunque un'alternativa quantomeno valida a quanto fatto dai Marvel Studios. Vedremo poi come si svilupperà in seguito, quando i piani delle major cominceranno a svelarsi permettendoci forse di vederlo sotto un'altra ottica, ma per ora restiamo complessivamente fiduciosi, consigliando umilmente di rivedere alcuni aspetti al più presto.

Leggi tutto...

Disponibile online l'intera colonna sonora di Batman V Superman di Hans Zimmer

  • Pubblicato in Screen

Manca pochissimo all'uscita nelle sale italiani il 23 marzo 2016 del nuovo film di Zack Snyder Batman V Superman, che farà da apripista per il nuovo universo cinematografico targato DC Comics. La colonna sonora della pellicola è stata affidata al Premio Oscar Hans Zimmer e finalmente è stata resa disponibile per l'ascolto gratuito sul You Tube da WaterTower Music, divisione musicale della Warner Bros. Potete ascoltare tutte le tracce della soundtrack nella playlist che trovate qui sotto.

Interpretato da Henry Cavill, Ben Affleck, Jesse Eisenberg, Jeremy Irons, Amy Adams, Laurence Fishburne, Diane Lane, Gal Gadot, Scott McNairy, Holly Hunter, Callan Mulvey, Tao Okamoto, Ray Fisher, Jena Malone e Jason Momoa, Batman v Superman: Dawn of Justice è sceneggiato da Chris Terrio, su una soggetto di David S. Goyer, e diretto da Zack Snyder.
Il film uscirà nei cinema il 23 marzo 2016.

Leggi tutto...

Poster e foto dai cine-comics (e telefilm) in uscita

  • Pubblicato in Screen

Nelle precedenti ore sono usciti un po' di poster e foto legate al mondo dei cine-comics e dei serial tv. Ve li proponiamo qui di seguito:

Nuovo poster per X-Men: Apocalypse, il film in uscita il 27 maggio 2016.

8597c6f8d30a096991f53d0e8081feadc1f43ded

Il poster dell'episodio crossover fra Supergirl e The Flash in onda il 28 marzo negli States.

supergirl-the-flash-crossover-poster

Nuova foto dal film e due immagini dietro le quinte di Batman V Superman: Dawn of Justice in uscita il prossimo 23 marzo.

12747723 178099502569945 1572198020 n

24623891953 96d25dbe6a z

25224423576 f476fa91cf z

Il nuovo poster di Suicide Squad (in uscita il 18 agosto) e i poster art "tatoo" dei singoli personaggi.

squad-poster-1f47c

#SuicideSquad #Joker #HarleysTattooParlor

Una foto pubblicata da Suicide Squad (@suicidesquadmovie) in data:

#SuicideSquad #Deadshot #HarleysTattooParlor

Una foto pubblicata da Suicide Squad (@suicidesquadmovie) in data:

Hey Puddin's, leaving our mark on #SXSW come and get it! #SuicideSquad #HarleysTattooParlour

Una foto pubblicata da @margotrobbie in data:

The #SuicideSquad is coming to #SXSW let's see who's bad enough to get inked #HarleysTatooParlor #Enchantress #Junemoon

Una foto pubblicata da Cara Delevingne (@caradelevingne) in data:

If you're rolling thru #SXSW stop by #HarleysTattooParlour and get inked. Fuckin dare ya... #SuicideSquad @suicidesquadmovie

Una foto pubblicata da Jai Courtney (@jaicourtney) in data:

The #SuicideSquad is ready to leave its mark on #SXSW. #HarleysTattooParlor @suicidesquadmovie

Una foto pubblicata da adam beach (@adamrbeach) in data:

The #SuicideSquad is ready to leave its mark on #SXSW. #HarleysTattooParlor @suicidesquadmovie

Una foto pubblicata da Karen Fukuhara (@karenfukuhara) in data:

#SuicideSquad #rickflag #harleystattooparlour

Una foto pubblicata da Joel Kinnaman (@joelkinnaman) in data:

The #SuicideSquad is ready to leave its mark on #SXSW. #HarleysTattooParlor @suicidesquadmovie #AAA #KillerCroc

Una foto pubblicata da Adewale Akinnuoye Agbaje (@therealadewale) in data:

In conclusione, il regista James Gunn ha postato una foto del cast di Guardiani della Galassia Vol. 2 in uscita il 5 maggio 2017.

