Menu

 

 

AVE - Nice to meet you: l'incontro narrato per sole immagini, intervista a Laura Vivacqua

La nuova antologia di Attaccapanni Press AVE - Nice to meet you, di cui vi abbiamo parlato in queste settimane, ha superato il main goal del crowdfunding realizzato su Indiegogo. Il risultato è stato raggiunto ieri, a 3 giorni dal termine inizialmente prefissato per la raccolta fondi. Questo significa che ora il volume verrà realizzato come da progetto e potrà essere acquistato direttamente tramite perk in crowdfunding a questo indirizzo, o cliccando sui banner a lato nel nostro sito, con la certezza di poterlo leggere.

Per invogliarvi ancora di più a sostenere AVE, continuiamo ad approfondire con gli autori e artisti partecipanti a questa iniziativa le storie da loro realizzate per il progetto. Dopo avervi mostrato la bravura artistica di Noemi De Maio e aver fatto quattro chiacchiere con Ste Tirasso e Rachele Aragno, oggi abbiamo contattato Laura Vivacqua, membro attivo della Attaccapanni Press nel ruolo di Social Media Manager e supervisor. Abbiamo quindi chiesto all'autrice come si è approcciata al tema dell'incontro, fil ruoge dell'intera antologia, e come abbia strutturato la storia "Bubbled" dal punto di vista artistico, creando un racconto a fumetti privo di parole. Di seguito trovate l'intervista completa con alcuni studi realizzati dall'artista.

Vivacqua2

Per Attaccapanni, oltre a svolgere un ruolo attivo per l'etichetta editoriale, hai partecipato anche alla prima antologia, Grimorio. Come è nata invece la tua partecipazione a questa nuova antologia?

Quando è uscito Grimorio Attaccapanni Press non esisteva ancora, ma dopo aver aiutato Laura (Guglielmo) e Ariel (Vittori) in stand allo scorso Lucca Comics, sono entrata a far parte come cofondatrice dell'etichetta ideata da loro due, che oggi formano con me il terribile cerbero della gestione del progetto. Per quanto riguarda AVE, quando Laura ha partorito il tema l'ho sentito immediatamente nelle mie corde. La storia mi è spuntata in testa come un fungo dopo la pioggia, l'ho subito proposta, ed è stata accolta con favore con mia grandissima gioia.

Vivacqua4Puoi parlarci più nel dettaglio della tua storia, di cui si sa ancora poco?

La mia storia per AVE è forse la meno 'fantasy' del gruppo, in quanto ha luogo nel nostro mondo, nella nostra epoca, e parla di qualcosa che probabilmente chiunque leggerà l'antologia potrà dire di aver vissuto nella propria esistenza. Ho voluto parlare di due persone, che si incontrano in una veste diversa rispetto a quella che indossavano nel passato e che li ha visti legati per lungo tempo. Senza dialoghi né didascalie, spero di essere riuscita a rendere l'idea di cosa significhi incontrare un passato per cui si prova malinconia, forse qualche rimorso, aiutandomi con i colori che rendono i piani temporali del presente e dei flashback con cui i due protagonisti ripercorrono i loro trascorsi insieme. Spero che possa immedesimarvisi chiunque, senza necessariamente aver sperimentato un cuore infranto nella propria vita. P.s. L'ultima tavola è una citazione di una scena di La La Land, il film di Damien Chazelle, che ho voluto inserire proprio perché parla di una delle possibili evoluzioni di una storia d'amore: non necessariamente quella che sogniamo, ma non per questo la meno giusta e salutare.

Vivacqua1

Come ti sei approcciata al tema dell'incontro, che caratterizza questa raccolta antologia? Quale declinazione di questa tematica hai deciso di affrontare e cosa hai scelto di comunicare?

Per me l'incontro è sempre un confronto, in quanto neanche considero come incontri quelli che non mi hanno dato, o a cui sento di non aver dato nulla. L'incontro è uno specchio o una guerra, uno stimolo ad affrontare sé stessi per come si è, o l'altro per come lo si interpreta: nella mia storia ho voluto rappresentare un confronto molteplice, ovvero, con il percorso come singoli dei due personaggi da quando si sono allontanati, e con i conti, fatti o non fatti, rispetto al legame che li univa.

Dalle pagine che mostriamo nella gallery in fondo all'articolo si può notare come lo stile che hai adottato per la storia di Ave si discosti notevolmente da quanto visto per esempio sulle pagine di Grimorio. Siamo passati dall'acquerello tenue ad una più decisa bicromia marcata con maggiore stilizzazione delle forme, avvicinandosi ad uno stile alla Michael Cho su Shoplifter. Cosa ti ha portato verso questa evoluzione stilistica? La storia è stata pensata proprio con l'idea di metterla su carta con questo stile? Hai studiato qualche artista in particolare?

