Menu

 

 

Speed Rece #21: le nostre letture in breve

  • Pubblicato in Focus

1522836460355.jpg--il dedalo e lo specchio   4hoods 3 cover
4Hoods 3 – Il dedalo e lo specchio (Sergio Bonelli Editore)

di Federico Rossi Endrighi, Riccardo Torti ed Elisabetta Melaranci
Il fantasy per ragazzi creato da Roberto Recchioni prosegue il suo cammino rispettando le giuste aspettative. Come con Dragonero Adventure, anche 4Hoods ha un arduo compito portato felicemente a compimento: essere un ponte plurigenerazionale. Se la prima serie vuole accomunare lettori di fasce d’età differenti, con finalità plurinarrative, la seconda li vuole fondere: leggere 4Hoods è tornare bambini, immaginare stupefatti che oltre la vignetta esista un mondo fantasmagorico da scoprire, è l’avventura da serie animata d’altri tempi. Che tu sia un bambino o meno, il piacere della scanzonata lettura è assicurato. Con questo terzo numero, Sergio Rossi Endrighi ai testi e Riccardo Torti ai disegni della prima storia, imbastiscono un racconto che richiama i giochi di ruolo e che diverte nella sua citazionistica evoluzione narrativa. Endrighi, accompagnandosi ai disegni con Elisabetta Melaranci, nel secondo racconto (con protagonisti due dei 4Hoods) esplora una parte del mondo fantastico, ancora mai mostrata, le profondità degli abissi, e lo fa con la consueta spensieratezza. Coerente con i numeri precedenti e con il tono della serie, anche questo albo è leggibile e godibile a prescindere dall’età anagrafica, basta essere piccoli avventurieri nel proprio animo.
Voto: 7.5
Leonardo Cantone

101159075-aa152b27-2e3b-4867-8d02-d06eaed97830
Deadpool Serie Platino - Deadpool uccide l’Universo Marvel ancora (Panini Comics)

di Cullen Bunn e Dalibor Talajic
Deadpool uccide l’Universo Marvel è uno straordinario capolavoro di metanarratività, citazionismo esasperato e grottesco non sense. Gli altri capitoli dell’"Uccidologia" (Deadpool uccide i Classici su tutti e Deadpool uccide Deadpool) mantengono alta l’asticella del divertimento surreale e della matrioska metafumettistica. Non stupisce, da parte degli autori del primo capitolo, Cullen Bunn e Dalibor Talajic, la volontà di voler esplorare le possibilità genocide di Deadpool. Stavolta, il Mercenario Chiacchierone è stato condizionato mentalmente e ipnotizzato: fa una strage di supereroi senza saperlo. Nei momenti di follia omicida, Deadpool, entra in mondi onirici dal sapore fumettistico: più che un seguito narrativo, il graphic novel è un seguito ideale. Il volume, difatti, prende il motivo dominante del primo e ne indaga una variante. Il gioco metanarraitvo, infatti, risiede nelle allucinazioni fumettistiche di Deadpool, che acquisiscono grafica diversa – da manga, da linea chiara francese, da comics per bambini – a seconda delle diverse situazioni. Nonostante la squadra non sia cambiata e il testo come il disegno siano di grande solidità, complice (forse) l’aspettativa, il fumetto non decolla mai del tutto e non riesce ad attestarsi ai livelli qualitativi della “trilogia originale”.
Voto: 6,5
Leonardo Cantone

1522768817641.jpg--la palude misteriosa   dragonero adventures 07 cover
Dragonero Adventures 7 – La Palude Misteriosa (Sergio Bonelli Editore)

di Stefano Vietti, Federico Vicentini, Francesca Aureli
La volontà di creare un mondo narrativo ampio e saldamente strutturato, con le varie opere legate alla testata principale di Dragonero, è sempre più evidente. Con questo numero delle avventure giovanili di Ian, Stefano Vietti, affidandosi ai caratterizzanti disegni di Federico Vicentini, semina personaggi che i lettori più fedeli già hanno incontrato e che sanno essere importanti per lo sviluppo narrativo di Ian e Gmor, utilizzando come pretesto un agguato degli Uomini Lucertola. Medesima volontà narrativa è presente nel secondo racconto del volume, scritto sempre da Vietti e disegnato da Francesca Aureli che non disdegna spregiudicate prospettive per mostrare una breve avventura nella torre segreta della madre di Ian, naturalista imperiale. Interessante, dunque, diventa la possibilità di esplorare (specialmente in funzione della serie principale) il passato di alcuni personaggi secondari che si sono rivelati fondamentali per la vita avventura di Ian e soci.
Voto: 7
Leonardo Cantone