12803319 10153203602816157 3243106116393823865 n

Leggi tutto...

DCEU: altri dettagli su BVS e JL, niente Green Lantern fino a Justice League 2?

  • Pubblicato in Screen

Ieri vi abbiamo dato numerose nuove informazioni relativamente al DC Extended Universe, concentrandoci in particolare su Batman V Superman, il primo film ad aprire la strada a questo universo. Vi abbiamo già comunicato che nel film vedremo oltre a Batman, Superman e Wonder Woman, anche Aquaman e Flash e Cyborg, anche se solo in brevi cameo. Tuttavia nessuno ha mai parlato ufficialmente di Hal Jordan, ossia di Lanterna Verde. Si sa solo che il 19 giugno 2020 uscirà nelle sale Green Lantern Corps, un film interamente dedicato al personaggio.

Ma ora apprendiamo dal produttore Charles Roven, via EW, che forse non vedremo il personaggio in nessuno degli altri film precedenti al 2020, neanche in Justice League 2.

“Non è ancora stato deciso tutto per quel film, quindi c'è ancora la possibilità che il personaggio possa comparire in Justice League 2. Per ora, siamo convinti di aver introdotto già abbastanza personaggi e che per Green Lantern fosse meglio una introduzione in JL 2, ma se escludiamo questa possibilità, allora si va per forza al film successivo".

“[Green Lantern] è un personaggio incredibile", ha dichiarato Greg Silverman di Warner Bros.. "In realtà è molti personaggi incredibili tutti insieme. È una grande opportunità. Non abbiamo fatto un gran lavoro con il primo film. Questo personaggio merita di essere trattato come un Batman o un Superman o Wonder Woman, ossia con grande riverenza. Posso dire questo ai fan di Green Lantern: se avrete pazienza, sarete ricompensati".

Riguardo più in generale al DCEU, da EW si apprende che Suicide Squad sarà ambientato dopo gli eventi di Batman v Superman e che il film Wonder Woman, globalmente ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, avrà anche scene ambientata nel presente sia all'inizio che al termine della pellicola.

Parlando di BvS e del ruolo di Jena Malone, che come vi abbiamo già detto non sarà quello di Barbara Gordon, apprendiamo che non sarà proprio presente nel film, almeno non nella versione cinematografica, mentre potremo vederlo nella versione R-Rated in Home Video.

Parlando del cameo di Flash, ecco quanto rivelato dalla rivista. SPOILER
Il Flash di Ezra Miller consegnerà un messaggio a Batman, ma non sarà chiaro se si tratterà solo di un sogno di Bruce oppure di un viaggio nel tempo di Barry che torna nel passato per avvertire l'eroe. Zack Snyder ha confermato che si tratta di un easter egg che piacerà molto ai fan:

“Abbiamo da un lato una narrazione molto diretta, ma volevo lasciare questo aspetto del film complicato e bizzarro volontariamente".

Interpretato da Henry Cavill, Ben Affleck, Jesse Eisenberg, Jeremy Irons, Amy Adams, Laurence Fishburne, Diane Lane, Gal Gadot, Scott McNairy, Holly Hunter, Callan Mulvey, Tao Okamoto, Ray Fisher, Jena Malone e Jason Momoa, Batman v Superman: Dawn of Justice è sceneggiato da Chris Terrio, su una soggetto di David S. Goyer, e diretto da Zack Snyder.
Il film uscirà nei cinema il 23 marzo 2016.

Justice League: Part One sarà diretto da Zack Snyder ed è previsto per il 17 novembre 2017. Nel film ritroveremo Henry Cavill (Superman), Ben Affleck (Batman), Gal Gadot (Wonder Woman), Ezra Miller (The Flash), Jason Momoa (Aquaman) e Ray Fisher (Cyborg). Successivamente uscirà. Il 14 giugno 2019, Justice League Part Two.

(Via SHH)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.