Io sono senz'altro la più esordiente del gruppo, anche perché mi sono diplomata alla Scuola di Comics solo due anni fa, un po' 'in ritardo', dopo aver portato a termine un altro percorso di studi completamente diverso. Il mio stile non esiste ancora, direi, in quanto è in continua evoluzione, e sì, per AVE ho voluto sperimentare e accostarmi di più al mezzo digitale, che mi è ostico e per cui, sinceramente, provo un'antipatia enorme che non esito a palesare... Sono innamorata del pennello e dell'inchiostro, difatti, le basi della mia storia di AVE sono realizzate in questo modo, ma ho voluto buttarmi, approfittando di quest'antologia, per familiarizzare con Photoshop e i suoi arcani. Probabilmente non mi vedrete mai più fare qualcosa di simile! Senz'altro per la resa dei colori ho guardato a Michael Cho, anche se ne sono lontana anni luce perché lui è un po' il mio Buddha dell'illustrazione e io sono solo una polpetta di riso a confronto, mentre per il character dei personaggi e in generale il disegno analogico, i miei punti fermi a cui guardo sempre sono Carolyn Nowak, Yana Bogatch, Becky Cloonan, Mingjue Helen Chen e Mariko Tamaki – insomma, un calderone variegatissimo da cui spero di riuscire a trarre una sintesi che mi soddisfi!

Vivacqua3

Leggi tutto...

AVE: intervista a Rachele Aragno, tavole e studi in esclusiva di Melvina

Dopo aver fatto quattro chiacchiere con Ste Tirasso a proposito di Poaqui, la sua nuova storia a fumetti realizzata per Ave - Nice to meet you, l'ultima antologia di Attaccapanni Press attualmente in crowdfunding su Indiegogo, abbiamo deciso di parlarvi di un'altra storia contenuta in questa raccolta. Abbiamo quindi contattato Rachele Aragno, autrice di Melvina, per saperne di più su questo particolare racconto. Di seguito trovate quindi una breve intervista all'artista, oltre ad alcuni studi e sketch preparatori, mentre nella gallery in basso vi mostriamo due tavole della storia.

Una domanda di rito, per iniziare: come sei entrata a far parte di questo progetto?

Allora, ero rimasta folgorata da Grimorio, che è uscito l’anno scorso per Attaccapanni press. Ho amato le storie e gli autori che erano tutti di un livello altissimo, e non solo. Il libro era professionale e ben fatto. Così mandai i miei complimenti a Laura Guglielmo e le dissi che se avessero fatto di nuovo un prodotto così ben fatto avrei mandato la mia candidatura. Laura, che è dolcissima e bravissima, come del resto Ariel Vittori e Laura Vivacqua, mi disse che stavano facendo un po' di scouting e mi chiesero di mandare un pitch della mia storia. Così ho fatto, loro l’hanno amata e siamo partite insieme per questo viaggio fantastico!

studio aragno 1

Puoi parlarci più nel dettaglio di Melvina, la storia che hai realizzato per Ave - Nice to meet you?

Melvina è una bambina molto curiosa ed intelligente. Un giorno, spinta dalla voglia di conoscere, insegue un gatto che si affaccia alla sua finestra. Nella casa vicina conosce Otto, un tassidermista. Tra i due nasce subito una bella intesa che presto si tramuterà in amicizia e che li condurrà verso nuove avventure. Melvina imparerà che ci sono cose dentro noi stessi potenti come la magia e che ci serve un amico per capirci e sostenerci.

studio aragno 2

Il tema principale dell’intera antologia è quello dell’incontro. Come hai declinato questa tematica? Hai preso spunto da qualcosa in particolare? Cosa ti ha permesso di comunicare questa storia?

Credo che il tema dell’incontro sia eccezionale: è così vasto che si può veramente parlare di tutto. Ogni giorno incontriamo qualcuno o qualcosa che cambia le nostre scelte, nel bene e nel male. Io ho deciso di sfruttare l’incontro come un momento felice e di scoperta. La bambina che incontra un anziano e che riesce a costruire con lui un dialogo e il potere che scopre dentro la sua anima ancora immatura, sono le metafore della crescita e della fortuna di avere vicino una persona amata a sostenerci. Un nonno, una nonna o un amico possono, quando sei ancora piccolo, aiutarti a capire chi sei e far si che da un seme nasca una splendida Orchidea.

studio aragno 3

Osservando il tuo stile attuale, lo stesso adottato per la storia di Ave, si nota un netto contrasto rispetto ai tuoi lavori precedenti, prevalentemente a livello di atmosfere e palette cromatica: si passa da un nero gotico e vittoriano ad un poetico acquerello delicato, sebbene rimanga chiara l'evoluzione stilistica nelle forme e nel tratto. Cosa ti ha portato a questo cambiamento artistico?