il-corvo-memento-mori-2
Il Corvo – Memento mori n°2 (Edizioni BD)

di Roberto Recchioni, Werther Dell’Edera e Davide Furnò
Secondo dei quattro albi previsti per questo nuovo corso de Il Corvo. Le vicende di David, nella corsa alla sua vendetta, prendono fiato. Lo spillato si concentra sul protagonista e sul suo passato, fino all’atroce morte per mano di un kamikaze. Roberto Recchioni ripercorre la storia di Amadio e ogni episodio è un tassello della gioventù del ragazzo precocemente ucciso. Si intravedono alcuni indizi importanti del suo avvicinamento alla chiesa, al suo amore per Sarah e al suo mentore, padre Raphael, il tutto strutturato mentre ricompone i suoi pezzi (letteralmente parlando). Werther Dell’Edera sfodera un’altra grande prova di stile, accompagnato sempre dai colori di Giovanna Niro.
La short story di questo volume è di Davide Furnò che si concentra sulla vendetta secondo due punti di vista opposti: il carnefice e la vittima. Accompagnato dall’onnipresente corvo che recita la celebre ed omonima poesia di Edgar Allan Poe e che ripete in maniera ossessiva “Mai più”, portando alla follia l’uomo.
Voto: 7
Emanuele Amato

MPUCO004ISBN 0
Punisher Collection – Diario di guerra: Occhio per occhio (Panini Comics)

di Carl Potts e Jim Lee.
A distanza di quasi 30 anni dalla loro prima apparizione nel nostro paese, tornano le storie di Punisher War Journal firmate da Carl Potts e da Jim Lee, ristampate da Panini Comics all’interno della collana antologica dedicata alle avventure di Frank Castle. All’epoca della loro pubblicazione ne Il Punitore delle Edizioni Star Comics, queste storie vennero adattate al formato ridotto e in bianco e nero, di stampo “bonelliano”, con cui l’editore perugino aveva lanciato la rivista dedicata al vigilante. La resa finale fu ovviamente distante anni luce dall’originale americano, e ad essere penalizzate furono soprattutto le tavole degli artisti coinvolti, tra cui un giovane e promettente Lee. Il volume proposto da Panini cancella lo scempio perpetrato dalla Star in quella prima e ormai lontana edizione, proponendo per la prima volta in Italia il Punitore di Potts e Lee nel formato originale.
A fare la parte del leone è soprattutto il lavoro del futuro disegnatore di X-Men: dalle sue tavole, che già stupiscono per composizione e dinamismo, è possibile scorgere lo stile muscolare che lo trasformerà nel giro di pochi anni in uno degli artisti più amati del settore. Non ha superato invece la prova del tempo la prosa di Carl Potts, verbosa e prolissa, capace di appesantire oltremodo la narrazione. Scarso anche l’approfondimento psicologico del protagonista, che sembra uscito da uno dei tanti action movie in voga in quegli anni. Per versioni più centrate del personaggio bisognerà aspettare l’arrivo di sceneggiatori più dotati come Chuck Dixon e, in anni più recenti, Garth Ennis.
Serie invecchiata malissimo, rileggere oggi Punisher War Journal di Potts& Lee ha senso solo nel caso in cui si voglia assistere ai primi passi di un giovane ma già dotatissimo artista.
Voto: 6,5
Luca Tomassini