Amo ancora molto il gotico ed il Vittoriano, ma con il tempo ho scoperto di avere anche un lato meno ruvido. Mi piace raccontare, anche solo con una illustrazione, una piccola storia, far vivere dei personaggi per un breve istante. E proprio per narrare queste avventure, mi sono ritrovata ad usare uno stile più semplice e diretto che cogliesse più lo stato d’animo del personaggio che la leziosità del virtuosismo della mia mano. I colori tenui e i visi dai tratti minimal mi hanno permesso di raccontare cose che nemmeno sapevo di avere dentro. Quindi in un certo senso il viaggio di Melvina è stato anche il mio.

studio aragno 4

Nel video qui sotto invece potete assistere al delicato e affascinante processo di colorazione ad acquerello di una tavola dell'opera.

Ringraziamo Rachele per la disponibilità e ricordiamo che è ancora possibile supportare il progetto direttamente recandovi alla pagina Indiegogo a questo indirizzo o tramite i banner sul nostro sito, acquistando uno dei perk disponibili.

Leggi tutto...

AVE - Nice to meet you: anteprima esclusiva di Poaqui e intervista a Ste Tirasso

Con il crowdfunding di Ave - Nice to meet you giunto al giro di boa, ci addentriamo all'interno di questa nuova antologia realizzata da Attaccapanni Press per parlarvi di una delle 10 storie raccolte nel volume, Poaqui, scritta e disegnata da Ste Tirasso (Ricomincia da qui, Bao Publishing), che abbiamo contattato direttamente per porgli qualche veloce domanda a riguardo.
Trovate l'intervista qui di seguito, inframezzata da qualche sketch e studio preparatorio che l'artista ci ha gentilmente fornito - cliccateci sopra per ingrandire le immagini -, mentre nella gallery in basso potete godervi le prime 5 pagine in anteprima esclusiva della storia.
Vi ricordiamo che potete sostenere il crowdfunding a questo indirizzo acquistando il perk che preferite.

Cominciamo dall’inizio: come è nata la tua partecipazione a questo progetto?

Ho incontrato le ragazze di Attaccapanni Press allo scorso Lucca Comics, ma già nei precedenti mesi ero stato stregato da Grimorio, il loro primo volume antologico di cui sono stato un appassionato sostenitore e raiser. Alla fiera toscana abbiamo avuto modo di conoscerci meglio e di complimentarci a vicenda per i nostri lavori (con reciproci rossori di guance) e, qualche settimana dopo, mi è arrivata la proposta di fare parte del loro nuovo progetto Ave. Non ho potuto fare altro che accettare con entusiasmo!

Tirasso studio1

Ave – Nice to meet you affronta il tema dell’incontro declinato secondo differenti approcci, secondo più sfaccettature. Parlaci un po’ della tua storia, di cui mostriamo le prime pagine in anteprima in questo articolo.

La storia che ho scritto si chiama Poaqui, una parola azteca che significa “colui che si immerge”: il racconto è infatti ambientato in un antico villaggio dove immergersi nella Grande Acqua è il solo modo per diventare adulti. Anche il protagonista dovrà sottoporsi a questo rito, ma lo farà in modo diverso dai suoi compagni, trovando quello che gli abissi celano realmente.
È stata una bella sfida, ma anche l’occasione per lavorare con delle tematiche e delle ambientazioni che ho sempre desiderato sviluppare!

Tirasso studio2

Che cosa ha significato per te parlare di questo tema? Come lo hai affrontato e cosa ti ha permesso di comunicare?

Il tema era così ampio che ci sarebbero state mille sfumature da cui partire. Ho scelto di raccontare un incontro fortuito e assolutamente non ricercato dai protagonisti, ma che in seguito si rivelerà essere necessario per il loro percorso. Che poi è il tipo di incontro che preferisco.
Dal punto di vista grafico ho voluto provare a non inchiostrare le tavole, tenendo un tratto a matita in seguito colorato in digitale, per trasmettere più calore e dare la sensazione di leggere una storia appartenente al passato. Mi auguro che il risultato sia fedele alle intenzioni.

Tirasso studio3

La morbidezza del tuo stile è davvero peculiare e identifica univocamente i tuoi lavori. Quali sono le influenze principali che ti hanno ispirato e formato nel corso dei tuoi studi?

Il mio modo di disegnare rispecchia in gran parte i fumetti che amo e che sfoglio quotidianamente. Credo di avere più di qualche debito nei confronti di autori come Cyril Pedrosa, Fabio Moon o Stefano Turconi, ma anche verso un certo tipo di animazione statunitense (Adventure Time e Over the Garden Wall su tutti).
Molte letture non si sono riflesse solo sul segno grafico, ma anche sul modo di sviluppare la tavola: soluzioni come quella di pag. 2 ad esempio, dove alcune vignette mute si sovrappongono all’azione della vignetta centrale, sono state inconsciamente assimilate da letture come PK che mi accompagnano fino dall’infanzia. Ma è solo un esempio: molte altre scelte di regia e di tempi narrativi sono mutuate dalle tonnellate di film di animazione e fumetti che amo, il più delle volte senza nemmeno rendermene conto. Credo sia così per chiunque ami questo mezzo di comunicazione e che, prima di essere autore, ne sia un vorace fruitore.

Ringraziamo Ste Tirasso per la disponibilità e vi lasciamo alla gallery con la prima metà della sua storia.

Leggi tutto...

IllustrART: la raffinata grazia compositiva di Noemi de Maio

  • Pubblicato in Focus

In questa nuova puntata della nostra rubrica IllustrART ci occuperemo di una giovane artista italiana, Noemi De Maio, che sebbene sia solo all'inizio della sua carriera artistica, ha già dimostrato più volte di essere un'eccelsa illustratrice, nonché una fumettista a dir poco interessante. Lasciamo quindi la presentazione dell'autrice alle sue stesse parole, utilizzando la bio da lei scritta per l'antologia di Attaccapanni Press Ave - Nice to meet you, di cui vi abbiamo parlato qui, attualmente in crowdfunding su Indiegogo.

"Noemi nasce da uno strano fiore nel 1993 e vive sul suo albero di ciliegie fino alla maggiore età. Coltivatrice di pesche e di sogni si scopre precocemente appassionata d'arte e decide così di abbracciare a pieno la carriera artistica prima studiando incisione a Napoli e poi illustrazione a Bologna. Fin da subito però le balena chiaro un altro pensiero per la testa: esistono storie speciali, sensazioni intense, intrighi di mondi lontani che devono essere raccontati e commemorati, ed è allora che si mette in gioco e inizia a disegnare fumetti".

Noemi1

Di Noemi già vi avevamo parlato nella recensione di Grimorio, celebrando il suo stile e il suo talento, che torniamo ad analizzare in questa occasione, concentrandoci maggiormente sulle sue illustrazioni.
Quello che emerge chiaro sin da un primo sguardo alla sua abbondante produzione è l'eleganza artistica che infonde in ognuna delle sue opere, e che si concentra per lo più in due aspetti prevalenti: l'eclettico gusto compositivo e la padronanza della palette cromatica, nonché delle atmosfere e dei giochi di luce proposti nei suoi lavori, come potete ben vedere anche solo nell'immagine qui di seguito o in quella sovrastante.

Noemi2

Le composizioni rinunciano al dinamismo per una ritrovata quiete che emerge dalla armonica fluidità delle forme, mescolando sapientemente un gusto retrò raffinatissimo con soluzioni moderne e di design, creando diorami pittorici essenziali eppure così espressivi ed espressionistici. L'illuminazione ambientale, così come le atmosfere create, donano una vitalità intrinseca del tratto dal grande impatto visivo, dimostrando una maturità artistica che va ben oltre la sua giovane età.
Per quanto riguarda il mondo del fumetto, oltre al già citato Grimorio l'artista ha preso parte al progetto NuName, e attualmente è al lavoro su di una nuova storia per Ave - Nice to Meet You, il nuovo progetto in crowdfunding di Attaccapanni Press, che potete sostenere a questo indirizzo. Di seguito trovate una tavola della storia "Mala", creata per l'antologia (qui maggiori infomazioni).

Noemi3

Abilità grafiche eccellenti e la capacità di mescolare molteplici influenze artistiche di astrazione fortemente diversa, dall'ascendente sino-giapponese ai rimandi alla russia imperiale agli anni '20 e '50, uniti con grande euritmia e creatività, disinvoltura e consapevolezza, senza mai rinunciare ad un gusto estetico sublime, la rendono di certo una delle artiste più promettenti attualmente presenti sulla scena italiana.
Potete seguire l'artista sulla sua pagina Facebook, su Instagram e su Tumblr, mentre qui sotto trovate una gallery contente alcuni dei suoi lavori più recenti.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.