MSTWC018ISBN 0
Star Wars Collection: Star Wars Han Solo (Panini Comics)

di Marjorie Liu e Mark Brooks
L'uscita al cinema del film Solo: A Star Wars Story, diretto da Ron Howard con Alden Ehrenreich nel ruolo del protagonista, non poteva certo lasciare indifferenti la Marvel e la Panini Comics che propongono una mini di 5 albi dedicata al celebre contrabbandiere.
Marjorie Liu e Mark Brooks ci propongono un Solo ancora distante col cuore dalla Ribellione, ma che non riesce a dire no alla chiamata dell'amata Leia. A lui è stato dunque affidata una missione top-secret: recuperare degli informatori della ribellione, vittime di una spia assassina, partecipando alla gara più pericolosa della galassia: il Vuoto del Dragone. Una trama lineare per un fumetto che fa dell'azione il suo punto di forza.
Mark Brooks offre una prova stellare con tavole rese spettacolari anche grazie al grande lavoro di Sonia Oback e Matt Milla ai colori. L'artista è uno dei migliori a rendere naturali le espressioni dei personaggi che devono sottostare alla controporte in carne e ossa.
Una lettura, dunque, veloce e divertente, oltre che piena d'azione, consigliata a chi è uscito dal cinema e vuole vive nuove avventure con Solo.
Voto: 7
Gennaro Costanzo 

Leggi tutto...

Fanzaghirò: l'operazione nostalgia per l'amata eroina anni '90, intervista all'ideatore Giopota

Vi abbiamo già parlato di Fanzaghirò, la fanzine curata e ideata da Giopota e Thomas Govoni, dedicata all'iconica serie TV anni '90 Fantaghirò. Il progetto, attualmente in crowdfunding su Indiegogo, ha già raggiunto il 90% del budget complessivo prefissato in meno di una settimana. Abbiamo quindi fatto quattro chiacchiere con l'ideatore principale di questa iniziativa, per comprenderne meglio il significato, l'obiettivo e la struttura del prodotto.

Potete contribuire al progetto acquistando uno dei perk disponibili sulla pagina ufficiale della campagna di crowdfunding a questo indirizzo. Nell'articolo, abbiamo riportato alcune illustrazioni diffuse in rete e relative all'opera; sono state realizzate, in ordine di apparizione, da Noemi Gambini, Freddie Tanto e Fabio Mancini.

Bentornato su Comicus!
Partiamo subito con una domanda secca: cosa ti ha spinto ad organizzare una fanzine su Fantaghirò? Ha per caso a che vedere con l’entrata del brand nel catalogo Netflix?

Sì, esatto, ha a che vedere con Netflix e con il mio pessimo senso dell'umorismo. Ci sono stati quei due giorni dove non si parlava d'altro che di Fantaghirò in streaming legale e scrissi per ridere uno status su Facebook dove proponevo di farne una fanzine perché l’idea del nome era buffa. E la gente mi ha preso sul serio, tantissima gente. Magari qualcuno stava solo al gioco ma l’entusiasmo era talmente alto che mi sono detto che quasi quasi l’avrei fatta davvero. Ho chiesto a Thomas Govoni di Renape se voleva aiutarmi a realizzarla ed eccoci qua.

fanzaghirogambini

Questa vostra produzione artistica si rifarà prevalentemente allo sceneggiato televisivo o recupererà anche elementi più originali legati alla fiaba di Calvino o alla novella di Nerucci?

Assolutamente alla serie TV. Non perché si voglia ignorare le fonti originali della fiaba, ma è un'operazione nostalgia che punta a rendere omaggio a un'estetica molto forte come quella del telefilm.

Come sarà strutturata quest’opera? Quali saranno gli elementi principali, il filo conduttore e la tipologia di lavori contenuti?

Per lo più saranno illustrazioni singole ma ci saranno anche molti fumetti di due pagine ciascuno. Non abbiamo dato altra indicazione agli autori che non fosse il tema della fanzine e sono arrivate risposte molto variegate. Alcuni parlano della loro esperienza con la serie, altri hanno ripensato e riproposto scene culto, altri ancora ridisegnano i loro personaggi preferiti. Ad ogni modo sarà sicuramente una raccolta di opere femministe, dove i ruoli di genere saranno costantemente ribaltati. Sono davvero contento del risultato.
Potete contribuire al progetto acquistando uno dei perk disponibili sulla .

fanzaghirofreddie

Come sono stati scelti gli artisti che hanno partecipato a questo lavoro?

Abbiamo scelto prima di tutto quelli che hanno risposto al mio post di cui sopra. Perché erano entusiasti dell’idea e sono anche disegnatori molto bravi, che stimo. Poi abbiamo chiesto un po' in giro e devo dire che ci siamo ritrovati con 40+ autori senza neanche accorgercene. Molti altri autori, dopo che la pagina Facebook del progetto è andata online, ci hanno chiesto di partecipare, ma sfortunatamente eravamo già pieni.

Quali sono i punti di forza, secondo te, di questa storia che a distanza di quasi 30 anni rimane comunque nella memoria di chi ha vissuto gli anni ‘90? Perché definire rivoluzionaria la sua figura?

Questo è solo un mio parere, ma trovo che Fantaghirò sia un’opera coraggiosa, sia per i tempi in cui uscì, sia per i giorni nostri. Al di là della cura che è stata dedicata al design, alle scenografie, ai costumi, al trucco e agli effetti speciali, rimane il racconto di una fiaba che infrange gli stereotipi di genere in un periodo dove c’erano Colpo grosso e Non è la rai.
Ad oggi, in Italia, non mi risulta che un’operazione del genere sia mai stata replicata o riproposta, anche in generi diversi che non fossero fantasy. Fantaghirò, per noi cresciuti negli anni 90 è la prima vera eroina. È stata Xena prima di Xena e Sailor Moon prima di Sailor Moon. È stata la capostipite, ed era italiana.

fanzaghiromancini

Quest’opera è a fine benefico, dato che i ricavati, esclusi i costi di produzione, saranno devoluti alla Casa delle donne di Bologna. Come è stata scelta l’associazione a cui donare i proventi?

Abbiamo scelto la Casa delle Donne perché ci sembrava fedele all’ideologia dell’opera restare nell'ambito femminile. Abbiamo conosciuto di persona le ragazze che gestiscono l'associazione e si sono dimostrate entusiaste. Sono felicissimo di poter contribuire anche in minima parte al loro operato, perché è enorme e nobile, come quello di un'eroina fantastica.

A chi consiglieresti questa antologia?

A tutti quei nostalgici a cui piace ripensare alla propria infanzia, all'era pre internet. A chi piacciono i bei disegni, i bei fumetti e begli oggetti. A chi è contrario al machismo e a favore della parità dei sessi.

Vi aspettavate di raggiungere il 90% dell’intero goal nel giro di tre giorni? Come interpretate questo fenomeno?

Assolutamente no! Io pensavo che il goal di 2000 euro fosse troppo alto e che non l’avremmo mai raggiunto. Ma è per le cose come queste che c’è il caro Thomas, di cui mi fido ciecamente.
Direi che semplicemente c'è in giro molta più gente nostalgica come me, come noi autori della fanzine, di quella che pensavo.

Ringraziamo quindi Giopota per le risposte e vi invitiamo a contribuire a questo bel progetto di beneficenza, che vi permetterà di mettere le mani su di un prodotto di ottima fattura e carico di nostalgia. Potete continuare a seguire lo sviluppo di questo libro sulla pagina Facebook ufficiale.

Leggi tutto...

Il piano dell'opera completo di Deadpool Serie Platino con Corriere dello Sport e Tuttosport

  • Pubblicato in News

Come vi avevamo riportato, Corriere dello Soort Stadio e Tuttosport proporranno da domani, 15 maggio, una nuova iniziativa dedicata al Mercenario Chiacchierone: Deadpool Serie Planito. La collana sarà composta da 12 volumi al prezzo di 8,99€ più il costo del quotidiano. È disponibile, ora, il piano completo dell'opera che vi proponiamo qui di seguito:

01 - Deadpool uccide l'universo Marvel ancora
02 - Deadpool & Cable: Frazione di secondo
03 - Deadpool la sfida di Dracula 1
04 - Deadpool la sfida di Dracula 2
05 - Deadpool contro Carnage
06 - Deadpool contro X-Force
07 - Le guerre segrete di Deapool
08 - Deadpool contro Thanos
09 - Deadpool contro Gambit
10 - Deadpool Back in Black
11 - Deadpool il papero
12 - Deadpool contro Punisher

Leggi tutto...

Il poster di Lucca Comics & Games 2018 realizzato da LRNZ, Leiji Matsumoto ospite della manifestazione

  • Pubblicato in News

È stato presentato il nuovo manifesto di Lucca Comics & Games, che si terrà dal 31 ottobre al 4 novembre. L'opera, presentata con un breve filmato, è realizzata da LRNZ e sarà, grazie a un apposito software, assolutamente personalizzabile e unico per ogni persona.

È stato, inoltre, annunciato a Torino che l'artista Leiji Matsumoto sarà ospite della manifestazione.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.